Cambiare per trovare piacere sul lavoro

Persino la pandemia di Covid-19 può insegnare qualcosa. I mutamenti di abitudini e di condizioni personali e professionali, dovuti all’emergenza sanitaria, hanno avuto un impatto anche sulla cultura del lavoro. Flessibilità e digitalizzazione sono diventate due costanti inedite per molte professioni. Interi settori hanno dovuto reinventarsi e anche i più ‘fedeli’ ai propri progetti di vita e di lavoro si sono ritrovati a confrontarsi con lavori nuovi.

In tedesco esiste una parola per indicare chi decide di mollare tutto e cambiare carriera: Quereinsteiger, o per le donne Quereinsteigerin. Difficile da tradurre, il termine rimanda all’idea di un ingresso ‘trasversale’ e aggiunge una connotazione negativa al corrispettivo italiano di “nuovo arrivato”. Andare contro la tradizione e cambiare carriera in Germania è sempre stato considerato un rischio, almeno fino all’avvento della pandemia.

Il sistema duale di istruzione e formazione professionale fa sì che i giovani tedeschi sappiano già all’età di 15 anni quale sarà il loro futuro lavorativo. Ciò garantisce una forza lavoro altamente qualificata sin dall’ingresso nel mondo del lavoro, ma rende più difficile la mobilità tra carriere differenti. In media, un tedesco mantiene lo stesso lavoro per almeno 11 anni, meno che in Italia, dove la media secondo i dati Ocse è di 12 anni.

Adesso, le difficoltà legate al mantenimento del proprio posto di lavoro, unite al fermo forzato di intere attività, stanno ponendo sotto una luce nuova i tanto criticati Quereinsteiger. Chi cambia lavoro, magari a metà della sua carriera, non è più visto con sospetto, tanto che il numero di tedeschi che stanno considerando di cambiare lavoro è più alto che mai. Secondo una survey condotta su oltre 1.550 lavoratori da Xing, piattaforma social tedesca specializzata in ricerca di lavoro, per un terzo dei lavoratori di Germania, Austria e Svizzera trovare significato e piacere sul lavoro è diventato più importante da quando è iniziata la pandemia.

Anche la politica si è accorta dei benefici che possono apportare i Quereinsteiger. Il Governo di Angela Merkel – guidato, peraltro, da una ricercatrice scientifica che si è data alla politica – sta contribuendo a eliminare lo stigma su coloro che vogliono intraprendere una nuova carriera attraverso un sito web con interviste e consigli per cambiare lavoro.

Fonte: BBC

Germania, covid-19, cambiare lavoro


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Il benessere dei lavoratori in remoto dopo l’emergenza Covid

Il benessere dei lavoratori in remoto dopo l’emergenza Covid

/
Tra i suoi tanti, per lo più tristi, record, il ...
Lo stipendio viene prima della carriera

Lo stipendio viene prima della carriera

/
Nell’era delle incertezze, il lavoro (quando c’è) va preservato. Anche ...
Che fine fanno candidati e recruiter che spariscono all’improvviso?

Che fine fanno candidati e recruiter che spariscono all’improvviso?

/
Al tempo delle relazioni nate sui social o su un’App ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano