Autore: Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

I lavoratori si trovano cercandoli e offrendo giusti compensi

La colpa, per molti, è del reddito di cittadinanza. Da tempo su giornali e tivù si moltiplicano gli appelli di ristoratori, albergatori e associazioni di categoria, che lamentano l’assenza di giovani disposti a lavorare come camerieri, cuochi e baristi. La Fipe-Confcommercio riferisce di 150mila lavoratori che mancano all’appello nel Turismo e nella Ristorazione. Ora che sono riprese numerose attività,...

Continua a leggere

Estonia e Islanda, i paradisi (europei) degli smart worker

A bordo piscina, alle pendici di una montagna innevata o nella città più esotica del mondo. Il trend del work from anywhere, stimolato dalla diffusione del lavoro da remoto, esercita un appeal crescente, soprattutto sui più giovani. Eppure, anche vivere da nomadi digitali ha i suoi costi. Innanzitutto, fiscali. Il New York Times ha stilato una guida per i lettori che pianificano di lavorare all’estero...

Continua a leggere

Cambiare lavoro per non rinunciare allo Smart working

Cambiare (di nuovo) abitudini non è facile. Dopo il periodo iniziale di assestamento, la maggior parte dei dipendenti ha apprezzato il lavoro a distanza ereditato dai primi lockdown, tanto da considerare la diversa modalità operativa come la ‘nuova normalità’ nei rapporti di lavoro. Con l’avanzare della campagna di vaccinazione, i tentativi delle aziende di riportare le persone in ufficio si stanno...

Continua a leggere

Liberiamoci dalle video call con lo Zoom-free day

Per molte aziende, alle prese con la gestione di una forza lavoro improvvisamente distante, hanno rappresentato l’unica ancora di salvezza durante i lockdown. Adesso, dopo mesi di calendari fitti di riunioni e ‘allineamenti’, è venuta l’ora di dire basta alle video call. Almeno un giorno alla settimana. L’iniziativa, già in vigore negli istituti finanziari di HSBC e Citi, è stata ribattezzata “Zoom-free...

Continua a leggere

Formazione, se il Pnrr dimentica i lavoratori (e punta solo sui disoccupati)

L’attesa, adesso, è tutta per i decreti attuativi. Dopo il via libera del Governo al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), è cominciata l’analisi – capitolo per capitolo – dell’ambizioso progetto di riforma che deve dare attuazione nel nostro Paese al programma europeo Next Generation Eu. L’Italia è la prima beneficiaria, in valore assoluto, dell’iniziativa e ha a disposizione risorse...

Continua a leggere

Lavoro per obiettivi: gli strumenti digitali per monitorare le performance

Lavorare per obiettivi significa organizzare le attività sulla base dei risultati da raggiungere in tempi prestabiliti. Affinché un tale modello di organizzazione del lavoro funzioni, occorre, dunque, tenere sotto controllo due elementi chiave: le performance e le tempistiche. Nell’era del lavoro ibrido, la soluzione è affidarsi a strumenti che consentano di tenere traccia dell’avanzamento dei processi....

Continua a leggere

Chi meglio include più performa

L’esperienza sembrava suggerirlo, adesso lo conferma anche una ricerca: le aziende più Lgbtq-friendly hanno rendimenti più alti e migliori. Almeno rispetto ai dati delle quotazioni di Borsa. La ricerca condotta da Jukka Sihvonen, Assistent Professor alla Aalto University School of Business ha esaminato il rapporto tra policy aziendali inclusive verso la comunità Lgbtq e le performance dell’impresa,...

Continua a leggere

Con l’employee experience cresce la produttività

Una buona esperienza utente richiede alta personalizzazione, anche sul posto di lavoro. Con un numero alto di dipendenti che operano da remoto e una presenza ancora ridotta in ufficio, è fondamentale per le organizzazioni fare affidamento su strumenti digitali efficaci e disegnati sulle esigenze dell’utente. Un’urgenza ancora più sentita dai Direttori del Personale, chiamati a gestire a distanza...

Continua a leggere

Fluidità di pensiero nella continuità, il vantaggio di lavorare in famiglia

Un terzo figlio per alcuni, una sorella ingombrante per altri. Se l’impresa diventa un affare di famiglia, meglio programmare bene il passaggio da una generazione all’altra. Ne è convinta Paola Caspani, Chief Operation Officer e socia, insieme con il marito Luigi Rusconi, di Saep Informatica, software house specializzata in soluzioni gestionali e contabili per  piccole, medie e grandi imprese. ...

Continua a leggere

Per crescere serve… una buona connessione

Senza Rete non c’è crescita economica. Una connessione a Internet lenta, inaffidabile o semplicemente inesistente è una delle principali cause della ridotta crescita economica di intere aree del mondo. Anche nei Paesi più avanzati le zone rurali faticano a tenere il passo delle dinamiche metropoli a causa di uno scarso accesso alla Rete. E la pandemia ha reso, se possibile, ancora più urgente modernizzare...

Continua a leggere

Il nuovo ufficio? Componibile come un Lego

Per il New York Times il nuovo volto degli uffici di Google, che il quotidiano statunitense ha potuto visitare in anteprima, si sintetizza come l’incontro tra Ikea e Lego: uno stile moderno, leggero e soprattutto componibile, perché ogni ufficio si può costruire da zero aggiungendo un tassello dopo l’altro. Il colosso di Mountain View sta, infatti, ridisegnando i canoni dell’ufficio post pandemico,...

Continua a leggere

Un green pass anche per il lavoro

Ufficialmente si chiama “certificazione verde”. È il pass, introdotto già dal decreto anti-Covid del 22 aprile 2021 per spostarsi tra Regioni in fascia arancione o rossa. Ora che l’Italia si è tinta di giallo, la certificazione con cui si dimostra di essere stati vaccinati, di essere guariti dal Covid-19 o di essersi sottoposti a tampone con esito negativo dovrebbe servire anche per partecipare...

Continua a leggere

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano