lavoro in ufficio

Le donne hanno bisogno dell’ufficio

Sono le più tentate dal lavoro da remoto perenne. Chiamate a barcamenarsi tra carichi domestici e cura dei figli, le donne sarebbero le più attratte dalla prospettiva di non ritornare in ufficio. Secondo una ricerca condotta dalla Stanford University, il 32% delle donne americane laureate con figli vorrebbe continuare a lavorare a tempo pieno e da remoto, contro il 23% degli uomini nelle stesse condizioni.

Una scelta comprensibile, se si pensa al carico aggiuntivo di lavoro che comporta il doversi spostare tutti i giorni e il venir meno della possibilità di ‘incastrare’ impegni familiari e di lavoro quando si opera da casa. Eppure, la volontà diffusa di rinunciare all’ufficio non è una buona notizia per la causa delle donne sul lavoro: uno studio pre-pandemia sul work-life balance suggerisce che le donne abbiano più probabilità degli uomini di subire il cosiddetto ‘stigma della flessibilità’.

Se durante le fasi più acute della pandemia, lavorare da casa è diventato comune, una volta riprese le attività d’ufficio, le diverse modalità di lavoro potrebbero finire per accrescere il divario di genere: minore familiarità con capi e responsabili, occasioni più rare di confronto, minori opportunità di instaurare relazioni interpersonali con i colleghi. Tornare in ufficio significa anche prendersi una pausa dal carico mentale e domestico e avere maggiori occasioni di soddisfazione personale e di crescita professionale. Se le donne rimangono a casa (a lavorare), corrono il rischio di rendere il famoso soffitto di cristallo ancora più spesso.

Fonte: The Economist

lavoro, differenze di genere, ufficio, genere, soffitto di cristallo


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Smart working

Il valore del tempo: il caso di Aeroporto di Bologna

/
“Il tempo è la risorsa più preziosa che ognuno di ...
empatia

Cercasi leader empatici

/
Più che in altri periodi storici, in quello che stiamo ...
Open space

Come si apprende per osmosi da remoto?

/
Iniziare un nuovo lavoro può essere stressante. Comprendere le divisioni ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano