Categoria: Ambiente di lavoro

Ambiente di lavoro

Lavoro_demotivazione

Siamo uomini o lavoratori?

Dopo la pandemia molte persone hanno deciso di dedicarsi maggiormente alla loro vita privata, facendo il minimo indispensabile in ufficio. Questo fenomeno è stato definito “quiet quitting”, ovvero abbandono silenzioso e ha trovato un’efficace cassa di risonanza sulla piattaforma social Tik Tok, come si legge in un’analisi proposta dalla Bbc. In un video pubblicato dall’emittente britannica e postato...

Continua a leggere

work-life balance

Più produttivi senza pensare troppo al lavoro

Nonostante il Covid abbia ridisegnato gli equilibri tra lavoro e vita privata a favore di quest’ultima, non ha intaccato la produttività dei lavoratori. A sottolinearlo è un articolo pubblicato da Forbes secondo cui nella fase post pandemia le persone, pur dovendo destreggiarsi tra Smart working e affetti, sono state capaci di mantenere al meglio un bilanciamento tra i due ambiti, rimanendo performanti...

Continua a leggere

Generazione Z

La trasparenza come leva di motivazione della Generazione Z

I giovani lavoratori della Generazione Z sono cresciuti in un mondo in cui moltissime informazioni sono a portata di clic. E in cui sono in grado di trovare le risposte a molte più domande rispetto alle persone delle generazioni che le hanno precedute. Una volta entrati nel mondo del lavoro, però, i più giovani si scontrano con realtà dove non sempre le informazioni sono accessibili e manca la volontà...

Continua a leggere

Conflitto

Tornare in ufficio per gestire (con efficacia) i conflitti

Lavorare da remoto può compromettere le relazioni d’ufficio perché comunicare virtualmente richiede molta più empatia rispetto all’incontro faccia a faccia. A pensarlo è Christian Ulbrich, Amministratore Delegato del gruppo immobiliare Jll, che ha affidato le sue riflessioni a Benefit News, testata statunitense specializzata nei temi legati al mondo del lavoro. Dal punto di vista del manager questa...

Continua a leggere

Disconnessione_lavoro

Definire i limiti del lavoro sempre connesso

Le chiavi per la fidelizzazione, il coinvolgimento e la felicità sul posto di lavoro risiedono in due elementi critici: confini e connessione. È la prospettiva di Esther Weinberg, Chief Leadership Development Officer di The Ready Zone, azienda di consulenza statunitense, che ha affidato le sue riflessioni a Forbes. Per la manager, i confini sono fondamentali per una vita sana, ma con lo Smart working...

Continua a leggere

Great resignation_dubbi

E se avessi sbagliato a lasciare il lavoro?

Gran parte della narrativa attorno alla Great resignation si è concentrata su persone che, insoddisfatte del proprio lavoro e ispirate da una diversa idea di equilibrio e di felicità, sono andate alla ricerca di situazioni lavorative che permettessero loro di vivere meglio. Meno evidenza è stata data su chi, dopo aver preso una decisione di questo tipo, è rimasto insoddisfatto della sua nuova realtà...

Continua a leggere

Abbigliamento_lavoro

Che fine hanno fatto giacca e cravatta in ufficio?

Se fino a una ventina di anni fa, in ufficio era prassi comune indossare abiti formali, che prendessero come riferimento l’abbigliamento dei piani alti delle gerarchie aziendali, dai primi Anni 2000, quando il settore tecnologico è diventato tra i motori trainanti dell’economia, questo approccio al dress code – con i dirigenti della Silicon Valley che vanno in ufficio in jeans e felpa con il cappuccio...

Continua a leggere

Cisco a Venezia sperimenta nuove modalità di lavoro sostenibile

Quale sarà il modello di lavoro con cui dovranno confrontarsi le nuove generazioni? Quali sono gli elementi necessari affinché i nuovi paradigmi professionali possano davvero realizzarsi in maniera compiuta e positiva? Sono domande che le aziende si fanno da tempo e sappiamo che non esiste una risposta univoca. C’è chi, però, sta già sperimentando nuove modalità di lavoro del futuro: è il caso di...

Continua a leggere

Settimana corta

Lavorare meno giorni frenerà la Great resignation?

Dopo essere diventata realtà in Paesi come l’Islanda e in aziende come la piattaforma statunitense di crowdfunding Kickstarter o la filiale neozelandese della multinazionale britannica Unilever, la settimana lavorativa di quattro giorni è arrivata anche al Parlamento dello Stato della California; la proposta di legge è giunta in aula sulla spinta della deputata democratica Cristina Garcia (che dal...

Continua a leggere

Premio

Grandi dimissioni, chi se ne va non piglia premio

Gli ultimi due anni sono stati particolarmente difficili sia per le aziende sia per le persone. La pandemia ha avuto un forte impatto sul mercato globale e ha portato alcune imprese a tagliare i costi e a rivedere le priorità anche rispetto agli investimenti sul personale. La riduzione delle attività di team building, il diffondersi del lavoro agile, l’incertezza sul proprio futuro professionale...

Continua a leggere

Felicità

Alla ricerca della felicità (anche nel lavoro)

Realizzare i propri desideri è diventata una prerogativa delle persone, tanto in ambito personale quanto in quello lavorativo. In particolare sono i Millennial (la generazione dei nati tra il 1981 e il 1996) a inseguire questo obiettivo, i quali ricercano meno stress, più flessibilità, ma anche opportunità di crescita e carriera. Lo hanno evidenziato i dati 2022 dell’Associazione Ricerca felicità,...

Continua a leggere

Team

Altro che two is megl che one

Quando le capacità dei team superano quelle degli individui? Nonostante l’importanza di questa domanda nei più svariati ambiti, c’è chi da tempo è impegnato a lungo per definire una risposta chiara. La ricerca di Abdullah Almaatouq, Assistente Professore del MIT Sloan School of Management, aiuta a districarsi nel tema, mostrando come – stando agli studi fatti dalla sua squadra – i compiti semplici...

Continua a leggere

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano