Autore: Il GuastafESTE

Articolo a cura di

Il GuastafESTE è uno pseudonimo dietro cui si cela un riconosciuto esperto di cultura aziendale

GuastafEste

Amazon_Sciopero

Sciopero Amazon, se il manager si fa sostituire da un algoritmo

Il caso Amazon è di attualità per via dello sciopero – dei driver, addetti agli hub e ai magazzini – del 22 marzo 2021. Non è che il caso esemplare di una situazione sempre più diffusa. La situazione sembra la stessa della catena di montaggio. Ma c’è una grande differenza: l’Intelligenza Artificiale (AI) è feroce e disumana nell’alzare i ritmi e soprattutto il sistema è governato da lontano. Chi...

Continua a leggere

Predicare bene (nell’HR) e razzolare male

Si ha notizia di diverse grandi aziende che si vantano, orgogliose, di aver ottenuto anche nel 2021 la certificazione “Top Employer”. Ma per tutte è vera gloria? C’è da chiedersi se i criteri presi in considerazione dall’ente certificatore siano adeguati a misurare la qualità, l’efficacia, l’etica delle politiche del personale e delle strategie rivolte a garantire livelli retributivi e livelli occupazionali....

Continua a leggere

Cleaver_genere

L’ipocrisia e la questione di genere

Il Congresso degli Stati Uniti ha iniziato la sua 117ima sessione. Nancy Pelosi è stata rieletta Presidente dell’assemblea. Cosa c’è di nuovo? Il trionfo della moda del politicamente corretto. Un tempo bastava dire che tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge; oggi a quanto pare alla cittadinanza – diritto di ognuno – si sostituisce l’appartenenza a una lobby, che definisce i diritti di...

Continua a leggere

Confindustria

Ma quale Presidente?

Un’associazione o un’istituzione si qualificano attraverso la propria storia, e cioè attraverso le figure che ne sono state al vertice. La gloriosa storia costituisce la fonte del peso politico presente. Il prestigio di Confindustria, per esempio, è affidato ai nomi di Giovanni Battista Pirelli, Alberto Pirelli, Volpi di Misurata, e poi nel Secondo Dopoguerra l’armatore Angelo Costa, e, in anni...

Continua a leggere

smart_working_esperti2

Abbiamo davvero bisogno dello Smart working e dei suoi esperti?

Chi ha titolo a parlare, e di scegliere e decidere, in merito al lavoro? I lavoratori stessi, i manager da cui i lavoratori dipendono, i datori di lavoro, le organizzazioni di categoria. Non sembra sia più così. Oggi un nuovo attore è entrato sulla scena: gli esperti di Smart working. Si contano a ben guardare, nel nostro Paese, sulle dita di una mano. Ma si muovono coesi, convinti del diritto a...

Continua a leggere

trump_twitter

Non si muove foglia che algoritmo non voglia

I social network sono Stati digitali nei quali viviamo costretti nelle condizioni di sudditi privi di diritti. Per esempio, i diritti di cui godiamo su Facebook sono solo quelli che, magnanimamente, Mark Zuckerberg si degna di concederci. Tra l’altro, Facebook pretende di misurare tramite algoritmi quali messaggi diffondono odio e quali post contengono notizie false. Gli algoritmi e la loro applicazione...

Continua a leggere

Il Paese vittima del marchionismo

FCA chiede un prestito garantito dallo Stato a una banca tra i cui azionisti stanno gli azionisti di riferimento di FCA. È inutile – e anzi fuorviante – seguire troppo da vicino la vicenda attraverso quello che si legge o si ascolta in questi giorni. Dobbiamo piuttosto dire: ‘Marchionne colpisce ancora’. Nonostante la stima postuma che il personaggio sembra godere presso alcuni sindacalisti e alcuni...

Continua a leggere

coronavirus_smart_working

Smart working e coronavirus, la quarantena come privazione

Si continua a parlare di Smart working come bellissima novità, anche ora che si è diffuso il panico da coronavirus. Fa comodo a diversi lavoratori, ognuno di loro ha motivi personali per scegliere di non recarsi ogni giorno sul posto di lavoro. Certo fa comodo ai datori di lavoro che vogliono abbassare i costi. Poi accade che persone private dei rapporti sociali con i colleghi, scelgano di lavorare,...

Continua a leggere

L’etica finanziaria taglia lo stakeholder più debole

Immaginiamo la Comunicazione interna ed esterna, e magari qualche agenzia pubblicitaria al lavoro, perché, si sa, sono queste le cose cui una grande banca non rinuncia: titoli accuratamente studiati, ovviamente in inglese (Transform 2019, Team 23). Belle presentazioni colorate. Si legge in quella di Transform 2019: “Etica e rispetto: due valori che ci uniscono e sono alla base della nostra cultura...

Continua a leggere

soldi

Se l’interesse del Padrone conta più degli stakeholder

Whirlpool lascia Napoli e 450 operai perdono il posto di lavoro. Che questa fosse la conclusione era  ovvio. Possono mettercisi di mezzo i Ministri. Possono darsi da fare i sindacati. Checché se ne dica e per quanto ci si giri intorno, l’ultima parola ce l’ha il Padrone. Chi è il Padrone? Sono investitori che badano al loro interesse; cioè soggetti interessati al fatto che il loro investimento...

Continua a leggere

Green_washing

Attenti ai professionisti del Green washing

Il rischio climatico, si dice, avrà un impatto non solo sul mondo fisico, ma anche sul sistema globale che finanzia lo sviluppo economico. Gli investitori, si dice, sono sempre più sensibili al mutato scenario di rischio ambientale. Investire in uno scenario instabile, si sa, non piace a nessuno. Ma forse è una scusa. L’investimento è sempre un rischio. Comode situazioni hanno permesso in anni recenti...

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano