Autore: Sara Polotti

Sara Polotti è giornalista pubblicista dal 2016, ma scrive dal 2010, quando durante gli anni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (facoltà di Lettere e Filosofia) recensiva mostre ed eventi artistici per piccole testate online. Negli anni si è dedicata alla critica teatrale e fotografica, arrivando poi a occuparsi di contenuti differenti per testate online e cartacee. Legge moltissimo, ama le serie tivù ed è fervente sostenitrice dei diritti civili, dell’uguaglianza e della rappresentazione inclusiva, oltre che dell’ecosostenibilità.
tecnologia produzione

La transizione modulare verso la fabbrica intelligente

I sistemi informativi sono alla base dell’evoluzione del manufacturing e, se ben progettati, consentono di muoversi con rapidità verso il concetto di fabbrica intelligente. Integrazione, modularità e tecnologia innovativa sono i tre concetti chiave per il successo di un’azienda che voglia digitalizzarsi, connettersi e potenziare i propri processi operativi, rendendoli snelli, efficienti e...

Continua a leggere

intelligenza

Non di sola AI vive il recruiter: il ruolo delle intelligenze multiple

Il futuro ruolo del recruiter? Guardare al passato con un occhio rivolto all’innovazione. Prendiamo per esempio la robo-psicologa Susan Calvin, la dottoressa dei robot nata dalla penna di Isaac Asimov il cui ruolo era occuparsi della salute mentale delle macchine: una figura che potrebbe sembrare fantascientifica e arcaica, in realtà incarna bene ciò che il rapporto tra i selezionatori e l’Intelligenza...

Continua a leggere

Supply chain

Know how ed esperienza per una Supply chain integrata ed efficiente

Si dice “fare per imparare”: a volte è considerato un semplice cliché, ma è un approccio vincente che si potrebbe applicare a ogni ambito della vita. Anche nella fabbrica, tradizionale o 4.0 che sia: l’impresa manifatturiera si fonda per definizione sul ‘fare’ e mai come in questo settore è fondamentale l’esperienza sul campo per la buona riuscita delle strategie. Non è un caso, quindi, che i manager...

Continua a leggere

digital transformation

Digital transformation, beati gli ultimi se i primi sono (troppo) innovativi

L’espressione “trasformazione digitale” non significa soltanto adottare nuovi strumenti tecnologici; implica bensì di operare un reale cambiamento organizzativo e culturale stimolati dal digitale, ormai onnipresente nella vita quotidiana e aziendale. Un cambiamento, questo, che deve tuttavia cavalcare l’onda e non avvenire in modo passivo, sperando che i miglioramenti diffusi coinvolgano anche la...

Continua a leggere

Brunetta

La guerra di Brunetta allo Smart working (e ai Baby boomer)

Accanto alla tragedia, la pandemia ha portato con sé alcuni insospettabili vincitori. I QR code, per esempio, che da strumento in declino – almeno nel mondo consumer – grazie a Green pass e menù virtuali dei ristoranti stanno vivendo una nuova vita. Ma vale pure per lo Smart working, seppur sia ancora inteso più come lavoro da casa che come modalità di organizzazione intelligente della prestazione...

Continua a leggere

UX Design

User Experience, anche l’occhio (manifatturiero) vuole la sua parte

Permettere alle aziende manifatturiere di gestire tutti i processi evitando un dispersivo utilizzo di piattaforme multi-software è, di questi tempi, la soluzione a tutto ciò che influenza negativamente il lavoro, e di conseguenza anche la produttività. L’integrazione è, d’altra parte, un punto cruciale della trasformazione digitale. Le attività gestibili end-to-end su un’unica piattaforma sono infatti...

Continua a leggere

L’era dei dati come prodotto e come nuova moneta

Il modo di produrre influenza la società: quando esso si rinnova, si verificano cambiamenti radicali nel tessuto sociale. Proprio come sta accadendo oggi, in un periodo che vede le aziende italiane coinvolte nel passaggio dalla produzione industriale all’offerta esperienziale. L’esperienza è, infatti, il vero prodotto e la vera sostanza, tanto nel B2C quanto nel B2B, ma è necessario un cambiamento...

Continua a leggere

Fabbrica

La fabbrica che si adatta alla creatività dei designer (e non viceversa)

Quando nel 1962 Achille Castiglioni e il fratello Pier Giacomo Castiglioni inventarono la lampada Arco (oggi esposta addirittura al Museum of modern art – MoMA – di New York), non guardarono solo all’azienda e ai suoi macchinari, pur essendo designer particolarmente votati all’industrializzazione. Pensarono soprattutto al prodotto e alla sua funzione, lasciando alla allora giovane Flos il compito...

Continua a leggere

Technogym

Il wellness in azienda porta benefici (anche economici)

Un tempo erano le palestre aziendali. Si è passati poi ai corsi di gruppo. Oggi ci sono programmi semplici, efficaci e comodi fruibili direttamente da casa, senza per questo rinunciare alla condivisione: il benessere fisico e la possibilità di prendersi cura del proprio corpo sono una parte importante del welfare aziendale. Non più un plus, ma un servizio che può essere considerato al pari dei tanti...

Continua a leggere

Orientarsi nella formazione aperta

Se il 2020 ha portato qualcosa di buono, questo qualcosa è la formazione. Vista sempre di più come elemento di benessere, la tendenza delle aziende è quella di offrire percorsi formativi capillari e su misura. E i temi approfonditi non riguardano solo il digitale (per quanto la digitalizzazione sia effettivamente prioritaria di questi tempi). Formare significa per le aziende investire sul capitale...

Continua a leggere

Software e pregiudizio

Una premessa doverosa: l’essere umano ha dei bias cognitivi, dei pregiudizi. Sono inconsci, sono innati, sono innegabili. Il primo passo verso un mondo equo è riconoscere di avere questi pregiudizi – giudizi pre-conoscenza – che rischiano di incasellare come ‘buono’ o ‘cattivo’ (a grandissime linee) chi ci si trova di fronte, semplicemente sulla base di alcuni aspetti (genere, provenienza, orientamento...

Continua a leggere

Partnership Compendium-ADP, per l’integrazione dei dati HR

L’ultima frontiera degli strumenti per la gestione delle risorse umane è l’integrazione, cioè rendere disponibili diversi servizi su un’unica piattaforma. Ed è così che i responsabili HR possono avere pieno controllo e visibilità delle informazioni sulle persone dell’azienda (rimborsi, trasferte, documenti, budget, costo del lavoro, cedolini, ecc). È proprio per offrire maggiore integrazione che...

Continua a leggere

  • 1
  • 2
  • 6

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano