Salvini

Lotta alla dispersione scolastica e valorizzazione degli istituti professionali

Rimettere il merito al centro del sistema scolastico e universitario; contrastare la dispersione scolastica; valorizzare l’istruzione professionale legandola maggiormente alle richieste del mondo delle imprese. Questi sono alcuni dei punti, relativi al tema della scuola, inseriti dai partiti di Destra e di Centrodestra nei loro programmi elettorali in vista delle elezioni del 25 settembre 2022.

Fdi rimette il merito al centro del sistema scolastico e universitario

Fratelli d’Italia (Fdi) affronta il tema della scuola nel paragrafo numero otto del suo programma, intitolato “Rilanciare la scuola, l’università e la ricerca”, in cui si sottolinea l’importanza di rimettere il merito al centro del sistema scolastico e universitario per alunni e corpo docente. Nello specifico, tra le tante proposte, ci sono: il contrasto alla dispersione scolastica; la tutela delle materie classiche e il potenziamento dell’insegnamento delle materie scientifiche in tutti gli istituti. A queste si aggiungono: il raggiungimento della padronanza della lingua inglese; il ripristino degli indirizzi di studio abilitanti al lavoro; l’istituzione del liceo del Made in Italy; la valorizzazione degli Istituti tecnici e la riforma dei Percorsi trasversali per le competenze e l’orientamento (Pcto).

Altri punti del programma sottolineano: l’importanza di promuovere maggiormente lo sport nelle scuole; l’utilizzo di libri in formato elettronico; l’avvio di un confronto con il mondo della scuola per valutare la possibilità di ridurre di un anno il percorso di studi scolastico. Per quanto riguarda i docenti, il programma di Fdi sottolinea la valorizzazione della professione del docente attraverso il contrasto al precariato storico, l’aggiornamento continuo per gli insegnanti e il progressivo allineamento degli stipendi del corpo docente alla media europea. Per quanto riguarda l’università, infine, è citata, tra le tante questioni, anche la necessità di garantire il merito nell’accesso alla carriera accademica e di favorire la sinergia tra università e privati in ambito di ricerca e brevetti.

La Lega contro il precariato e per lo sviluppo degli istituti professionali

Nel paragrafo intitolato “Istruzione” del suoi programma elettorale, la Lega propone di: sviluppare gli istituti professionali come scuole di alta specializzazione; conciliare inclusione e valutazione studenti; garantire la specializzazione per le attività di sostegno. Nello specifico, secondo la Lega, la sfida è legare maggiormente l’istruzione professionale statale e la formazione professionale degli enti accreditati al mondo dell’impresa e della produzione, il tutto con l’obiettivo di riallineare l’offerta formativa della filiera tecnica e professionale alla domanda proveniente dai distretti economico-produttivi e a competenze in linea con il Piano nazionale Industria 4.0. Per quanto riguarda, invece, i docenti di sostegno, il programma delle Lega precisa che chi ha maturato almeno tre anni di esperienza sul campo seguendo alunni con disabilità deve poter accedere direttamente ai corsi di specializzazione.

In tema di prevenzione sanitaria, la Lega propone investimenti su spazi aggiuntivi e personale per poter ridurre il numero di alunni per classe, così da rispettare il distanziamento anticontagio. A ciò si aggiunge l’istituzione di presìdi sanitari di medicina scolastica attraverso l’inserimento nell’organico della scuola della figura dell’infermiere-operatore sanitario.

Un altro punto del programma riguarda l’importanza di un riconoscimento corretto del diritto all’inclusione, per garantire a ciascun individuo concrete possibilità d’interazione sociale e l’inserimento in attività lavorative commisurate alle competenze acquisite. A questi punti si aggiungono la volontà di intervenire per superare il precariato; ma anche la necessità di coprire la carenza di personale docente e Ata, e di adeguare gli stipendi.

Centrodestra, focus sull’edilizia scolastica e la ricerca universitaria

Il programma comune del Centrodestra affronta il tema della scuola della formazione universitaria al paragrafo 15. Tra le proposte ci sono: la revisione in senso meritocratico e professionalizzante del percorso scolastico; un piano per l’eliminazione del precariato del personale docente e investimenti nella formazione e aggiornamento dei docenti; ammodernamento, messa in sicurezza e nuove realizzazioni di edilizia scolastica universitaria. A questi punti si aggiungono: la promozione delle scuole tecniche professionali; l’allineamento ai parametri europei degli investimenti nella ricerca; il riconoscimento della libertà di scelta educativa delle famiglie attraverso il buono scuola.

Fratelli d’Italia: https://www.fratelli-italia.it/wp-content/uploads/2022/08/Brochure_programma_FdI_qr_def.pdf

Lega: https://static.legaonline.it/files/Programma_Lega_2022.Programma comune del

Centrodestra: http://www.forza-italia.it/speciali/PER_L_ITALIA_Accordo_quadro_di_programma_per_un_Governo_di_centrodestra.pdf

istruzione, Elezioni 2022, Fratelli D'Italia, Lega

Papa Francesco

Giusto e decente, il lavoro secondo Papa Francesco

/
Da tempo, ormai, Papa Francesco ha deciso di schierarsi su ...
Giorgia Meloni

L’Italia post elezioni: le sfide del nuovo Governo (di centrodestra)

/
Mentre la coalizione di centrodestra si attesta al 44%, Fratelli ...
Pedranzini_PdM

Voto e imprese: sfide mai vissute nel passato

/
È un momento impegnativo quello che stanno vivendo le aziende ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano