realta_aumentata.jpg

Manufacturing, la competizione passa dalle nuove tecnologie

Industria 4.0, Macchine learning, Internet of things: questi concetti, che forse poco dicono ancora a chi ha sempre vissuto e inteso il lavoro in modo tradizionale, si stanno invece diffondendo sempre di più anche nella cultura industriale.

Concetti come Intelligenza Artificiale (AI), apprendimento delle macchine e Internet delle cose (IoT) stanno portando a un cambiamento profondo all’interno del mondo del lavoro, di come viene concepito e anche della sua etica, portandosi dietro anche una scia di dubbi e domande ancora senza risposta.

E se il fisico danese Niels Bohr, premio Nobel del 1922, ha detto che “è molto difficile prevedere, specialmente il futuro”, anche solo fermandoci allo stato attuale possiamo notare come le nuove tecnologie abbiano permeato, in modo radicato e profondo, il mondo industriale.

Nelle fabbriche, in particolare, sono riscontrabili i molteplici vantaggi nelle varie fasi di monitoring e controllo, processi produttivi e interventi da remoto su macchinari e situazioni complesse.

In particolare modo il nostro Paese, settima potenza manifatturiera al mondo e seconda in Europa dopo la Germania, farebbe bene a familiarizzare al più presto con questi concetti: per stare al passo dei grandi e agguerriti competitor a livello internazionale, deve rendere le proprie aziende il più efficienti e performanti possibile. Non per nulla l’analisi della trasformazione tecnologia e l’impatto sul Manufacturing è al centro del progetto della casa editrice ESTE, FabbricaFuturo che mette a confronto idee, racconta casi di eccellenza e propone soluzioni concrete per l’azienda manifatturiera italiana di domani.

Maggiore competitività con le nuove tecnologie

Nella Microsoft House di via Pasubio a Milano, sono già visibili nel concreto, all’interno del laboratorio Manufacturing experience, alcuni interventi basati sull’AI fino a qualche tempo fa impensabili. “L’AI è in grado di accelerare la crescita con un incremento del Pil pari all’1% annuo: è chiaro il valore strategico degli investimenti in questa prospettiva”, ha detto Andrea Cardillo, Direttore del Microsoft Technology Center.

Le macchine, infatti, sono in grado di compiere diverse azioni, dalla previsione della domanda all’approvvigionamento delle materie prime e ai rapporti con i fornitori, dalla gestione della produzione alla vendita del prodotto finito, dal suo monitoraggio ai servizi di post vendita, manutenzione in primis.

Nel laboratorio, che rappresenta lo spaccato di un’azienda manifatturiera in tutti i suoi processi produttivi, si può interagire con i robot collaborativi osservando come questi, grazie a braccia mobili e telecamere integrate, riescano a effettuare in modo indipendente il controllo qualità; oppure monitorare in toto i meccanismi industriali da remoto, arrivando a verificare ogni minimo dettaglio, per individuare (anche in modo predittivo) problemi o criticità del sistema.

E ancora, si può sperimentare nella pratica l’applicazione Microsoft Dynamics 365 Remote Assist, che permette di far dialogare e collaborare in tempo reale un tecnico sul campo con un operatore più specializzato da remoto: grazie a un device, entrambi vedranno le stesse cose e l’esperto potrà guidare il tecnico passo dopo passo nella risoluzione dei guasti.

Lo stesso può essere fatto utilizzando HoloLens (il visore di realtà mista di Microsoft), che ha il vantaggio di lasciare libere le mani del tecnico ed è in grado di sovrapporre alla macchina che ha necessità di manutenzione un ologramma, con le istruzioni per smontarla e rimontarla.

Più efficienti con la Realtà Aumentata

Tra le varie aziende che si stanno specializzando nell’applicazione industriale dell’AI c’è anche TeamViewer, uno dei principali fornitori a livello globale di soluzioni di accesso e controllo remoto sicuro.

L’azienda sottolinea quanto, in Italia, le Pmi – indipendentemente dal settore merceologico – abbiano tutte la stessa esigenza quando si parla di gestione IT: avere i processi automatizzati e una gestione centralizzata in modo da ridurre i costi, risparmiare tempo e aumentare l’efficienza.

Grazie, per esempio, a TeamViewer Pilot, è possibile estendere la potenza del software di assistenza remota nel mondo reale grazie alla Realtà Aumentata. Si può quindi consentire agli esperti di guidare a distanza gli utenti attraverso operazioni complesse grazie alla condivisione di voce e di ciò che vedono dalla fotocamera dello smartphone. Le aziende trarranno vantaggio da una più rapida risoluzione dei problemi, ridotti tempi di inattività e costi di viaggio e una migliore supervisione.

Il sistema può essere reso ancora più agevole grazie all’uso di auricolari e smart glass, che consentono a eventuali tecnici in loco di avere le mani libere. Con un supporto in tempo reale e da remoto, il tecnico di assistenza può completare il suo intervento più rapidamente in qualsiasi situazione, riducendo i tempi di fermo macchina e migliorando quelli di risposta.

“Per le realtà industriali diventa impegnativo avere la persona giusta fisicamente in loco per risolvere problemi immediati”, ha spiegato Gautam Goswami, CMO di TeamViewer. “Con TeamViewer Pilot l’esperto può essere onsite in qualsiasi parte del mondo. Stiamo aggiungendo ora il supporto per auricolari e smart glass, in modo che gli operatori in campo e i tecnici che lavorano su problemi di assistenza, riparazione o funzionamento possano essere assistiti visivamente da esperti da remoto, utilizzando entrambe le mani per eseguire istruzioni guidate. Il tutto migliorando produttività e soddisfazione del cliente”.

Oltre a vedere in tempo reale ciò che gli addetti stanno gestendo, grazie alla Realtà Aumentata gli esperti possono creare annotazioni con frecce, disegnare a mano libera, guidare i vari passaggi in corrispondenza degli oggetti che chi è in loco può vedere. Con la tecnologia di TeamViewer Pilot le aziende possono creare un “centro condiviso di esperti” che riduce le interruzioni del lavoro causate dalla carenza di personale qualificato. Che potrebbe quindi trovarsi a “operare” dall’altra parte del mondo, in tempo reale, grazie a mani e occhi di qualcun altro.

tecnologia industry 4.0, HoloLens, Realtà Aumentata, TeamViewer

Dal cloud agli Edge server, la fabbrica si fa digitale

Dal cloud agli Edge server, la fabbrica si fa digitale

/
L’emergenza sanitaria ha accelerato i processi di adozione di modalità ...
Rafforzare sicurezza e accessibilità per i nuovi modelli di lavoro

Rafforzare sicurezza e accessibilità per i nuovi modelli di lavoro

/
La pandemia ha cambiato tutto. Fra gli effetti più impattanti, ...
Controlla il business per gestire rischi e performance

Controlla il business per gestire rischi e performance

/
Attendere che gli eventi accadano e poi decidere di intervenire ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano