Giorgia_Meloni_Lavoro

Meloni rottama il decreto Dignità

È il ‘decretone’ sul lavoro destinato a riscrivere parte delle regole tra aziende e lavoratori, dei pensionamenti e anche il Reddito di cittadinanza (Rdc), che da gennaio 2024 sarà sostituito dalla Garanzia per l’inclusione lavorativa (Gil) e dalla Garanzia per l’attivazione lavorativa (Gal). E soprattutto le nuove misure ‘rottamano’ il decreto Dignità del 2018, con nuove regole – meno stringenti – per il rinnovo dei contratti a termine.

  • decreto_lavoro

La novità del decreto sul lavoro è proprio quest’ultima, perché si mette mano a quanto imposto dal decreto Dignità, che prevede la proroga di 12 mesi dei contratti a termine solo in caso di specifiche motivazioni riferite a oggettivi aumenti dell’attività. La riforma mantiene la possibilità – già prevista dal precedente decreto – di stipulare contratti a termine liberamente per i primi 12 mesi, ma per il rinnovo (si può arrivare fino a 36 mesi) le causali saranno più ‘morbide’: esigenze previste dai contratti (anche aziendali); motivi di natura tecnica, organizzativa e produttiva (individuati con i sindacati); esigenze di sostituzione di altri lavoratori.

Le misure volute dal Governo riguardano però anche gli incentivi per le imprese che assumono giovani Under 30 che non lavorano e non studiano (sono i cosiddetti Neet, acronimo di Not engaged in education, employment or training): si tratta di uno sconto, di un anno, del 60% della retribuzione lorda (in caso di cumulo con la decontribuzione totale per tre anni di giovani con meno di 36 anni, l’incentivo si riduce al 20%). La misura è stata finanziata con 80 milioni per il 2023 e con 52 milioni per il 2024. Nel caso in cui le aziende dovessero, invece, assumere i percettori del sussidio di povertà, gli incentivi arrivano a 8mila euro l’anno per due anni.

In merito al Rdc, dal 2024 cambiano le misure di sostegno a chi è in difficoltà. Chi possiede un Isee fino a 7.200 euro e nel nucleo familiare c’è un minore, un Over 60 oppure un invalido civile, allora farà affidamento alla Gil; la Gal, invece, potrà essere richiesta da chi ha un Isee fino a 6mila euro e da famiglie composte solo da adulti Under 59. Gli aiuti sono previsti tra 350 a 780 euro (in questo caso è comprensivo anche della quota dell’affitto.

decreto dignità, decreto lavoro, contratti termine, reddito cittadinanza

giovani_studio_skillgap

Si studia troppo… ciò che non serve (alle aziende)

/
I più qualificati faticano a trovare una posizione in linea ...
Natalita_aziende

I figli so’ piezz’ ‘e core (e d’azienda)

/
“Un figlio non è solo un fatto privato, ma un ...
Occupati_Pil_italia

Più lavoro, meno produttività: il paradosso che non interessa nessuno

/
Per le celebrazioni per la Festa del Lavoro 2024 sono ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano