Unnia_talento.jpg

La gestione dei talenti è sempre più paperless

Gli avvenimenti della storia recente non solo hanno rivoluzionato economia e abitudini, ma hanno anche coinvolto aziende e lavoratori in un percorso di cambiamento e adattamento, che ha inevitabilmente interessato anche i professionisti HR, portandoli a sviluppare e gestire nuove modalità di ricerca, selezione e gestione dei talenti (o Talent management). Per questo, le tecnologie sono diventate un supporto indispensabile alla professionalità HR.

“In Italia, però, molti reparti HR sono focalizzati più sulla gestione amministrativa delle persone che sul Talent management, che è un approccio molto diverso e paperless, in cui le tecnologie possono davvero fare la differenza”, dichiara Roberto Gemma, CEO di Altea UP (società di Altea Federation che recentemente ha ampliato la propria expertise in ambito Human Capital management acquisendo la società Altea People), che intende il Talent management come supporto ai processi di sviluppo delle Risorse Umane in grado di seguire l’intero ciclo di vita del dipendente (pianificazione, recruitment, competenze, performance, training e learning, compensation, ecc.).

Gestire le persone con l’aiuto di strumenti digitali per Gemma è più efficace perché i dati raccolti permettono di vedere e analizzare la crescita della risorsa nel tempo, con risultati misurabili. “Nel recente passato in azienda si pianificavano le strategie HR annualmente, mentre nella situazione attuale – imprevedibile anche a causa dell’emergenza sanitaria – sarebbe opportuno avere momenti di incontro e condivisione più frequenti per poter adeguare rapidamente la strategia HR con l’evolversi e il variare del contesto di riferimento: per questo servono dati certi”, spiega. I momenti di confronto frequenti fanno parte della cultura del feedback continuo, la metodologia di gestione delle performance che prevede che le persone diano e ricevano feedback sul loro lavoro in maniera costante, continuativa e strutturata.

Dall’osservatorio di Gemma, molti colloqui di feedback vengono ancora svolti con questionari cartacei: “Valutare ‘sulla carta’ è quasi impossibile, perché si dovrebbe avere un ampio dossier per ogni persona sempre a disposizione e con i dati sempre a portata di mano”, sottolinea. Compilare una scheda di valutazione digitalmente, anche da smartphone tramite un’App, è invece un processo più immediato, puntuale e con meno rischi di errore. “Questa digitalizzazione porterà benefici sia ai datori di lavoro sia ai dipendenti, entrambi in grado così di ottenere maggiore flessibilità e controllo nel corso della propria esperienza professionale”, aggiunge. Il CEO è però consapevole che è necessaria una maturità aziendale per sapere usare bene gli strumenti tecnologici a disposizione, e in alcuni casi è necessaria una formazione ad hoc per tutti i livelli organizzativi, a partire proprio dagli HR.

gestione HR, talent management, altea up, Roberto Gemma


Elisa Marasca

Elisa Marasca

Elisa Marasca è giornalista professionista e consulente di comunicazione. Laureata in Lettere Moderne all’Università di Pisa, ha conseguito il diploma post lauream presso la Scuola di Giornalismo Massimo Baldini dell’Università Luiss e ha poi ottenuto la laurea magistrale in Storia dell’arte presso l’Università di Urbino. Nel suo percorso di giornalista si è occupata prevalentemente di temi ambientali, sociali, artistici e di innovazione tecnologica. Da sempre interessata al mondo della comunicazione digital, ha lavorato anche come addetta stampa e social media manager di organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali, soprattutto in ambito culturale.

Fondazione Libellula, dalla cultura nasce il cambiamento

Fondazione Libellula, dalla cultura nasce il cambiamento

/
Di recente il 55% delle donne italiane dichiara di aver ...
Lavoro ibrido, le soluzioni e i servizi di Centro Computer

Lavoro ibrido, le soluzioni e i servizi di Centro Computer

/
L’emergenza sanitaria ha cambiato totalmente lo scenario lavorativo, rendendo la ...
women and men

La rivoluzione gentile di Fondazione Libellula

/
Promuovere cultura per prevenire e contrastare qualsiasi forma di violenza ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano