Conte

Rendere l’istruzione all’altezza delle nuove sfide tecnologiche

Aumentare i fondi da destinare alla ricerca universitaria; favorire la partecipazione delle studentesse ai corsi Stem; promuovere un sistema educativo e della ricerca incentrato su innovazione scientifica e tecnologica. Questi alcuni dei punti, relativi alla scuola, contenuti nei programmi elettorali di Movimento 5 stelle, Impegno civico e +Europa.

M5S: psicologi a scuola e fondi per l’università

Il Movimento 5 Stelle (M5S) sottolinea come scuola, università e ricerca siano le fondamenta della nostra società. Nello specifico le proposte sul tema riguardano: l’adeguamento degli stipendi degli insegnanti ai livelli europei; l’aumento della presenza di psicologi e pedagogisti nelle scuole per fornire un sostegno agli studenti e a tutta la comunità scolastica; l’introduzione di una ‘scuola dei mestieri’ che valorizzi e recuperi la tradizione dell’artigianato italiano. A questi punti si aggiungono: l’aumento dei fondi per l’università e la ricerca; la necessità di favorire l’accesso aperto ai risultati della ricerca; la riduzione del numero chiuso per l’accesso all’università.

+Europa: promuovere le discipline Stem tra le ragazze

+Europa affronta il tema della formazione nel primo capitolo del suo programma. Nello specifico, tra le numerose proposte, si parla della necessità di: aumentare di almeno l’1% del Pil, nel corso della legislatura, la spesa per formazione e istruzione; promuovere maggiore flessibilità nella formazione del livello terziario e investimenti più consistenti sulla ricerca ibrida tra università, centri di ricerca, incubatori e imprese. Ciò deve avvenire, secondo +Europa, attraverso un forte aumento degli investimenti di università e istituzioni pubbliche in ricerca di base e applicata fino a raggiungere l’1,5% del Pil (a oggi è allo 0,5%).

Altri temi affrontati sono poi: la riduzione del ciclo scolastico da 13 a 12 anni e l’innalzamento dell’obbligo scolastico a 18 anni; l’estensione del tempo pieno a tutte le scuole primarie; la riduzione del precariato del corpo insegnanti; la riforma del percorso di abilitazione all’insegnamento; e il sostegno alla residenzialità per gli studenti fuori sede. A ciò si aggiunge la promozione della partecipazione delle studentesse ai corsi Stem; il superamento del valore legale del titolo di studio per innescare un meccanismo concorrenziale virtuoso tra istituti e atenei pubblici e privati; e l’inserimento percorsi di educazione finanziaria con esperti del settore e professori qualificati a partire dalla scuola secondaria di primo grado.

Impegno civico: adeguare i percorsi scolastici alle sfide tecnologiche

Tra le proposte di Impegno civico (Ic) sui temi della scuola ci sono la ridefinizione di percorsi scolastici per rendere i contenuti dell’insegnamento e l’effettivo processo di apprendimento all’altezza delle sfide dettate dallo sviluppo tecnologico; l’introduzione di processi di formazione e valorizzazione economica e funzionale degli insegnanti, che restituisca loro dignità sociale; la riduzione del numero degli alunni per classi; l’assegnazione di maggiori risorse economiche a università e ricerca scientifica, pubblica e privata. Il programma di Ic punta inoltre a rendere gli Its un percorso di eccellenza; vuole fornire ai giovani studenti universitari fuori sede un sostegno; e implementare nuovi strumenti per favorire il riscatto della laurea.

Altri temi chiave sono poi: la promozione di un sistema educativo e della ricerca moderno e capace di  favorire innovazione scientifica e tecnologica; la valorizzazione della cultura e del ruolo degli insegnanti, inclusi i collaboratori dei dirigenti e le figure strategiche di sistema, anche nella governance delle istituzioni scolastiche.

Fonti:

https://assets.nationbuilder.com/piueuropa/pages/1728/attachments/original/1661536519/PROGRAMMA__EUROPA_2022_%284%29.pdf?1661536519

file:///Users/monica/Downloads/ProgrammaM5S_politiche2022%20(10).pdf

https://www.impegno-civico.it/wp-content/uploads/2022/09/Programma-politico_1_Impegno-Civico.pdf

Europa, Elezioni 2022, Movimento 5 stelle, Impegno Civico

Marco_Vitale_PdM

Marco Vitale: “In Italia una società infame per fare impresa”

/
È una visione disillusa quella di Marco Vitale sull'Italia di ...
Salario minimo

Il falso mito del salario minimo

/
Tra i temi chiave al centro della campagna elettorale per ...
elezioni

Elezioni 2022: scuola e formazione nei programmi elettorali

/
La formazione è uno dei pilastri per la ripresa dell’Italia ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano