Imparare dalle crisi

Evolvere i modelli organizzativi per sviluppare competitività e resilienza

Le crisi si caratterizzano per la loro imprevedibilità. E le aziende sono spesso impreparate di fronte agli ostacoli che ne conseguono. Il podcast, che si compone di quattro puntate, affronta alcune tematiche utili per analizzare gli insegnamenti che le organizzazioni dovrebbero trarre dai periodi di emergenza: il racconto è uno spunto di riflessione per le aziende che vogliono crescere e svilupparsi a livello organizzativo. I temi proposti dal podcast sono sviluppati in modo più dettagliato nel libro di Pier Luigi Celli, Lezioni per imprese nostalgiche del futuro. Che cosa stiamo imparando dalle crisi (ESTE, 2021).

A cura di:

Pier Luigi Celli

Verso una nuova leadership

Verso una nuova leadership

Le crisi, si sa, sono imprevedibili. E spesso le aziende non sono in grado di gestirle. Per questo nel libro Lezioni per imprese nostalgiche del futuro. Che cosa stiamo imparando dalle crisi (ESTE, 2021), analizzo quali sono le difficoltà che le aziende devono affrontare nei momenti critici, spiegando come mai i modelli organizzativi mantenuti finora sono ormai superati.

In questa puntata parliamo di come evolve il contesto generale durante i periodi di crisi e come mai le imprese si trovano spesso con modelli organizzativi del tutto inadeguati ad affrontarli, per comprendere poi come si deve sviluppare la leadership nelle aziende in cambiamento.

leadership, pandemia, crisi, Covid, nuovi modelli organizzativi


Pier Luigi Celli

Pier Luigi Celli è nato a Verucchio (Rimini) l’8 luglio 1942. Sposato con Marina, ha due figli. Laureatosi in Sociologia all’Università di Trento, ha maturato significative esperienze come Responsabile della Gestione, Organizzazione e Formazione delle Risorse Umane in grandi gruppi, quali Eni, Rai, Omnitel, Olivetti ed Enel. Il bagaglio manageriale acquisito nella gestione di grandi aziende con business così complessi e diversificati, gli ha permesso nel 1998 di tornare in Rai come Direttore Generale. Dopo aver ricoperto ruoli fondamentali nello startup di nuove attività per la telefonia mobile – Wind e Omnitel – è stato, per un breve periodo, alla guida di Ipse 2000, società di telefonia per l’Umts. Dal 2002 ad aprile 2005 ha lavorato in Unicredito Italiano, come Responsabile della Direzione Corporate Identity, con la missione di dare un’identità a un gruppo che negli ultimi anni ha aggregato sette realtà in Italia e cinque all’estero. Da maggio 2005 a luglio 2013 ha lavorato all’Università Luiss Guido Carli come Direttore Generale e dal 2013 a giugno 2014 in Unipol come Senior Advisor Corporate Identity, Comunicazione e Relazioni Istituzionali. Ha ricoperto la carica di Presidente dell’Enit da maggio 2012 a giugno 2014 e dal 2014 al 2016 ha ricoperto in Poste Italiane il ruolo di Senior Advisor dell’Amministratore Delegato. Oggi è Presidente di Sensemakers, società che offre servizi di consulenza e prodotti in ambito digital basati su Big data e Analytics.

Pirro

Rafforzare la competitività del Mezzogiorno

/
L’Italia sta vivendo due grandi sfide: l’uscita dalla pandemia e ...
Costantino

Nanismo delle imprese: ostacolo o vantaggio?

/
La produttività italiana è notoriamente più bassa rispetto a quella ...
Varanini

L’Italia non è posto per Gigafactory

/
Il futuro dell'Italia dipenderà da imprenditori lontani e dall'allocazione di ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano