Una (nuova) nuvola per la digitalizzazione dell’Italia

Cloud ed Edge computing creano un’infrastruttura all’avanguardia, con cui Tim intende supportare la digitalizzazione del Paese.

Si chiama Noovle Spa ed è il più grande progetto cloud per l’Italia. Almeno è questo l’obiettivo che si è data Tim. Dietro la nuova società c’è, infatti, l’azienda italiana di telecomunicazioni, secondo cui il nuovo soggetto è destinato a diventare il fulcro per le soluzioni cloud ed Edge computing, sviluppando infrastrutture di rete di ultima generazione, competenze chiave nell’Information Technology e nel cloud: per farlo Noovle si appoggerà su una rete di Data center italiani, all’avanguardia e sostenibili.

In questo modo, secondo i vertici dell’azienda, si potrà supportare la digitalizzazione del tessuto produttivo e amministrativo italiano, accelerando la trasformazione digitale già in atto, e intensificando l’offerta di servizi innovativi di public, private e hybrid cloud alle imprese, rivolgendosi sia a PMI sia alla grande industria e alla Pubblica amministrazione. Dunque, arrivare a creare la ‘nuvola’ in cui tenere al sicuro le informazioni, ma che al tempo stesso consenta l’elaborazione dei dati con modalità inedite.

Se il 2020, con la pandemia e i conseguenti cambiamenti che si sono scontrati con le abitudini, ha portato disordine e incertezza, d’altra parte ha contribuito a far emergere prospettive future piuttosto definite: la necessità di orientarsi verso la digitalizzazione e, di conseguenza, la rilevanza strategica di infrastrutture, reti e servizi, utili a favorire la ripresa economica – e sociale – del Paese. Gli investimenti in ambito digital, però, non mancano. “Si tratta di un’iniziativa fondamentale per la digitalizzazione del Paese nell’ottica di creare infrastrutture adeguate a far crescere le nostre imprese”, ha commentato l’Amministratore Delegato di Noovle Carlo D’Asaro Biondo.

Il CEO è stato scelto per guidare l’azienda dopo essere entrato in Tim ad aprile 2020, con l’obiettivo di implementare le attività cloud del Gruppo e le partnership strategiche. Accanto a D’Asaro Biondo, nel ruolo di Presidente non esecutivo, c’è Mariarosaria Taddeo, Professoressa Associata all’Università di Oxford e tra le massime esperte di tecnologie digitali e di Intelligenza Artificiale (AI).

Soluzioni cloud e Data center localizzati in Italia

Secondo le prime informazioni diffuse, Noovle fornirà servizi e soluzioni multicloud innovativi e mirati per i clienti Tim: gestione nei propri Data center delle infrastrutture di rete, servizi di progettazione e assistenza, migrazione verso il cloud e supporto delle attività di gestione collegate, utilizzando le più evolute tecnologie basate sull’AI e l’Internet of Things (IoT).

Sull’offerta, D’Asario Biondo ha spiegato: “Mettiamo a disposizione risorse flessibili e scalabili e nuove soluzioni per favorire l’innovazione, affrontare l’ottimizzazione dei costi, la gestione di infrastrutture, dati, servizi e applicazioni e la nascita di opportunità legate alle tecnologie disruptive”. Creazione, sviluppo e generazione di valore per tutte le aziende sono i principi cardine della società, insieme all’utilizzo di tecnologie avanzate: lavorerà attraverso soluzioni agili, rapide e resilienti, lungo tutta la filiera del cloud.

Come anticipato, la nuova realtà assicura i servizi innovativi e la gestione di server, dati e informazioni basandosi sull’ambiente cloud sicuro, localizzato in Italia, reso possibile grazie a una rete che possiede un totale di 17 Data center all’avanguardia distribuita su tutto il territorio nazionale, realizzata secondo i più avanzati standard tecnologici di sicurezza e secondo le più recenti best practice di sostenibilità ambientale. “Abbiamo creato una società che parte da una base importante, sana e solida e grazie al conferimento della rete di Data center di Tim, e ai mille professionisti con cui partiamo, possiamo guardare al futuro con ambizione”, è il commento di D’Asaro Biondo.

In particolare, saranno realizzati sei nuovi Data center specializzati nell’offerta public e hybrid cloud, con certificazione Tier IV, e verranno gestiti sette Data center core e quattro centri servizi già operativi per la più ampia offerta di soluzioni informatiche, dislocati su tutto il territorio nazionale, dai quali viene erogata l’offerta cloud, hybrid cloud e multicloud.

I servizi offerti promettono di prepararsi allo scenario futuro, seppur piuttosto nebuloso, ma sicuramente promettente in ambito digital, con una ‘nuvola’ ricca di dati a fare da abilitatore dell’innovazione. “Il nostro obiettivo sarà concentrarci sin da ora nel portare valore ai cittadini, alle imprese e alla Pubblica Amministrazione”, ha ribadito il CEO, sottolineando la filosofia fondante dell’iniziativa cloud.

cloud, Noovle, Tim, Carlo D'Asaro Biondo


Federica Biffi

Laureata magistrale in Comunicazione, Informazione, editoria, classe di laurea in Informazione e sistemi editoriali, Federica Biffi ha seguito corsi di storytelling, scrittura, narrazione. È appassionata di cinema e si interessa a tematiche riguardanti la sostenibilità, l'uguaglianza, l'inclusion e la diversity, anche in ambito digital e social, contribuendo a contenuti in siti web. Ha lavorato nell'ambito della comunicazione e collabora con la casa editrice ESTE come editor e redattrice.

Il MES alleato per gestire la complessità dei processi produttivi

Il MES alleato per gestire la complessità dei processi produttivi

/
In uno scenario di competizione globale, acuita dalla pandemia, le ...
Il cloub ibrido accelera la digital transformation del Finance

Il cloub ibrido accelera la digital transformation del Finance

/
Tra le soluzioni tecnologiche più impattanti nel settore finanziario si ...
La Logistica si affida al digitale

La Logistica si affida al digitale

/
Grazie (anche) al lockdown e al boom dell’ecommerce, nell’ultimo anno ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano