Categoria: Benessere aziendale

Benessere aziendale

L’ufficio del futuro ha a cuore la salute dei dipendenti

Trascorriamo il 90% della nostra vita tra le mura di un edificio, dove viviamo, lavoriamo o ci svaghiamo. Recenti ricerche hanno dimostrato che la qualità di uno spazio influenza non solo il benessere, ma anche la produttività delle persone. Le aziende che hanno colto questo aspetto stanno avendo un vantaggio competitivo in termini di engagement dello staff, attrazione dei talenti, innovazione e...

Continua a leggere

Pagati per riposarsi (e tornare più produttivi)

“È una maratona, non uno sprint”. Era il 2013 quando David Solomon, allora Co-Head of investment banking e oggi CEO di Goldman Sachs, istituì la Saturday rule in risposta alle lamentele dei junior analyst sulle lunghe ore di lavoro, vietando di fatto gran parte delle attività tra le 21 del venerdì e le 9 della domenica. Adesso, otto anni dopo, il numero uno della banca si trova a dover gestire una...

Continua a leggere

I costi (occulti) del basso engagement

Burnout, assenteismo, cattiva reputazione, alto turnover. Sono gli effetti del basso livello di engagement dei dipendenti registrati in Germania negli ultimi 20 anni. La percentuale di personale coinvolto nella vita dell’azienda è rimasta pressoché costante dal 2000, attestandosi tra l’11% e il 17%. Nulla l’ha scalfita: né la crisi dell’euro né la recessione mondiale e neppure la pandemia. Il fallimento...

Continua a leggere

Nell’era Covid ci fanno piacere pure le interruzioni sul lavoro

L’ufficio come fonte di distrazione, specie se open space. Nell’era pre lockdown, la lamentela più diffusa sul luogo di lavoro riguardava proprio l’impossibilità di completare un lavoro senza essere distratti da colleghi o responsabili. Adesso, abituati a lavorare ognuno nel proprio spazio domestico, si stanno rivalutando persino le interruzioni tipiche dell’ufficio. Un nuovo studio condotto dai...

Continua a leggere

Obiettivi raggiungibili e non lamentarsi: la via per la felicità (non solo in azienda)

Tutti noi, con qualche eccezione di cui qui non ci occupiamo, abbiamo come finalità – nella nostra vita terrena – il benessere, la soddisfazione, la gratificazione, la gioia. In una parola: la felicità. Si tratta di una felicità limitata, determinata, condizionata, che sia non solo percepibile, godibile, ma anche permanente e possibilmente crescente. Questa finalità tuttavia è considerata da molti...

Continua a leggere

Riconoscere le emozioni con le domande giuste

Rabbia, paura, disgusto, gioia e tristezza. Per chi ha visto il film d’animazione Inside Out, prodotto da Pixar Animation Studios e Walt Disney Pictures, ognuna di queste emozioni corrisponde a un personaggio che vive nella mente della protagonista della storia, un’adolescente di 11 anni. Il lungometraggio si è ispirato anche al lavoro di ricerca dello psicologo statunitense Paul Ekman, che...

Continua a leggere

Lavorare un solo giorno rende felici (i dipendenti)

La norma sono cinque, l’innovazione punta sui quattro, ma la vera felicità starebbe in uno solo. Secondo uno studio dell’Università di Cambridge, che ha tracciato comportamenti e benessere dei lavoratori durante il lockdown, i più felici sarebbero coloro che lavorano soltanto uno o due giorni alla settimana. Fin qui, nulla di rivoluzionario. Il progetto di ricerca intitolato The Employment dosage...

Continua a leggere

Work-life balance, le giuste tecnologie aiutano la conciliazione

A distanza di un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria, la maggior parte delle aziende italiane ha imparato a misurarsi con un modello di lavoro a distanza. Trovando spesso nello Smart working l’unica ancora di salvezza in mezzo alla tempesta. Secondo un’indagine condotta da Astraricerche, le imprese che sono rimaste a galla hanno, infatti, mantenuto più o meno inalterato il livello di servizi...

Continua a leggere

La Direzione HR si sintonizza sui Remote worker

Mai come nell’ultimo anno gli sforzi dei manager si sono concentrati nel tentativo di riconnettersi con i propri collaboratori, in attesa di riaccoglierli in ufficio una volta conclusa l’emergenza. Per i Responsabili del Personale ciò ha significato avere a che fare con un gran numero di informazioni. Con il risultato di fare delle survey indirizzate ai dipendenti – specie se da remoto – lo strumento...

Continua a leggere

Leadership al tempo del covid

Covid-19. Su questo virus si è detto un po’ di tutto. Si è parlato della sua insidiosità, della veloce capacità di propagazione, dell’attitudine a comportarsi subdolamente, del fatto che colpisca soprattutto le persone anziane. Poi si è notato che neanche i giovani e i bimbi ne sono tanto immuni. In mancanza di informazioni certe – sempre che l’essere umano possa avere certezze… quindi potremmo...

Continua a leggere

Il mio collega è un bullo

Di solito se ne parla riferendosi all’età adolescenziale. Ma il bullismo sembra dilagare anche negli ambienti di lavoro. E secondo recenti ricerche, colpisce un americano su cinque (di questi, il 65% delle vittime è donna). Numeri che non si discostano di molto dalla situazione italiana, dove questo fenomeno viene definito “mobbing”. Il termine significa letteralmente “assalire tumultuosamente”...

Continua a leggere

Il benessere dei lavoratori in remoto dopo l’emergenza Covid

Tra i suoi tanti, per lo più tristi, record, il 2020 è sicuramente l’anno nel quale si è parlato di più del benessere dei lavoratori anche al di fuori della cerchia degli addetti ai lavori. Detta così potrebbe sembrare una buona notizia. Tuttavia viene da chiedersi: i sondaggi e le cifre sugli effetti dello Smart working sui lavoratori che hanno spopolato sui giornali e i social media nel 2020 ci...

Continua a leggere

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano