Chiamiamo le donne per nome e cognome

La differenza di trattamento tra uomini e donne è acuita anche dai media.

Il dibattito sulle differenze di genere in Italia è ancora lontano da una soluzione. Lo dimostrano le frequenti ricerche sul persistente divario salariale e sulla suddivisione dei compiti tra uomini e donne nella gestione del rapporto lavoro-famiglia, accentuata dall’emergenza Covid che ha costretto molte persone a lavorare da casa.

Secondo un’indagine di Fondazione Libellula, organismo fondato da Zeta Service che riunisce un network di aziende italiane impegnate nella lotta alla discriminazione e alla violenza di genere (tra cui ESTE, editore del nostro quotidiano), il periodo di lockdown sembra aver rafforzato alcuni stereotipi di genere, come quello che vede le donne impegnate soprattutto nella cura della casa e dei figli e gli uomini dediti maggiormente al lavoro.

La differenza di trattamento tra uomini e donne è acuita anche dai media. In particolare da quelli italiani. A riguardo, ha fatto molto discutere sui social il titolo del Corriere della Sera sulla notizia del Premio Nobel per la Chimica assegnato alle ricercatrici Emmanuelle Charpentier e Jennifer Doudna: “Chimica, il Nobel a due donne. Le ‘Thelma e Louise’ del Dna”.

Due donne, dunque, senza nome e cognome, anzi con un soprannome cinematografico, senza che si spieghi – nel titolo – quali siano la loro professione e il loro merito. Anche altri giornali e siti italiani si sono concentrati sul fatto che a vincere il Nobel siano state due donne. Già in passato, tra l’altro, sono state pubblicate notizie su manager italiane di successo chiamate, dai nostri media, con appellativi fantasiosi come l’astrofisica Simonetta Di Pippo, candidata per dirigere l’Agenzia spaziale europea, definita da La Repubblica: “La signora delle stelle”.

Il salto culturale passa anche dai messaggi dei giornali

Ci si chiede se questo atteggiamento sia esclusivamente italiano, oppure se anche all’estero la situazione sia la stessa. Guardando i titoli di alcuni giornali stranieri, sembra prevalere la prima ipotesi. Ecco come è stata riportata la notizia dell’assegnazione del Nobel a Charpentier e Doudna: “Scientists win Nobel chemistry prize for genetic scissors”, si legge sul quotidiano britannico Guardian; “Nobel Prize in Chemistry awarded to two scientists for work on genome editing“, ha titolato il New York Times; anche i principali giornali spagnoli e tedeschi puntano sul motivo della vittoria del premio. Invece il Financial Times sottolinea come il Nobel sia stato vinto da due donne: “Two women share Nobel chemistry prize for gene-editing discoveries“.

A fare eccezione, però, non è solo l’Italia. Negli Usa, per esempio, c’è il recente caso del confronto tra i candidati vicepresidente alle elezioni 2020 Kamala Harris e Mike Pence. Se quest’ultimo è sempre stato chiamato per cognome dai media, la candidata democratica viene – al contrario – quasi sempre chiamata con il suo nome. Certo non agevola il fatto che, a volte, i diretti interessati diano una sponda a questo atteggiamento; la stessa Harris, in un video ai suoi sostenitori, esordisce dicendo: “Hi, it’s Kamala“.

I media hanno un’importante responsabilità nel veicolare messaggi che possono influire sull’opinione pubblica. Ma sono il prodotto culturale dell’ecosistema in cui sono inseriti. Addossare le colpe allo strumento è come concentrarsi sul dito e ignorare la Luna.

Il tema della Diversity è anche al centro dello speciale del numero di ottobre 2020 di Persone&Conoscenze.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

donne, differenza di genere, giornali, premio Nobel, duedonne


Gabriele Perrone

Gabriele Perrone, giornalista professionista con oltre 10 anni di esperienza, è redattore della casa editrice ESTE. Nel corso della sua carriera ha lavorato per importanti gruppi editoriali, dove ha maturato competenze sia in ambito redazionale sia nelle pubbliche relazioni. Negli anni si è occupato di economia, politica internazionale, innovazione tecnologica, management e cultura d'impresa su riviste cartacee e giornali online. Ha presentato eventi e ha moderato tavole rotonde con protagonisti manager di aziende di fronte a professionisti di vari settori in location di alto livello. Tra le sue esperienze lavorative precedenti, ci sono quelle al quotidiano online Lettera43.it e in LC Publishing Group, oltre a numerose collaborazioni con testate italiane e straniere, da Pambianco all'Independent. Laureato in Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Milano, ha conseguito un postgraduate diploma alla London School of Journalism.

Il difficile dialogo tra le generazioni

Il difficile dialogo tra le generazioni

/
Il conflitto generazionale è una costante in tutte le epoche, ...
L’automazione taglia i posti di lavoro… delle donne

L’automazione taglia i posti di lavoro… delle donne

/
Il rischio di cambiare mansione è più alto per la ...
Fare carriera (anche) da remoto

Fare carriera (anche) da remoto

/
Occorre mantenere relazioni, avanzare proposte, fare e chiedere favori. Anche ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano