assolombarda_bonomi_lettera

Coronavirus, lettera di Bonomi (Assolombarda) agli imprenditori

Una lettera alle imprese associate ad Assolombarda e Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi firmata dal Presidente Carlo Bonomi. È stata spedita prima dell’alba del 24 marzo 2020 via email la missiva agli imprenditori legati all’associazione. Un appello alla responsabilità imprenditoriale nell’ora del rispetto delle regole imposte per il contenimento della diffusione del coronavirus, ma pure a progettare nuovi “metodi” per rigenerare il sistema economico e sociale dalle radici. E soprattutto un monito a Governo e Comunità europea affinché “sostengano le imprese e il lavoro con politiche di credito rapide ed efficaci. Di seguito pubblichiamo la lettera integrale.

Care colleghe e cari colleghi, amici tutti,
la pandemia ha travolto l’economia globale, le nostre imprese, le nostre famiglie, la nostra comunità.

Il decreto emanato il 22 marzo 2020 dal Presidente del Consiglio dei Ministri ha reso ancora più stringenti le misure sulle attività delle nostre imprese. Per poter vincere la battaglia contro il virus, ci viene chiesto un sacrificio enorme. Lo faremo per il bene comune, per il nostro Paese, per il senso di responsabilità che ognuno di noi ha. Non saremmo imprenditori altrimenti.

Ma, oltre all’emergenza del virus, dobbiamo sapere affrontarne subito le conseguenze sul piano economico e sociale, consapevoli che in questo momento molte imprese italiane rischiano di non riaprire più, perdendo così competenze, relazioni, opportunità di lavoro e capitale umano.

Questa emergenza spinge dunque tutti, imprenditori, lavoratori, istituzioni, a progettare nuove strade e nuovi metodi per rigenerare il sistema economico e sociale dalle radici, cercando, nello spirito di comunità, una visione e una strategia condivisa di lungo periodo, che valorizzi produttività e conoscenza, nel quadro d’una società aperta e d’un più giusto e dinamico orizzonte per una globalizzazione equilibrata.

Si può e si deve ripartire subito. A condizione che il Governo e la Comunità europea sostengano le imprese e il lavoro con politiche di credito rapide ed efficaci, che diano ossigeno alle nostre attività, che ricostruiscano il tessuto della fiducia e permettano di guardare oltre all’urgenza e all’emergenza.

Assolombarda ha portato, con forza, le necessità delle nostre imprese sul tavolo regionale e su quello nazionale. Dall’inizio di questa emergenza, la nostra Associazione quotidianamente ha informato, aggiornato e dato supporto tecnico erogando oltre 14mila consulenze. È stata costituita una task force dedicata e il nostro sito è una delle principali fonti di informazioni a livello nazionale, con quasi 1 milione di accessi.

Quando l’emergenza finirà, e finirà, dobbiamo farci trovare pronti. Dobbiamo trarre il meglio possibile da questo difficile e oneroso momento di sospensione. Impiegare questo tempo per raccogliere energie e idee che ci permettano di ripartire ed essere più solidi e competitivi. La nostra forza, la nostra resilienza, sta nei valori d’impresa che anche in questi giorni difficili stiamo testimoniando: responsabilità, solidarietà, competitività, sguardo sul futuro d’una economia più giusta, sostenibile, sia sul piano ambientale sia su quello sociale.

Voglio ripetere quello che dissi alla nostra ultima assemblea: “L’impresa di servire l’Italia. Facciamolo. Restiamo uniti. Tutti. Insieme”.

Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda e Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi

coronavirus, carlo bonomi, assolombarda, emergenza sanitaria, emergenza economica

I nuovi fringe benefit ridefiniscono il welfare aziendale

I nuovi fringe benefit ridefiniscono il welfare aziendale

/
Le modifiche al welfare aziendale decise dal Governo con la ...
Legge di Bilancio 2023 Giorgia Meloni

Legge di Bilancio e imprese, Giorgia ci prova

/
La prima legge di Bilancio del Governo di Giorgia Meloni ...
Si può essere un'impresa virtuosa senza essere azienda benefit?

Si può essere un’impresa virtuosa senza essere azienda benefit?

/
Alle aziende è sempre più richiesto di dimostrare che è ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano