Lezione

Disegnare le organizzazioni con la Scuola di Sviluppo&Organizzazione

Progettare strutture, processi e ruoli: è questo il fondamento del design organizzativo. E nelle imprese di oggi gli interventi sull’organizzazione sono sempre più continuativi e legati all’innovazione. La competizione sui mercati richiede una nuova e costante progettualità, servono le giuste conoscenze per rispondere alla sfida. Nasce con l’obiettivo di sviluppare solide basi teoriche su cui fondare le competenze richieste dal momento storico, la Scuola di Sviluppo&Organizzazione, l’iniziativa promossa dalla più prestigiosa e longeva rivista di Organizzazione Aziendale in Italia, fondata nel 1970, ed edita dalla casa editrice ESTE (editore anche del nostro quotidiano). 

È proprio per mettere a valore il grande bagaglio culturale e di know how sui temi dell’organizzazione, maturati in oltre 50 anni di pubblicazioni del bimestrale, che Sviluppo&Organizzazione ha lanciato la Scuola, dedicata a chi progetta o governa le moderne organizzazioni in un’era di epocali cambiamenti sociali, economici, politici e per questi motivi necessita di solide basi teoriche (la proposta è valida per chiunque voglia conoscere e approfondire le fondamenta delle teorie di organizzazione aziendale). Accanto a percorsi strutturati di formazione, la Scuola propone ‘lezioni’ singole curate da ‘maestri’ che da anni contribuiscono ad arricchire i contenuti della rivista attraverso articoli e interventi. 

APPROFONDISCI LA SCUOLA DI SVILUPPO&ORGANIZZAZIONE 

Imparare a progettare strutture, processi e ruoli 

Il progetto formativo dal titolo “I fondamenti del design organizzativo: la progettazione di strutture, processi, ruoli” è una delle prime attività della Scuola di Sviluppo&Organizzazione: si tratta di un programma – curato dal Direttore di Sviluppo&Organizzazione, Gianfranco Rebora – rivolto alle persone inserite in diverse funzioni aziendali che avvertono l’esigenza di integrare e sviluppare conoscenze, metodologie e abilità operative per intervenire con maggiore efficacia in progetti di innovazione e cambiamento che impattano sull’organizzazione di uffici, reparti, servizi, routine operative. In particolare, personale junior o senior delle Funzioni di Gestione del personale, Organizzazione, Relazioni industriali, ICT e consulenti del lavoro. 

Il corso è finalizzato a sviluppare alcune competenze nei partecipanti: applicare criteri e strumenti di progettazione dell’organizzazione al livello dell’intera azienda, delle sue specifiche unità operative e dei ruoli o compiti professionali; analizzare e valutare i comportamenti lavorativi, riferiti a specifici ruoli professionali, nel contesto di routine e processi organizzativi; identificare i collegamenti tra strategie competitive aziendali, assetti organizzativi e politiche di gestione delle risorse umane; progettare nelle sue linee generali una routine operativa riferita allo svolgimento di attività lavorative. 

Il progetto formativo adotta una visione multi-disciplinare, integrata e dinamica dell’organizzazione, al livello delle maggiori strutture e a quello delle specifiche unità di lavoro, con particolare attenzione per workplace strategy and design, per la promozione di una work experience positiva, sinergica rispetto alla customer experience. 

Casi concreti per applicare subito le teorie 

Il corso è composto da sei incontri in presenza a Milano (c’è però la possibilità – se necessario – di partecipare da remoto): la formazione, condotta con metodo interattivo, si sviluppa nell’arco dell’intera giornata (9.30-17) e prevede di affiancare alla teoria numerosi casi applicativi. I partecipanti, infatti, sono chiamati a realizzare un project work di gruppo, in attività post aula, da presentare e discutere nella giornata conclusiva del corso (in questa occasione è prevista la consegna del certificato che attesta la partecipazione all’iniziativa). 

Ad aprire il percorso formativo (29 aprile 2022) è il modulo curato da Rebora, Professore Emerito di Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane all’Università Liuc di Cattaneo di Castellanza, che si concentra sulla progettazione dell’organizzazione proponendo un quadro d’insieme e il metodo, per poi affrontare l’organizzazione del lavoro e la visione integrata di ambiente, tecnologia, tempi e spazi, sistema di ruoli. Il 6 maggio 2022 è il turno di Andrea Martone, Docente di Organizzazione Aziendale al Supsi di Lugano e all’Università Liuc di Cattaneo di Castellanza, sui temi della definizione dei profili di ruolo e delle performance attese (metriche, analytics, analisi e valutazione delle performance lavorative, sistemi di compensation) .  

Terzo appuntamento (13 maggio 2022) è gestito da Chiara Morelli, Professore Associato di Organizzazione Aziendale all’Università degli Studi del Piemonte Orientale, con un approfondimento sull’interazione tra strategie e assetti organizzativi, che si focalizza sulle diverse tipologie di strutture aziendale, i criteri di riferimento per il design di unità complesse e la flessibilità organizzativa. Tocca poi a Luigi Campagna, Docente di Sistemi Organizzativi nel corso di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano, approfondire il tema della progettazione partecipata e i suoi effetti su produttività e innovazione (20 maggio 2022). 

Con Massimo Ramponi, Professore a Contratto del corso di Relazioni Industriali e Tecniche di Negoziazione all’Università Liuc di Cattaneo di Castellanza, si affronta la questione del Project management i partecipanti sono guidati in una simulazione di intervento sull’organizzazione (27 maggio 2022). Come anticipato, nell’ultimo incontro (10 giugno 2022), è ripresa – con Martone e Ramponi – la visione progettuale integrata alla luce del percorso didattico compiuto e si svolgono presentazione e discussione dei project work di gruppo. 

organizzazione, Gianfranco Rebora, este, Scuola di Sviluppo&Organizzazione

Organizzazione_network

Il management sussidiario come via per l’organizzazione creativa e sostenibile

/
La cultura del business è sempre più la cultura della ...
Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

/
Da una tradizionale organizzazione gerarchica, alla costruzione di business unit ...
Il cambiamento come risposta alle crisi

Il cambiamento come risposta alle crisi

/
Viviamo nell’epoca a maggiore intensità di cambiamento della storia. Solo ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano