I benefit per i genitori che agevolano tutti

Nelle tech company americane i dipendenti senza figli si sarebbero lamentati delle misure a favore dei colleghi.

Il conto alla rovescia è iniziato. Tra incertezze e nuove regole, a metà settembre è previsto l’inizio dell’anno scolastico 2021-21: un’apertura che fa tirare un sospiro di sollievo alle migliaia di genitori che negli ultimi mesi si sono divisi a fatica tra Home working e Home schooling. Dal lockdown in avanti, nel tentativo di aiutare le proprie persone, molte imprese hanno adottato soluzioni su misura per i dipendenti con figli, concedendo congedi e permessi extra a chi doveva barcamenarsi tra lavoro e famiglia.

Non tutti, però, ne sono stati contenti. Secondo quanto rivelato dal New York Times, i dipendenti di Facebook si sarebbero ripetutamente lamentati, durante un meeting interno, del fatto che le misure adottate per far fronte all’emergenza coronavirus sarebbero andate in primis a beneficio dei soli genitori.

Il tema sarebbe stato oggetto in una seria discussione anche in casa Twitter: sulla piattaforma virtuale utilizzata per comunicare all’interno dell’azienda un dipendente senza figli avrebbe accusato un collega in congedo parentale di non fare la sua parte. E anche Salesforce, che ha concesso ai propri dipendenti con figli sei settimane di congedo extra pagate, avrebbe raccolto le lamentele di un paio di impiegati convinti che l’azienda stia mettendo le esigenze dei genitori prima di quelle di tutti gli altri.

Le divisioni sono aumentate nel tempo: chi non ha figli si sente poco apprezzato e lamenta un carico di lavoro maggiore; chi ha figli è frustrato dalla mancanza di comprensione dei colleghi. Il problema è più evidente nelle aziende tecnologiche, popolate da dipendenti giovani e note per offrire un buon numero di benefit al personale.

Secondo Erin Kelly, Professoressa alla School of Business del Massachusetts Institute of Technology, la tensione tra colleghi con e senza figli sarebbe il risultato dell’incapacità delle aziende di spiegare ai propri dipendenti perché i benefit concessi ai genitori possono andare a vantaggio dell’intera forza lavoro. Non aiutare le persone con figli, mettendoli nella condizione di non poter fare il proprio lavoro, avrebbe soltanto il risultato di aumentare ancora di più il carico di attività su tutti gli altri.

Fonte: New York Times

Twitter, home working, Facebook, benefit, home schooling, congedi parentali


Giorgia Pacino

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Dietrofront sull’Home working: fa calare la produttività

Dietrofront sull’Home working: fa calare la produttività

/
A risentire della distanza sarebbero soprattutto le performance lavorative del ...
Il lato meno agile dello Smart working

Il lato meno agile dello Smart working

/
Chi lavora da casa sta seduto in media due ore ...
Nuove regole per gli smart worker

Nuove regole per gli smart worker

/
L’Europa spinge perché sia riconosciuto il diritto alla disconnessione. È ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano