Il bingo delle cazzate e la ricerca dell’autenticità

Lo chiamano bullshit bingo o buzzword bingo e letteralmente si può tradurre in italiano come “bingo delle cazzate”. Si tratta di un gioco, nato negli Anni 90 nelle business school americane e diffusosi a livello globale soprattutto nel mondo delle convention aziendali. Dimenticato per un lungo periodo – tra i primi a parlarne in Italia è stato Francesco Varanini, Direttore di Persone&Conoscenze  ultimamente è tornato alla ribalta sui media dedicati all’HR.

I partecipanti, solitamente gli uditori nel corso di una riunione, sono ‘armati’ di una cartella da tombola mentre fingono di ascoltare attentamente cosa viene detto. Al posto dei numeri, sulla cartella ci sono parole vuote, frasi fatte e luoghi comuni. Vince chi fa ‘bingo’, quindi chi sente il maggior numero di queste parole pronunciate da chi sta parlando da un palco o in un convegno aziendale.

Un modo alternativo di passare il tempo senza annoiarsi durante l’ennesima convention, uguale a tutte quelle precedenti, dove prendono parola il Presidente, l’Amministratore Delegato o il Direttore Generale per enunciare “mission”, “vision” e “valori”, accompagnati da buone intenzioni come “persone al centro”, “attenzione al cliente”, “empowerment” e “cambiamento”, solo per fare degli esempi.

Una cartella del “bingo delle cazzate”

L’autenticità si esprime anche con le parole

Certamente è un gioco divertente, ma è anche un modo per smascherare la pochezza di certi discorsi e la distanza di percezione tra chi pensa di parlare di cose importanti in grado di portare un cambiamento e chi, invece, vorrebbe davvero un cambiamento, ma è costretto ad ascoltare ancora una volta gli stessi concetti vuoti e inutili.

Essere autentici vuol dire anche usare parole sincere, che abbiano un vero significato. Per riuscirci bisogna fare lo sforzo di rinunciare all’uso di frasi fatte e luoghi comuni, cercando le parole che realmente siano in grado di coinvolgere gli interlocutori. Altrimenti il rischio è quello di parlare a una folla fintamente interessata che in realtà sta giocando… al “bingo delle cazzate”.

La Storia di copertina del numero di Dicembre 2020-Gennaio 2021 della rivista Persone&Conoscenze è dedicata alla ricerca dell’autenticità. Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

autenticità, bingo delle cazzate, buzzword bingo, bullshit bingo


Gabriele Perrone

Gabriele Perrone, giornalista professionista con oltre 10 anni di esperienza, è redattore della casa editrice ESTE. Nel corso della sua carriera ha lavorato per importanti gruppi editoriali, dove ha maturato competenze sia in ambito redazionale sia nelle pubbliche relazioni. Negli anni si è occupato di economia, politica internazionale, innovazione tecnologica, management e cultura d'impresa su riviste cartacee e giornali online. Ha presentato eventi e ha moderato tavole rotonde con protagonisti manager di aziende di fronte a professionisti di vari settori in location di alto livello. Tra le sue esperienze lavorative precedenti, ci sono quelle al quotidiano online Lettera43.it e in LC Publishing Group, oltre a numerose collaborazioni con testate italiane e straniere, da Pambianco all'Independent. Laureato in Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Milano, ha conseguito un postgraduate diploma alla London School of Journalism.

Aziende in cerca del loro Maradona

Aziende in cerca del loro Maradona

/
La scomparsa di Diego Armando Maradona va ben oltre i ...
Un modello di leadership costruito per il 21esimo secolo

Un modello di leadership costruito per il 21esimo secolo

/
Perché la fiducia verso i nostri leader è ai minimi ...
Formazione continua come antidoto all'automazione

Formazione continua come antidoto all’automazione

/
Solo il 60% delle imprese italiane forma i propri dipendenti ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano