Il difficile dialogo tra le generazioni

Il conflitto generazionale è una costante in tutte le epoche, anche se è entrato nel dibattito sociale dalla fine degli Anni 60. Oggi, in Italia convivono diverse generazioni: la Silent Generation (gli Over 74), la generazione dei Baby Boomer, (55-74), la Generazione X (35-54), i Millennial, i giovani adulti della Generazione Y, i teenager della Generazione Z, e infine la cosiddetta Generazione Alpha, gli Under 14.

Il libro Generazioni – Chi siamo, che cosa vogliamo, come possiamo dialogare di Federico Capeci, CEO della divisione Insights per Italia, Grecia e Israele di Kantar, network di ricerche di mercato, parla di tutti loro. Spiega perché si valutano i fatti in modo differente a seconda della generazione di appartenenza, quali aspetti le contraddistinguono e quali caratteristiche, invece, le accomunano. E illustra anche delle opportunità che possono scaturire dalla sinergia intergenerazionale. Lo fa partendo dal concetto di generazione e dedicando poi un capitolo a ognuna di queste, per finire con alcuni consigli per comunicare al meglio all’interno di una famiglia o di un luogo di lavoro dove convivono persone di età differenti.

Il concetto di generazione: non ci si evolve da soli

Nella prefazione al libro, Davide Dattoli, CEO e Co-Founder di Talent Garden, network europeo di coworking, scrive che la convivenza di diverse generazioni negli stessi ambienti è fondamentale, perché le differenze e le diversità, considerate una ricchezza in natura, diventano un elemento di valore anche nelle organizzazioni e nelle imprese. “È fondamentale capire come levarsi di dosso gli stereotipi con i quali siamo cresciuti e che, magari, limitano le nostre azioni e la nostra capacità di condivisione e di sviluppo”, aggiunge.

Secondo Dattoli, proprio il libro di Capeci consente di capire che solo grazie alle diversità generazionali possiamo crescere e migliorare il nostro Paese: “Da soli i giovani o i meno giovani non vanno da nessuna parte”. Il testo continua con una citazione della scrittrice Joanne K. Rowling, la creatrice di Harry Potter: “I giovani non possono sapere quello che i vecchi pensano e provano. Ma i vecchi sono colpevoli se dimenticano che cosa significa essere giovani”.

L’autore scommette, inoltre, che le diverse generazioni affronteranno la lettura del libro in modo differente: i lettori Baby Boomer guarderanno con sospetto le prime parti del volume fino a quando, affrontando gli eventi chiave della loro generazione, si riconosceranno e proveranno un sentimento di orgoglio; la Generazione X proverà nostalgia e forse un senso di smarrimento per il proprio posizionamento, all’interno del percorso storico compiuto dalle grandi generazioni che l’hanno preceduta e che stanno emergendo ora; i Millennial, se mai leggeranno questo libro, si compiaceranno di quanto la loro generazione sia in effetti unica e diversa dalle altre.

L’Italia, comunque, possiede gruppi di generazioni equiparabili in termini di numerosità: da questa ricchezza, secondo Capeci, possiamo e dobbiamo partire, affinché le diverse generazioni oggi viventi nel nostro territorio sappiano capirsi e mettersi insieme nella risoluzione delle problematiche attuali e nell’ideazione del futuro. Questa guida si conclude con quattro storie di successo imprenditoriale, basate anche sull’accettazione dell’apporto di più generazioni: di James Ferragamo, Giuseppe Lavazza, Gian Luca Rana e Federica Snaidero.

Talent Garden, Generazioni, Federico Capeci, Davide Dattoli, Kantar


Elisa Marasca

Elisa Marasca è giornalista professionista e consulente di comunicazione. Laureata in Lettere Moderne all’Università di Pisa, ha conseguito il diploma post lauream presso la Scuola di Giornalismo Massimo Baldini dell’Università Luiss e ha poi ottenuto la laurea magistrale in Storia dell’arte presso l’Università di Urbino. Nel suo percorso di giornalista si è occupata prevalentemente di temi ambientali, sociali, artistici e di innovazione tecnologica. Da sempre interessata al mondo della comunicazione digital, ha lavorato anche come addetta stampa e social media manager di organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali, soprattutto in ambito culturale.

Il privilegio dell'inclusione

Il privilegio dell’inclusione

/
Approvato alla Camera a novembre 2020 (il passaggio al Senato ...
La sfida dell’integrazione

La sfida dell’integrazione

/
Chi fa formazione si trova costantemente nella condizione di ‘surfare’ ...
Le risposte adattive alle sfide dei new ways of working

Le risposte adattive alle sfide dei new ways of working

/
Ci siamo entrati a piè pari; lasciate le abituali scrivanie, ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano