La pandemia ci ha reso più predisposti ad apprendere

Secondo gli esperti, è un effetto della lunga assenza dal luogo di lavoro come lo conoscevamo. Chi è rimasto in sede ha dovuto imparare ad adattarsi alle nuove misure, chi ha lavorato da remoto ha affrontato una trasformazione completa del modo di operare. In entrambi i casi, sembra che la pandemia abbia accresciuto il desiderio di tornare ad apprendere sul campo.

Training on the job, appunto. Secondo un recente report pubblicato dal Milken Institute e dalla società informatica Infosys, la formazione on the job è considerata la più utile e importante dalla maggior parte di dipendenti e manager. Il dato proviene da una survey sottoposta a un campione di aziende statunitensi: agli intervistati è stato chiesto di assegnare un punteggio a quattro diverse modalità di formazione. Il training on the job ha totalizzato il 27% dei punti, seguito da abilitazioni e certificazioni (26%), corsi online (23%) e diplomi universitari (23%).

La ricerca ha indagato anche le specifiche soft skill considerate più rilevanti per farsi strada nel mondo del lavoro. Affidabilità, leadership e socievolezza sono risultate le opzioni più condivise, mentre agli ultimi posti della classifica si sono posizionate creatività, decisionismo e capacità di persuasione. “Viviamo in un momento senza precedenti, in cui le persone sono più a loro agio di quanto siano mai state con i nuovi tool virtuali”, ha detto Monne Williams, Partner di McKinsey&Co.

La pandemia, dunque, con la crescente attenzione sull’apprendimento legato al luogo di lavoro, avrebbe avuto come effetto quello di rendere i dipendenti più predisposti alla formazione. La familiarità con i nuovi strumenti avrebbe, infatti, abbassato le barriere che si frapponevano all’apprendimento di nuove competenze digitali, rendendo le persone più pronte a nuove sfide.

Nonostante il diverso atteggiamento dei dipendenti, molte aziende non hanno affatto migliorato la loro offerta formativa da quando è iniziata la pandemia: secondo un report di novembre 2021, il 66% del personale non ha visto alcun cambiamento nell’approccio della propria organizzazione al tema del reskilling. Con la diffusione di forme ibride di lavoro e la progressiva riapertura degli uffici, occorrerà invece rivedere le modalità di formazione a distanza.

Fonte: HRDive

Di formazione si parla anche sul numero di Marzo 2021 della rivista Persone&Conoscenze, con un articolo dedicato al Premio Prodotto Formativo 2021.
Per informazioni sull’acquisto scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

formazione, apprendimento, training on the job


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Fare reskilling per cambiare carriera

Fare reskilling per cambiare carriera

/
A frenare il desiderio di mettersi alla prova di fronte ...
La vita militare aiuta a trovare lavoro

La vita militare aiuta a trovare lavoro

/
Per il reinserimento nel mondo del lavoro il Ministero della ...
Digitale e competenze per la trasformazione del Manufacturing

Digitale e competenze per la trasformazione del Manufacturing

/
Digital e manifattura non sono così distanti. L’uno è il ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano