La ricercatrice precaria e le aziende che fanno scappare i talenti

La recente notizia dell’isolamento del coronavirus da parte dell’equipe dell’ospedale Spallanzani di Roma guidata da Maria Rosaria Capobianchi ha dato il giusto risalto all’eccellenza della ricerca in ambito medico nel nostro Paese. C’è però un aspetto che va preso in considerazione: la storia professionale della ricercatrice Francesca Colavita (nella foto con il ministro della Salute Roberto Speranza).

Trentenne originaria del Molise, la biologa ha rinunciato a un posto fisso (aveva vinto il concorso di ricercatrice a tempo indeterminato presso l’ospedale di Campobasso) per proseguire la sua attività di ricerca a tempo determinato nel reparto di virologia dello Spallanzani, con uno stipendio di meno di 20mila euro all’anno.

Una scelta coraggiosa, dettata sia da ambizioni sia da passione personale, che però fa emergere quanto sia difficile, soprattutto per i giovani, lavorare in condizioni dignitose. “Mi piace quello che faccio e dove lo faccio, ma in Italia è davvero dura fare il ricercatore”, ammette infatti Colavita, la cui vicenda ci racconta anche di un Paese dove, tra lungaggini burocratiche e mancanza di fondi, realtà d’eccellenza come lo Spallanzani non sono in grado di garantire il giusto contratto e compenso ai propri talenti.

La notizia ci permette però di andare oltre, ampliando il discorso su un tema importante, ossia di come un’azienda deve essere in grado di presentarsi e raccontarsi a chi cerca lavoro. Proponiamo quindi un articolo di approfondimento per riflettere sul modo in cui attrarre i migliori talenti, che sono in grado di gestire il cambiamento e guidare le imprese nel futuro.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO

processi di recruitment, talent attraction, Employer branding, ricerca del lavoro, esigenze delle generazioni

Organizzazione_network

Il management sussidiario come via per l’organizzazione creativa e sostenibile

/
La cultura del business è sempre più la cultura della ...
Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

/
Da una tradizionale organizzazione gerarchica, alla costruzione di business unit ...
Il cambiamento come risposta alle crisi

Il cambiamento come risposta alle crisi

/
Viviamo nell’epoca a maggiore intensità di cambiamento della storia. Solo ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano