Elena Galimberti

Lavoro dignitoso, l’Ue batte un colpo

È arrivata con discreto tempismo – in prossimità della Festa dei lavoratori – la comunicazione dell’Unione europea che ha annunciato di aver raggiunto un accordo sui contenuti sulla nuova direttiva sui platform worker, ovvero tutte quelle persone che trovano occupazione nelle grandi piattaforme di lavoro online, spesso legate ai servizi di consegna a domicilio. Il caso più rappresentativo è quello dei rider, spesso costretti a lavorare senza alcuna tutela e sotto il controllo di un algoritmo.

L’origine principale di questa situazione deriva dall’inquadramento contrattuale di queste persone: attualmente, il 93% di questi (28 milioni in Europa) è classificato come ‘lavoratore autonomo’ anche se, in molti casi, di questo non si tratta. La nuova direttiva europea, quindi, punta ad aggiornare i contratti di tutti quei platform worker che, di fatto, lavorano come dipendenti, ma senza averne eguali diritti e tutele.

Altrettanto importante è l’intervento sui meccanismi algoritmici deputati alla valutazione: l’uso di sistemi decisionali e di monitoraggio automatizzato per il trattamento di alcuni dati personali sarà vietato e, ancora più significativo, l’opacità di questi meccanismi sarà diminuita garantendo un intervento umano in fase decisionale, compreso il diritto alla spiegazione e al riesame delle scelte stesse.

La copertina del numero 175 della rivista Persone&Conoscenze

Manifesto per i nuovi valori del lavoro

Il miglioramento delle condizioni occupazionali e, più in generale, del mondo del lavoro sembra quindi un reale impegno delle istituzioni europee. La formalizzazione dei principi di Industria 5.0 e Società 5.0 dimostrano l’attenzione dell’Ue verso una maggiore centralità dell’essere umano nei modelli economici, contribuendo alla spinta evolutiva che le organizzazioni stesse stanno portando avanti.

Queste tematiche, oltre al nostro quotidiano, sono approfondite dalla rivista Persone&Conoscenze, magazine della casa editrice ESTE che si rivolge ai people manager. In occasione del ventennale dalla sua nascita (2004-2024), la rivista propone un ampio programma editoriale incentrato sulla narrazione del futuro del lavoro. Per esempio, il numero di aprile di Persone&Conoscenze, si inserisce nella questione delle tutele per i platform worker, tanto da proporre una copertina che ritrae proprio un rider. Quali sono dunque i modelli e i principi che servirà applicare per rendere le organizzazioni luoghi in cui il lavoro dignitoso? Parole di Management e Persone&Conoscenze si candidano come lo spazio ideale per discuterne.

Direttiva UE, Lavoro dignitoso, Platform workers


Alessandro Gastaldi

Alessandro Gastaldi

Laureato in Comunicazione e Società presso l'Università degli Studi di Milano, Alessandro Gastaldi ha iniziato il suo percorso all'interno della stampa quasi per caso, già durante gli anni in facoltà. Dopo una prima esperienza nel mondo della cronaca locale, è entrato in ESTE dove si occupa di impresa, tecnologia e Risorse Umane, applicando una lettura sociologica ai temi e tentando, invano, di evitare quella politica. Dedica il suo tempo libero allo sport, alla musica e alla montagna.

Apertura

Risorse umane e non umane, a Torino il dialogo tra i People manager

/
A Risorse umane e non umane Torino torna in scena il dialogo ...
Barbiere

Largo al factotum (del lavoro)

/
Il quartiere milanese della Maggiolina (nella zona Nord del capoluogo ...
Morelli

Manager, cosa ti tiene sveglio la notte?

/
Quali sono le preoccupazioni più frequenti dei manager? Questa è ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano