Conte

Mogli e manager dei Paesi tuoi

Se non ci fossero migliaia di morti, la curva esponenziale di contagi e una pandemia che sta mettendo in ginocchio il Paese a livello sanitario ed economico, si potrebbe anche ironizzare. Ma non è il caso di farlo, per rispetto di chi subisce le scelte e la mancata assunzione di responsabilità di coloro che dovrebbero gestire questa situazione. E le scuse del Premier Giuseppe Conte sulla vicenda che stiamo per raccontare non risolvono il problema.

In tempi ‘normali’ si sarebbero sprecati commenti ed editoriali sulla dichiarazione di Eugenio Gaudio, ex rettore dell’Università La Sapienza, che ha rifiutato la nomina di Commissario alla Sanità della Calabria spiegando – in un’intervista al Corriere della Sera – che la moglie non “ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro” e lui non vuole “aprire una crisi familiare”.

Già il web e i social hanno preso di mira Gaudio e quindi non ci dilunghiamo troppo sulla vicenda. Ma quanto accaduto fa tornare alla mente un passaggio del libro di Gabriele Ghini, Diario di un Cacciatore di Teste (Edizioni ESTE, seconda edizione 2020) – che ovviamente non ha nulla a che fare con la nomina dell’ex rettore de La Sapienza – in cui l’autore, Managing Director di Transearch International Italy e specializzato in ricerche di top manager per multinazionali e grandi aziende italiane e straniere, racconta che uno dei modi migliori per rovinare i rapporti con un Head Hunter (ovviamente non è il solo) è proprio quello di parlare con i familiari solo alla fine del processo di selezione.

“Conosciamo parecchi manager che parlano con la famiglia solo al termine del processo e scoprono troppo tardi che la moglie o il marito non accettano il trasferimento, che l’azienda è troppo lontana, o altre situazioni che avrebbero potuto e dovuto esplorare in anticipo. Possono prenderci in giro la prima volta, ma poi vengono definitivamente esclusi da successive ricerche […] Non sto sostenendo che si debbano accettare acriticamente e passivamente tutte le proposte lavorative, ma non si deve arrivare all’ultima fase della selezione per scoprire fatti che avrebbero dovuto essere già conosciuti”, è scritto nel libro.

Per chi fosse interessato a conoscere i rapporti virtuosi da creare con i Cacciatori di Teste, si può aggiungere, sempre prendendo in prestito le parole di Ghini: “I nostri candidati preferiti sono quelli che rispondono: ‘Dottore, per questo e quest’altro motivo non sono interessato alla posizione. Ma conosco un manager che potrebbe essere decisamente adatto per il ruolo che mi ha descritto. Posso segnalarglielo o, se lo conosce già, darle una referenza positiva’”.

Non è chiaro se Gaudio sia stato nominato ‘a sua insaputa’ dal Governo (sul sito dell’Esecutivo è pubblicato il verbale della riunione in cui si delibera la nomina), ma ormai la vicenda della sanità in Calabria non stupisce più: la situazione, però, chiama in causa gli addetti ai lavori del recruiting. Quale reazione susciterebbe nella Direzione del Personale una dichiarazione come quella dell’ex rettore? Intanto i calabresi aspettano. E la pandemia prosegue.

Gabriele Ghini, recruiting, eugenio gaudio, ricerca personale


Dario Colombo

Articolo a cura di

Giornalista professionista e specialista della comunicazione, da novembre 2015 Dario Colombo è Caporedattore della casa editrice ESTE ed è responsabile dei contenuti delle testate giornalistiche del gruppo. Da luglio 2020 è Direttore Responsabile di Parole di Management, quotidiano di cultura d'impresa. Ha maturato importanti esperienze in diversi ambiti, legati in particolare ai temi della digitalizzazione, welfare aziendale e benessere organizzativo. Su questi temi ha all’attivo la moderazione di numerosi eventi – tavole rotonde e convegni – nei quali ha gestito la partecipazione di accademici, manager d’azienda e player di mercato. Ha iniziato a lavorare come giornalista durante gli ultimi anni di università presso un service editoriale che a tutt’oggi considera la sua ‘palestra giornalistica’. Dopo il praticantato giornalistico svolto nei quotidiani di Rcs, è stato redattore centrale presso il quotidiano online Lettera43.it. Tra le esperienze più recenti, ha lavorato nell’Ufficio stampa delle Ferrovie dello Stato italiane, collaborando per la rivista Le Frecce. È laureato in Scienze Sociali e Scienze della Comunicazione con Master in Marketing e Comunicazione digitale e dal 2011 è Giornalista professionista.

Dario Colombo


svendita_aziende

Polemizziamo sul nulla, taciamo sul nostro futuro

/
C’è la pandemia di Covid-19. Poi il rimpasto di Governo ...
PdM_editoriale

PdM, una nuova veste per raccontare l’attualità manageriale

/
È quasi passato un anno da quando Parole di Management ...
Conte_produttivita

Che fine ha fatto il Comitato Nazionale per la Produttività?

/
Il Comitato Nazionale per la Produttività in Italia è durato ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano