Piscina olimpionica

Myrtha Pools e lo spirito d’impresa che fa nuotare Tokyo 2020

Si chiamano “Tokyo 2020” anche se, a tutti gli effetti, si stanno svolgendo nel 2021. Esattamente come accaduto nel calcio con l’Europeo 2020 giocato nel 2021. I Giochi olimpici rimandati a causa della pandemia di Covid-19 propongono storie di coraggio, forza di volontà e passione. Immergendoci nelle discipline del nuoto, poi, la delegazione italiana di atleti ci sta insegnando molto.

Per esempio la ‘divina’ Federica Pellegrini, che alla sua ultima competizione ha segnato un nuovo record: la prima donna a raggiungere per cinque olimpiadi consecutive la finale nei 200 metri stile libero, la sua specialità. Oppure Gregorio ‘Greg’ Paltrinieri che dopo la convalescenza che ha rischiato di escluderlo dall’Olimpiade di Tokyo, ha dimostrato che il cuore vince sul fisico, conquistando il secondo posto negli 800 metri stile libero.

E a proposito di italiani e di nuoto stiamo parlando, c’è da ricordare che gli sportivi non sono gli unici rappresentanti dell’Italia ai Giochi nipponici. C’è anche chi ha lavorato dietro le quinte per permettere l’effettiva realizzabilità delle gare, in particolare quelle natatorie. Stiamo parlando di Myrtha Pools, leader mondiale del settore piscine, che ha fornito tre piscine per l’Olimpiade di Tokyo (i tre impianti, finita la manifestazione e al termine della Paralimpiade, è previsto che siano smontate e riutilizzate durante i Mondiali di Fukuoka 2022; al termine delle competizioni sono destinate a essere installate in maniera permanente in centri natatori in Giappone).

Fare business nel nostro Paese

Giunta alla seconda generazione, l’impresa è nata nel 1961 a Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, vicino al lago di Garda, e ha sempre avuto una vocazione internazionale, esportando in 60 Paesi. Un business molto vasto, che va oltre le piscine più tradizionali e comprende parchi acquatici, termali e vasche da competizione, oggetto appunto di questo successo olimpico. Ma per raggiungere questi risultati ci vuole gran spirito di impresa e – in parte – di sacrificio.

Annalisa Colletto, Dirigente di Myrtha Pools, spiega infatti che l’attività rappresentava un impegno totalitario per il padre, fondatore dell’azienda, finché la società non ha iniziato a strutturarsi: “Vogliamo dare continuità allo spirito familiare dell’impresa, circondandoci però di manager di alto livello, verso un’organizzazione complessa ed evoluta, in cui l’imprenditore non sarà più indispensabile nel day-by-day, ma solo a livello strategico”.

Nel nostro Paese, infatti, risulta sempre più complicato. Ma per Colletto il Made in Italy è un valore aggiunto imprescindibile, nonostante si possa ipotizzare che attività più labour intensive o che non necessitano di presenza possono essere svolte altrove, rimanendo sempre coordinate dall’impresa italiana. Un altro modo per rendere meno ardua il percorso imprenditoriale è quello di confrontarsi con i colleghi, attraverso le associazioni: “È importante per poter discutere del presente e del futuro della categoria e per avere peso nelle decisioni governative riguardanti il settore”. Inoltre l’imprenditrice aggiunge che può essere anche un utile momento di condivisone di informazioni e dati di mercato.

Insomma l’Italia si conferma un territorio ostativo per chi vuol fare impresa. Ma come ci stanno insegnando i nostri atleti olimpici, e certi imprenditori: con il cuore e la volontà si può arrivar lontani. Una bracciata dopo l’altra.

 

Gli interventi di Annalisa Colletto inseriti in questo articolo sono tratti dall’articolo L’impresa di fare impresa in Italia, pubblicato integralmente sul numero di luglio-agosto-settembre 2021 della rivista Sviluppo&Organizzazione.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

tokyo 2020, olimpiadi, Italia, Myrtha Pools, Piscine castiglione


Francesca Albergo

Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione – percorso del teatro e dello spettacolo – Francesca Albergo ha successivamente conseguito un master in Professioni e Prodotti per l’Editoria. Dopo un’esperienza di cinque anni nelle Risorse Umane – durante i quali non ha mai abbandonato lettura e stesura di testi – la passione per le parole, la scrittura e (soprattutto) la grammatica l’ha portata a riprendere la sua strada, imparando a ‘vivere per lavorare’, come le consigliò un professore al liceo. Amante della carta e del ‘profumo dei libri’ si è adattata alla frontiera digital dell’Editoria, sviluppando anche competenze nella gestione di CMS. Attualmente collabora in qualità di editor e redattrice con case editrici e portali web. Nella sua borsa non mancano mai un buon libro, una penna (rigorosamente rossa) e un blocco per gli appunti, perché quando un’idea arriva bisogna esser pronti ad accoglierla.

Manifattura

I dati 2021 sul Manifatturiero sono promettenti. Fiammata o trend in ascesa?

/
L’industria manifatturiera non è più solo pura manifattura, ma è ...
Manifattura

Efficientare e ottimizzare i processi nella Manifattura

/
Nel mondo dell'Industria 4.0, le aziende iniziano a rendersi conto ...
Open innovation

I vantaggi dell’Open innovation nel Manifatturiero

/
Il paradigma dell’Open innovation (OI) rappresenta innanzitutto un’innovazione organizzativa che può permettere alle ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano