mascherine.jpg

Riconvertire per sopravvivere alla crisi

I produttori tessili portoghesi si stanno mobilitando per cucire camici e altri dispositivi medicali di cui c’è urgente bisogno per affrontare la battaglia contro il coronavirus. Le stesse aziende del settore, però, temono per il loro futuro, minacciato dalla recessione economica indotta dall’epidemia.

Il comparto del tessile è concentrato nel Nord del Portogallo, l’area in cui si registra il maggior numero di contagi. Il settore si è tirato fuori dalla crisi del debito, che ha interessato il Paese dal 2010 al 2014, potenziando le esportazioni soprattutto verso i retailer europei. Ora la Banca del Portogallo stima per il 2020 una contrazione delle esportazioni tra il 12% e il 19%.

E mentre gli ordini vengono ritardati o cancellati, centinaia di imprese stanno impiegando il loro tempo libero per rifornire di lenzuola, asciugamani e camici gli ospedali. “C’è un bisogno collettivo in Europa e noi vogliamo dimostrare solidarietà.

Siamo tutti preoccupati per il futuro, questo virus è un disastro, ma stiamo cercando di dare l’esempio”, ha detto a Reuters Cesar Araujo, CEO della manifattura tessile Calvalex, che insieme ad altre quattro aziende ha riconvertito la produzione. Il consorzio, che riunisce circa 6mila lavoratori, vende a prezzo di costo ai clienti europei e rifornisce gli ospedali gratuitamente o con tariffe scontate del 50%.

Il governo portoghese ha stanziato 1,3 miliardi di euro per le industrie tessili, che danno lavoro a 138mila persone. Nonostante queste misure, un’indagine condotta dall’Associação Têxtil e Vestuário de Portugal (ATP) tra 195 imprese ha rivelato che sei aziende su 10 si aspettano ancora un calo di fatturato superiore al 50% nel mese di aprile.

La stessa percentuale ha, infatti, sospeso fino a data da destinarsi almeno parte della propria forza lavoro. “Una grande percentuale di aziende chiuderà o ridurrà la propria attività, più probabilmente dopo aprile”, ha dichiarato a Reuters Ana Dinis, Executive Director di ATP.

Fonte: Reuters

crisi economica, Portogallo, coronavirus imprese, convertire la produzione


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

burnout

Burnout, chi rischia di più è l’HR

/
Sempre più Responsabili delle Risorse Umane sono a rischio burnout ...
Chi spegne la telecamera non fa carriera

Chi spegne la telecamera non fa carriera

/
Quando comunichiamo siamo ormai abituati a interpretare in maniera automatica, ...
Smart working

Toh, chi lavora in Smart working si sente meno coinvolto

/
Organizzare, prima dell’inizio delle riunioni online, brevi momenti (10-15 minuti) ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano