AI, la disruptive innovation per la formazione

Nell’epoca dell’Intelligenza Artificiale (AI), il mondo della formazione sta attraversando una fase di trasformazione senza precedenti. L’AI ha guadagnato un ruolo di spicco anche in questo settore, rivelando il suo potenziale dirompente. L’evoluzione della formazione nel corso del tempo è stata una storia di adattamento alle mutevoli esigenze della società. Con l’avvento dell’AI, assistiamo a una nuova fase di cambiamento. La personalizzazione, l’adattamento dinamico e l’accesso illimitato alle risorse sono solo alcune delle trasformazioni che l’AI apporta al modo in cui apprendiamo e insegniamo.

Digit’Ed, azienda all’avanguardia nel campo dell’educazione, ha abbracciato questa innovazione per offrire un’esperienza di apprendimento completamente nuova, motivo per il quale ha sviluppato Open Learning, il proprio canale di formazione in cui l’AI gioca un ruolo primario. Nata con l’obiettivo di allargare i limiti dei tradizionali metodi di apprendimento, per ottenere risultati migliori sia in termini di efficacia che di monitoraggio, è stata realizzata ripensando completamente la user experience con un canale che mettesse realmente al centro il learner.

Costruire un prodotto formativo tecnologico ed efficace

Nel ridefinire la strada dell’apprendimento e dell’insegnamento, focalizzandosi sui tre pilastri fondamentali dell’innovazione, dell’etica e dell’efficacia, Digit’Ed ha sfruttato l’AI per creare piani formativi estremamente precisi e personalizzati, proposti sulla base delle esigenze espresse dall’utente, dal manager di riferimento e dalla funzione HR.

Inoltre, per abilitare un supporto contestuale è stato messo a disposizione anche un digital learning assistant cui è possibile domandare in linguaggio naturale dei chiarimenti su specifici temi. La risposta sarà fornita dall’analisi di tutti i contenuti formativi messi a disposizione, fornendo altresì indicazione e referenze sulle fonti, in modo da permettere all’utente di approfondire l’argomento ricercato.

Libertà di pensiero e copyright. Gli impatti etici dell’AI nella formazione

Se da un lato l’AI offre nuove possibilità, dall’altro solleva questioni etiche cruciali: in particolare, le sfide legate alla libertà di pensiero e alla proprietà intellettuale (sono note le preoccupazioni di doppiatori e creativi). Digit’Ed ha affrontato queste tematiche in modo proattivo, adottando un approccio responsabile. In particolare, i sistemi di AI sono messi a disposizione in ambienti ‘isolati’, ovvero che limitano le analisi dei dati e le fonti alle sole informazioni disponibili per lo specifico cliente. In questa maniera le informazioni sono assolutamente protette e non disponibili al di fuori dei sistemi del cliente.

Inoltre, il controllo operativo degli algoritmi di AI è demandato alle persone in quanto i piani sono costruiti sulla base di input chiari e specifici delle persone che hanno poi la possibilità di segnalare eventuali suggerimenti non allineati alle proprie esigenze.

La nostra visione è chiara e orientata al futuro: abbracciare la tecnologia in modo eticamente responsabile, impegnandoci a fornire servizi all’avanguardia che siano veramente utili ed efficaci per soddisfare le esigenze di business dei clienti.

formazione, Intelligenza artificiale, Digit'Ed


Antonino Ciacio

Antonino Ciacio

Nato a Palermo, dopo la laurea in Ingegneria Gestionale, Ciacio inizia il suo percorso professionale nel mondo della consulenza entrando in Accenture nel 2011. Fin da subito concentra il suo interesse sulle tematiche inerenti all’innovazione nel mondo HR, sperimentando l’applicazione delle più recenti tecnologie al Learning. Dirigente dal 2018, guida per Accenture l’offering del Learning per tutto il mercato italiano. Da gennaio 2023 è responsabile del Team Technology Digit’Ed con gli obiettivi di disegnare le migliori soluzioni tecnologiche per i clienti, continuare a studiare modalità innovative di erogazione della formazione, guidare i progetti di trasformazione dei sistemi IT del Learning e supportare il postvendita. Nel suo tempo libero ama dedicarsi alla nautica, al padel e al fai da te.

Whatsapp

Welfare, l’ingaggio è la via

/
In Italia, soltanto un lavoratore su due si dichiara completamente ...
Il Business English è importante per le aziende italiane?

Il Business English è importante per le aziende italiane?

/
Che il Business English sia fondamentale per il successo di ...
Webinar

Talent management, risolvere lo skill gap col digitale

/
Oramai è noto, le aziende italiane si trovano ad affrontare ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano