Belgio_assenza.jpeg

Assenze per malattia, i Belgi stanno a casa 13 giorni l’anno

Nell’ultimo anno i lavoratori dipendenti del Belgio sono rimasti a casa in media 12,9 giorni per ragioni di salute. Secondo i dati raccolti dalla società di consulenza in materia di Risorse Umane SD Worx, il numero di assenze per malattie registrato nel 2019 è solo di poco superiore a quello dell’anno precedente (12,6), ma sarebbe cresciuto di circa il 15% negli ultimi cinque anni.

L’aumento è dovuto in gran parte alla crescita delle assenze per malattie di lungo periodo, con personale che lascia il posto di lavoro da un mese a un anno. Nel 2014 erano il 10,7% dei casi, nell’ultimo anno hanno raggiunto quota 12,5%. E i numeri sono molto più alti nelle imprese con più di mille dipendenti (15,7%) rispetto a quelle con meno di 20 assunti (8,4%).

Al contrario, i periodi brevi di malattia sono aumentati appena: il 30% dei dipendenti non ha preso neppure un giorno di malattia per tutto il 2019.

“L’assenza di lungo periodo sta crescendo velocemente nelle organizzazioni di maggiori dimensioni”, avverte Katrien Cloet di SD Worx. “Nelle imprese che hanno tra i 20 e i 99 dipendenti osserviamo una stabilizzazione del fenomeno o persino un leggero decremento. Resta, tuttavia, un fattore a cui tutte le organizzazioni dovrebbero prestare attenzione”.

Febbraio e ottobre sono i mesi in cui si registra il picco di assenze, soprattutto a causa delle influenze stagionali. Ci si ammala di più nei settori del retail, della logistica e dei trasporti, della salute, delle costruzioni e dell’industria alimentare. I più presenti, invece, sono i dipendenti che operano nel mondo dell’ICT e dello sviluppo scientifico, quanti svolgono servizi di contabilità e gestione aziendale e gli impiegati nei settori legale, creativo e dell’energia.

Fonte: The Brussels Times

ambiente di lavoro, Belgio, assenza al lavoro, SD Worx, periodi di malattia


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Welfare

Il welfare come leva di ingaggio nell’era delle crisi

/
Nonostante le sempre maggiori difficoltà a trattenere i talenti, la ...
Competenze

Alla larga dai profili troppo qualificati

/
Più i lavoratori fanno carriera e più si riducono le ...
Colloquio online

Candidati Deep fake: chi sono i nuovi pirati informatici

/
Creare identità false con il Deep fake per presentarsi ai ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano