Boom di telelavoro in Giappone (anche) grazie all’effetto coronavirus

Era già un trend crescente, inserito tra le misure urgenti adottate dal governo per prepararsi all’Olimpiade di Tokyo 2020 e scongiurare un traffico che si preannuncia già congestionato. Ora la paura del contagio da COVID-19, il nuovo coronavirus originato nella cittadina cinese di Wuhan, ne ha accelerato la diffusione. In Giappone sono sempre di più le aziende che incoraggiano un uso crescente del telelavoro.

Il gigante delle Telecomunicazioni NTT ha adottato una modalità di lavoro a distanza o con orari che evitino il pendolarismo nelle ore di punta per 200mila dipendenti. Il motore di ricerca Yahoo Japan offriva già agli impiegati con figli piccoli e alle dipendenti in dolce attesa la possibilità di lavorare da remoto fino a cinque giorni al mese.

Adesso, la paura del contagio ha fatto venir meno anche questa limitazione. Lo stesso ha fatto il gruppo GMO Internet: i 4mila dipendenti di base a Tokyo, Osaka e Fukuoka lavorano da casa dal 27 gennaio 2020.

Dal 2017 il Governo giapponese dedica ogni estate una campagna di sensibilizzazione dedicata al telelavoro. Nel 2019, circa 680mila persone provenienti da 2.887 aziende hanno preso parte ai Telework Days. Secondo le stime del ministero degli Affari Interni e della Comunicazione, nel 2019 circa il 19% delle imprese ha adottato forme di lavoro a distanza. L’introduzione di uno stile di lavoro più flessibile è una delle strategie volute dal primo ministro Shinzo Abe per contrastare la carenza di manodopera, dovuta ai lunghi spostamenti verso le grandi città, e incrementare il lavoro femminile.

Fonte: Giappone, Japan Times

giappone, coronavirus, NTT, GMO Internet, telelavoro


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Conflitto

Caro collega, ma quanto mi stressi?

/
I conflitti sul posto di lavoro non rappresentano semplicemente un ...
Welfare

Il welfare come leva di ingaggio nell’era delle crisi

/
Nonostante le sempre maggiori difficoltà a trattenere i talenti, la ...
Competenze

Alla larga dai profili troppo qualificati

/
Più i lavoratori fanno carriera e più si riducono le ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano