Gli effetti della Brexit sull’ecommerce

Mancano pochi giorni al punto di approdo di lunghe ed estenuanti trattative che hanno tenuto con il fiato sospeso cittadini e imprese per oltre quattro anni. Il 31 dicembre 2020 il Regno Unito cessa di far parte dell’Unione europea, ponendo fine al travagliato processo di separazione noto con il nome di “Brexit”.

L’uscita della Gran Bretagna dalla compagine dei 28 (ora 27) non comporta una cessazione totale delle relazioni, ma ha conseguenze significative sui rapporti economici tra i diversi Paesi, soprattutto in assenza di un accordo commerciale che regolarizzi le transazioni. Il tanto temuto no deal ha senza dubbio effetti sulle vendite online, con la reintroduzione di Iva e dazi doganali.

A partire dal 1 gennaio 2021, infatti, il Regno Unito introduce una riforma dell’Imposta sul valore aggiunto per le vendite a distanza. Ciò significa che i colli di valore superiore alle 135 sterline – pari a circa 150 euro – devono sottostare al pagamento dell’Iva. Fino a oggi le cessioni e gli acquisti di beni tra il Regno Unito e gli altri Paesi dell’Ue rientravano a pieno diritto tra le operazioni intracomunitarie, con l’obbligo dunque di versare l’Iva sui beni inviati e ricevuti.

Ora la Brexit impone che gli acquisti da e per il Regno Unito debbano essere trattati come esportazioni e importazioni: tutte le transazioni saranno quindi soggette a Iva e dazi doganali al momento dell’entrata e dell’uscita dei beni dal Paese. Ai dazi sfuggiranno solo i beni di valore inferiore alle 135 sterline.

Si impone, inoltre una nuova responsabilità Iva sui marketplace. Amazon, eBay, Alibaba e altre realtà simili saranno responsabili della riscossione e del versamento dell’Iva sulle vendite ai consumatori realizzate da imprese europee non stabilite in Regno Unito, ma con un loro stock nel Paese.

Ciò non esenta, però, le imprese italiane – non stabilite nel Regno Uniti, ma con stock in quel Paese – dalla necessità di dotarsi di partita Iva, necessaria sia per indicare il valore delle vendite tramite marketplace sia per dichiarare e versare l’Iva sulle vendite B2B.

Fonte: Fashion Magazine

Brexit, ecommerce, Iva, dazi


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

lavoro in ufficio

Le donne hanno bisogno dell’ufficio

/
Sono le più tentate dal lavoro da remoto perenne. Chiamate ...
stress

HR alle prese con la gestione dell’ansia (post Covid)

/
Ansia, stress e burnout. Dopo un anno e mezzo di ...
ufficio

L’ufficio? Più sicuro del ristorante

/
L’ufficio è considerato più sicuro di un ristorante. In tempi ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano