Mobility

Il coraggio di essere in prima linea dei Travel e Mobility Manager

È ormai opinione diffusa che il mondo non tornerà più a essere quello che era prima dell’inizio della pandemia, che oltre a stravolgere in primo luogo la Sanità e le singole vite delle persone ha avuto effetti significativi su numerosi ambiti e settori professionali. Basti pensare al lavoro ibrido dal quale difficilmente si tornerà totalmente indietro, al boom dei settori farmaceutico e ICT, all’incredibile accelerazione della digitalizzazione delle nazioni. Non ultimo anche il settore della mobilità si è trovato davanti a sfide inattese, dovendo intervenire sugli spostamenti con nuovi protocolli senza però dimenticare gli obiettivi legati alla sostenibilità da tempo entrati nelle agende di chi si occupa di mobilità e trasporti.

Nel vortice hanno così finito per trovarsi anche i Travel e Mobility Manager, figure professionali che da tempo chiedono una maggiore valorizzazione del proprio ruolo e che nell’andare incontro ai mutamenti portati dall’emergenza epidemiologica esplosa in Italia nel febbraio 2020 hanno visto un’opportunità di crescita e cambiamento, un’occasione per una nuova primavera (di cui avevamo già scritto, raccogliendo anche il punto di vista di Cristiana Di Giuliomaria, Mobility Manager di Enel).

Per coglierla appieno, i membri dell’Associazione italiana travel e mobility manager (Aitmm) si sono riuniti di recente in una convention di cui Parole di Management è stato Media Partner, con l’idea di progettare insieme il proprio futuro. Perché se è chiaro che i Travel, e soprattutto i Mobility Manager, hanno espanso il loro bacino negli ultimi due anni, come sottolineato dal Presidente di Aitmm Paolo Tedesco, è vero anche che sono ancora molte le incognite che pendono su questa professione e altrettante le domande rimaste aperte.

Verso gli interrogativi del futuro con coraggio e consapevolezza

L’Esecutivo, per esempio, ancora non ha chiarito le indicazioni per l’utilizzo del fondo da 50 milioni di euro che il decreto Sostegni Bis ha messo a disposizione per le aziende dotate di Mobility Manager che avessero presentato i propri Piani di spostamento casa-lavoro (Pscl) entro la fine dell’estate 2021. E ancora: ci si chiede se il Green pass sarà uno stimolo o un freno alla mobilità d’affari; come continuare a portare avanti in sicurezza il sempre presente obiettivo della riduzione delle emissioni di Anidride carbonica e come, eventualmente, imprimere nuove direzioni all’impegno per la sostenibilità. Infine, verranno davvero nominati dei Mobility Manager in ogni azienda o ente con oltre 100 dipendenti in città che superino i 50mila abitanti, come indicato dal decreto Rilancio del maggio 2021, considerando che molte realtà che rispondono a questi requisiti non l’hanno fatto e che la mancata ottemperanza non comporta alcun tipo di conseguenza?

Alle questioni esposte, i manager del settore si approcciano guidati dalle parole chiave “coraggio”, “consapevolezza” e “valorizzazione”, nella speranza che il tipo di confronto e condivisione che caratterizza la convention di Aitmm possa prendere vita anche all’interno delle aziende dove operano e che da tutti i colleghi e le colleghe, anche di altri ambiti, arrivi il supporto che permetta loro di affrontare al meglio l’incertezza. Come? Attraverso la formazione e la progettualità, la prima per essere sempre preparati per le sfide del futuro e la seconda per rendere spendibile il proprio lavoro – che non di rado, lamentano i Mobility, finisce per slittare nelle retrovie delle priorità – in azienda, ma anche all’interno della comunità. Proprio questo i professionisti del settore vorrebbero essere: manager a tutto tondo integrati in un contesto più ampio, in prima linea nella gestione dei progetti che riguardano uomini, donne, luoghi e comunità.

sostenibilità, mobilità, mobility manager, Sostegni Bis


Erica Manniello

Laureata in Filosofia, Erica Manniello è giornalista professionista dal 2016, dopo aver svolto il praticantato giornalistico presso la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli. Ha lavorato come Responsabile Comunicazione e come giornalista freelance collaborando con testate come Internazionale, Redattore Sociale, Rockol, Grazia e Rolling Stone Italia, alternando l’interesse per la musica a quello per il sociale. Le fanno battere il cuore i lunghi viaggi in macchina, i concerti sotto palco, i quartieri dimenticati e la pizza con il gorgonzola.

SDGS

Regione Lombardia promuove il Life cycle approach per la sostenibilità

Il Life cycle approach (Lca), l’approccio del ciclo di vita, ...
Arte_azienda

Arte contemporanea per migliorare l’impresa

/
Se l’arte classica e moderna era didascalica, e quindi immediata ...
Greem

Alla ricerca del posto di lavoro green

/
Tra i tanti cambiamenti che sta attraversando negli ultimi anni ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano