Parlamento

Il disimpegno civile genera mostri

Sono tempi particolarmente complicati. Forse i peggiori per la nostra giovane Repubblica. Stiamo affrontando la seconda ondata pandemica che poteva – doveva? – essere, oltre che prevista, gestita con maggiore capacità organizzativa. Ma lo scenario è il risultato delle scelte di chi ci governa (o ogni livello), ossia di coloro i quali sono stati scelti per questo impegnativo compito. Scelti non dalla divina provvidenza o per discendenza dinastica di medioevale memoria, ma eletti dal popolo con libere e democratiche elezioni.

Per anni si è gridato alla rottamazione della Casta. Oggi che nella Casta da rottamare siedono tanti rottamatori, la questione è stata archiviata. Perché? Perché ‘finalmente’ i nostri rappresentanti sono la fotografia di ciò che siamo e del dilagante disimpegno civile ormai arrivato a tutti i livelli della società. Per la verità siamo decisamente meglio, ma sembra che nessuno sia interessato a dirlo o a fare qualcosa per ricordarlo. Dov’è finita, per esempio, la classe imprenditoriale mentre i ‘nostri simili’ finivano al potere? Non ci si lamenti se le scelte di disimpegno civile oggi presentano un conto che non è più rinviabile.

Nel suo editoriale, il GuastafESTE ricorda il ruolo di Confindustria nella storia e si chiede come sia possibile essere arrivati all’attuale decadenza degli imprenditori, ben rappresentata dal fatto che l’associazione è passata dall’essere guidata dai grandi industriali ai piccoli imprenditori, diventati i protagonisti dell’ultima stagione di Viale dell’Astronomia.

Quello del GuastafESTE è un punto di vista: Parole di Management vuole aprire il dibattito con l’obiettivo di ospitare la replica di Confindustria e dei suoi imprenditori. Ma tutta la comunità imprenditoriale è chiamata a esprimersi e il nostro quotidiano si candida come mezzo per veicolare il confronto.

coronavirus, Covid, imprenditoria, impegno civile


Dario Colombo

Articolo a cura di

Giornalista professionista e specialista della comunicazione, da novembre 2015 Dario Colombo è Caporedattore della casa editrice ESTE ed è responsabile dei contenuti delle testate giornalistiche del gruppo. Da luglio 2020 è Direttore Responsabile di Parole di Management, quotidiano di cultura d'impresa. Ha maturato importanti esperienze in diversi ambiti, legati in particolare ai temi della digitalizzazione, welfare aziendale e benessere organizzativo. Su questi temi ha all’attivo la moderazione di numerosi eventi – tavole rotonde e convegni – nei quali ha gestito la partecipazione di accademici, manager d’azienda e player di mercato. Ha iniziato a lavorare come giornalista durante gli ultimi anni di università presso un service editoriale che a tutt’oggi considera la sua ‘palestra giornalistica’. Dopo il praticantato giornalistico svolto nei quotidiani di Rcs, è stato redattore centrale presso il quotidiano online Lettera43.it. Tra le esperienze più recenti, ha lavorato nell’Ufficio stampa delle Ferrovie dello Stato italiane, collaborando per la rivista Le Frecce. È laureato in Scienze Sociali e Scienze della Comunicazione con Master in Marketing e Comunicazione digitale e dal 2011 è Giornalista professionista.

Dario Colombo


svendita_aziende

Polemizziamo sul nulla, taciamo sul nostro futuro

/
C’è la pandemia di Covid-19. Poi il rimpasto di Governo ...
PdM_editoriale

PdM, una nuova veste per raccontare l’attualità manageriale

/
È quasi passato un anno da quando Parole di Management ...
Conte_produttivita

Che fine ha fatto il Comitato Nazionale per la Produttività?

/
Il Comitato Nazionale per la Produttività in Italia è durato ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano