Giorgia Meloni

Lavoro, le proposte dei partiti di centrodestra

Sostenere chi fa impresa e creare posti di lavoro; promuovere il lavoro femminile e giovanile; ridurre in modo strutturale il cuneo fiscale per lavoratori e aziende; rivedere il Reddito di cittadinanza. Sono queste alcune delle proposte, relative la questione del lavoro, che la coalizione di centrodestra, composta da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e la lista ‘Noi moderati’ ha introdotto nel suo programma elettorale in vista delle elezioni del 25 settembre 2022 e che Parole di Management ha analizzato e sintetizzato.

Forza Italia: taglio del cuneo fiscale per imprese e lavoratori

Forza Italia (Fi) ha depositato come suo programma quello firmato da tutti i partiti della coalizione di centrodestra (include Fratelli d’Italia, Lega e la lista ‘Noi moderati’). Tra i punti chiave sul lavoro, ci sono il taglio del cuneo fiscale in favore di imprese e lavoratori, maggiori tutele per lavoro autonomo e libere professioni, tutela delle micro e piccole medie imprese, lotta alla concorrenza sleale. A questi punti si aggiungono il contrasto al lavoro irregolare, il rafforzamento dei meccanismi di decontribuzione per il lavoro femminile, per gli Under 35, per i disabili e per le assunzioni nelle zone svantaggiate.

Il centrodestra propone inoltre incentivi all’imprenditoria femminile e giovanile, in particolare nelle aree depresse del Paese; politiche di sostegno alle aziende ad alta intensità occupazionale; sostituzione dell’attuale Reddito di cittadinanza con misure più efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro.

Lega: Detassazione per i lavoratori dipendenti e per le partite Iva

Sul tema lavoro, la Lega cita tra le misure da adottare una riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori del valore di 10 punti percentuali per 10 anni; la detassazione di straordinari e premi di produttività; l’estensione dell’età anagrafica del contratto di apprendistato fino a 35 anni; l’esonero contributivo per i datori di lavoro che assumono giovani Under 35 e la promozione di incentivi per l’occupazione femminile. La Lega propone, inoltre, per i lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi, una tassazione Irpef fissa del 5% per i primi tre anni di assunzione a tempo indeterminato.

Tra gli altri punti toccati dal programma ci sono la defiscalizzazione totale (e la detassazione completa) dei contributi versati dai datori di lavoro in busta paga o dai clienti delle partite Iva con cui sussiste un rapporto stabile di collaborazione (per esempio gli studi professionali ai collaboratori) e deducibilità al 120% per chi paga il contributo. A questa misura si aggiunge anche la detassazione completa degli importi concessi dai datori di lavoro ai dipendenti o dai clienti alle partite Iva con cui sussiste un rapporto stabile di collaborazione (per esempio dagli studi professionali ai collaboratori), “così da far entrare nelle tasche dei lavoratori-Partite Iva il valore completo di quanto stanziato dal datore di lavoro-cliente”.

Per quanto riguarda la riforma del Reddito di cittadinanza, la Lega vuole mantenere i sostegni destinati ai percettori inidonei al lavoro, ma punta a rivedere i criteri di accesso e la scala di equivalenza, dando maggior peso al quoziente familiare e rimodulando gli importi in funzione delle differenti soglie di povertà assoluta (e quindi del potere d’acquisto) registrate sul territorio nazionale. Intende, inoltre, riformare la misura per i percettori idonei all’attività lavorativa, trasformandola in un vero e proprio ammortizzatore sociale finalizzato all’occupazione.

Nel programma è inoltre affrontato il tema dello Smart working – assente in quello presentato dalla coalizione di centro destra – rispetto al quale il Carroccio ha sottolineato la necessità di “modernizzare l’organizzazione del lavoro, implementando tecnologie digitali e nuovi modelli flessibili”.

Fratelli d’Italia sostiene chi fa impresa e crea posti di lavoro

Fratelli d’Italia (Fdi) sottolinea, nel suo programma, l’importanza di “sostenere chi fa impresa e crea ricchezza e posti di lavoro in Italia”. Nello specifico, sul lavoro sono previste: riduzione le tasse sul lavoro attraverso il taglio strutturale del cuneo fiscale e contributivo, a vantaggio di lavoratori e imprese; razionalizzazione le diverse tipologie di agevolazioni di incentivo alle assunzioni attualmente esistenti e accorpamento delle stesse in poche efficaci misure; maggiore utilizzo dei fondi europei per il sostegno all’occupazione dei soggetti deboli; progressiva introduzione di un meccanismo fiscale premiale per le aziende ad alta intensità di lavoro, secondo il principio “più assumi e meno tasse paghi”.

A questi punti si aggiungono poi l’introduzione di una ‘super deduzione’ del costo del lavoro per le imprese che incrementano l’occupazione rispetto agli anni precedenti; il supporto alle imprese ad assumere attraverso strumenti flessibili ma che, allo stesso tempo, tutelino i lavoratori. Il programma menziona inoltre la revisione delle norme sul lavoro a tempo determinato contenute nel cosiddetto decreto Dignità; l’ampliamento della possibilità di utilizzo dei voucher lavoro (soprattutto in ambito agricolo, turistico e del lavoro domestico), rafforzando tutti i meccanismi di contrasto a distorsioni e abusi; la promozione della formazione e dell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e il rilancio, con adeguate tutele, degli strumenti del contratto di apprendistato e dei tirocini.

A questi punti si aggiungono, tra le varie questioni citate, anche la lotta al lavoro irregolare, l’ampliamento dell’applicazione dei Contratti collettivi nazionali di lavoro (Ccnl), la garanzia di un salario equo e di tutele adeguate, il sostegno al lavoro femminile e il superamento del gender pay gap attraverso misure che migliorino la trasparenza retributiva e l’istituzione di una autorità garante.

Fonti:

Programma comune del Centrodestra: http://www.forza-italia.it/speciali/PER_L_ITALIA_Accordo_quadro_di_programma_per_un_Governo_di_centrodestra.pdf

Lega: https://static.legaonline.it/files/Programma_Lega_2022.pdf

Fratelli d’Italia: https://www.fratelli-italia.it/wp-content/uploads/2022/08/Brochure_programma_FdI_qr_def.pdf

Forza Italia, Centrodestra, Fratelli D'Italia, Lega

Giorgia Meloni

L’Italia post elezioni: le sfide del nuovo Governo (di centrodestra)

/
Mentre la coalizione di centrodestra si attesta al 44%, Fratelli ...
Pedranzini_PdM

Voto e imprese: sfide mai vissute nel passato

/
È un momento impegnativo quello che stanno vivendo le aziende ...
Marco_Vitale_PdM

Marco Vitale: “In Italia una società infame per fare impresa”

/
È una visione disillusa quella di Marco Vitale sull'Italia di ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano