Le competenze trasversali come scialuppa di salvataggio nelle incertezze

La maggior parte di chi cerca un lavoro non sa riportare nel proprio curriculum vitae le competenze trasversali già acquisite in esperienze lavorative passate, non è in grado di spiegare come potrebbero rivelarsi utili in un nuovo impiego e non è a suo agio nel parlarne con i selezionatori.

Secondo un’indagine condotta negli Usa da LiveCareer, a molti candidati manca insomma l’abilità di comunicare un’informazione centrale: il legame, cioè, che esiste tra quanto realizzato fino a quel momento e il prossimo impegno lavorativo. Ora che molte aziende sono in sofferenza, a causa della crisi innescata dal coronavirus, passare da una carriera all’altra diventerà inevitabile per tanti. E la vera scialuppa di salvataggio, secondo gli esperti, è rappresentata proprio dalle competenze trasversali.

Eppure, sembrano le più difficili da identificare. Il 57% del campione di persone in cerca di un’occupazione (20,8 milioni) non è in grado di individuarle con un grado elevato di sicurezza. Più di 12 milioni di americani non sanno fornire buoni esempi di come le proprie skill si adatterebbero al nuovo lavoro e oltre 21 milioni non sono convinti di trovare un posto di lavoro compatibile con le proprie competenze. Dalla survey risulta infatti che il 56% di chi è in cerca di lavoro (circa 20,4 milioni di persone) sta cercando nello stesso settore da cui proviene, anche se si tratta di un comparto che sta tagliando in modo significativo i posti di lavoro.

I risultati dell’indagine mostrano un gap allarmante tra conoscenza e fiducia nelle competenze trasversali. Solo il 40% dei potenziali candidati per un nuovo lavoro è convinto di poter mettere nero su bianco soft skill, quali Project management, software expertise e Inventory management, rispetto al 45% che è certo di saper stilare una lista delle proprie hard skill. Invece, le competenze soft si dimostrano le più trasversali fra occupazioni differenti e, secondo gli esperti, si riveleranno le più importanti nell’era del post-Covid.

Fonte: Forbes

competenze trasversali, crisi, carriera


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Azienda_Risorse Umane

Fiducia, correttezza e ascolto: così si motivano le persone

/
Fin dagli Anni 50 sono condotte ricerche per misurare se ...
Welfare

Il welfare come leva di ingaggio nell’era delle crisi

/
Nonostante le sempre maggiori difficoltà a trattenere i talenti, la ...
Competenze

Alla larga dai profili troppo qualificati

/
Più i lavoratori fanno carriera e più si riducono le ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano