Burocrazia

Possiamo davvero fare a meno della burocrazia?

Esiste una ‘tecnologia’ invisibile che si replica uguale a se stessa da oltre un secolo, che corrisponde a un impianto che ha preso forma agli albori della rivoluzione industriale e si è consolidato nell’era della produzione di massa, trascinandosi praticamente immutato fino alla nostra era digitale. Il nome che meglio la descrive è “burocrazia” ed evoca, almeno a noi italiani, soprattutto pensieri negativi, perché la colleghiamo alla ‘patologia’ più tipica dell’apparato statale.

Tuttavia, pure la nostra visione pessimista risulta limitata, perché non ci fa considerare (e vedere) a fondo la pervasività del fenomeno nel mondo imprenditoriale e il suo anacronismo. Gary Hamel (Visiting Professor di Strategia e Imprenditorialità presso la London Business School e Direttore del Management Lab) e Michele Zanini (Cofondatore di Management Lab e consulente aziendale) nel libro Humanocracy. Imprese straordinarie come le loro persone (Ayros, 2021) sostengono che la burocrazia è in realtà la struttura sociale più diffusa del Pianeta, e che trascina con sé costi giganteschi.

Costruire persone, non regole

Lungi dall’essere una patologia esclusiva del settore pubblico, infatti, per gli autori i costi della burocrazia colpiscono organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore. “Il primo limite alla competitività delle imprese italiane risiede spesso nella loro stessa organizzazione, nella mancanza di dinamismo e flessibilità. L’imperativo per tutti è evolvere continuamente”, si legge nella prefazione. Negli ultimi due secoli, e in particolare negli ultimi 100 anni, Hamel e Zanini ritengono che la forma burocratica abbia sacrificato l’evoluzione per la standardizzazione, la prevedibilità e, soprattutto, il controllo. Ma il tumultuoso contesto dei mercati e degli ecosistemi in cui le organizzazioni si trovano a operare, chiede a gran voce di immaginare nuove forme di managament.

Alcune aziende sono state costruite – in alcuni casi ricostruite – con un preciso obiettivo in mente, cioè massimizzare il contributo umano. “Questa aspirazione è lo spirito che anima l’umanocrazia, ed è in netto contrasto con la burocrazia”, è il messaggio del libro. Esemplificata da casi imprenditoriali statunitensi, spesso sconosciuti in Italia, la via tracciata da Hamel e Zanini è un percorso, non un modello prescrittivo. Le storie aziendali analizzate, comunque, disegnano un cammino possibile con alcuni principi-cardine comuni (come la responsabilità e l’autonomia delle persone) e molto spazio all’iniziativa e alla creatività delle organizzazioni. Il paradigma proposto è quindi: aperto e fondato sulla relazione e sulla comunità; leggero nelle regole, ma solido nella condivisione degli obiettivi; dinamizzato dalla capacità di sperimentare e di sbagliare; guidato da una strategia che nasce dalla conversazione aperta a collaboratori, clienti e partner esterni.

burocrazia, Gary Hamel, Michele Zanini, Humanocracy


Elisa Marasca

Elisa Marasca

Elisa Marasca è giornalista professionista e consulente di comunicazione. Laureata in Lettere Moderne all’Università di Pisa, ha conseguito il diploma post lauream presso la Scuola di Giornalismo Massimo Baldini dell’Università Luiss e ha poi ottenuto la laurea magistrale in Storia dell’arte presso l’Università di Urbino. Nel suo percorso di giornalista si è occupata prevalentemente di temi ambientali, sociali, artistici e di innovazione tecnologica. Da sempre interessata al mondo della comunicazione digital, ha lavorato anche come addetta stampa e social media manager di organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali, soprattutto in ambito culturale.

time_management_corsa

Il tempo c’è, ma non sappiamo gestirlo

/
Il pollice che preme freneticamente lo schermo dello smartphone; le ...
ecommerce

Ridurre l’impronta ecologica del commercio online

/
Molto è stato scritto sull’impatto degli ultimi due anni sui ...
Abbiamo (ancora) bisogno del galateo in azienda

Abbiamo (ancora) bisogno del galateo in azienda

/
“Business is business”, dicono gli anglosassoni; e un tempo questo ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano