salari_germania.jpg

Il paradosso del salario minimo tedesco

Ha traghettato i lavoratori da realtà minori a grandi organizzazioni, ha reso più competitive le imprese e aumentato la produttività generale. A cinque anni di distanza dalla sua introduzione, il salario minimo sembra aver avuto in Germania un impatto positivo su lavoratori e imprese.

Almeno su quelle di grandi dimensioni. A farne le spese, infatti, sarebbero statele piccole aziende. Secondo uno studio ripreso dal Financial Times, il salario minimo tedesco avrebbe causato l’uscita dal mercato delle PMI, portando in prospettiva a ridurre la concorrenza sul mercato e la possibilità di scelta del consumatore.

La ricerca condotta dalla University College London e dall’Istituto per la ricerca sull’occupazione di Nuremberg evidenzierebbe come la politica di innalzamento del salario abbia ridotto le diseguaglianze nel mondo del lavoro senza effetti sostanziali su disoccupazione e tasso di occupazione.

Nelle regioni più esposte alla nuova misura, però, avrebbe avuto l’effetto di far calare il numero di imprese con meno di tre dipendenti e di aumentare di riflesso la quota di grandi imprese. Le compagnie di dimensioni maggiori sarebbero state, infatti, le uniche in grado di sostenere il più alto salario imposto dalla normativa.

Circa un quarto della crescita dovuta al salario minimo si spiegherebbe con il passaggio dei lavoratori a realtà più grandi, con contratti a tempo pieno, manodopera qualificata e minore livello di turnover. Senza contare che i lavoratori tedeschi oggi guadagno di più, ma a distanze maggiori: dall’introduzione del salario minimo a oggi, la distanza media percorsa dai pendolari è aumentata di 1,5 chilometri.

Fonte: Germania, Financial Times

produttività, Economia tedesca, PMI, Germania, salario minimo


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

burnout

Burnout, chi rischia di più è l’HR

/
Sempre più Responsabili delle Risorse Umane sono a rischio burnout ...
I nuovi fringe benefit ridefiniscono il welfare aziendale

I nuovi fringe benefit ridefiniscono il welfare aziendale

/
Le modifiche al welfare aziendale decise dal Governo con la ...
Chi spegne la telecamera non fa carriera

Chi spegne la telecamera non fa carriera

/
Quando comunichiamo siamo ormai abituati a interpretare in maniera automatica, ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano