Avere un lavoro non basta più, deve essere ‘bello’

Sono state oltre 1,6 milioni le dimissioni registrate in Italia nei primi nove mesi del 2022, il 22% in più rispetto allo stesso periodo del 2021. E sempre più cittadini sembrano interrogarsi sul ruolo del lavoro nella propria vita e nella società che li circonda. Cosa significa oggi, quindi, avere un bel lavoro? Come facciamo a creare posti di lavoro di qualità, in grado di generare valore e di dare spazio alle ambizioni e ai sogni di ciascun individuo? Come costruire nel concreto l’idea di posti di lavoro ‘belli’? L’innovazione tecnologica sarà un nemico o un alleato? E siamo certi che dobbiamo per forza lavorare, o forse verrà un giorno in cui non sarà più necessario e l’automazione ci avrà liberato da tale necessità? Alfonso Fuggetta, professore di Informatica al Politecnico di Milano e AD del Centro di innovazione digitale (Cefriel) dello stesso ateneo, cerca di rispondere a queste (e a molte altre) domande nel suo saggio Un bel lavoro. Ridare significato e valore a ciò che facciamo (Egea, 2023).

Grazie alla lunga esperienza maturata tra mondo accademico, istituzioni e imprese, Fuggetta ha avuto modo di osservare e vivere sulla propria pelle le tante trasformazioni che hanno investito il mondo del lavoro in questi anni. E cerca di mettere a frutto la sua esperienza per elaborare una definizione di che cosa oggi si possa (o si debba) effettivamente intendere per ‘bel lavoro’, individuandone le dieci caratteristiche chiave e declinandole tra obiettivi individuali e modalità relazionali, tra riflessioni personali e pillole manageriali in materia di scelte organizzative.

Il lavoro non scomparirà ma cambierà

Fuggetta parte dall’urgenza di riflettere su “questa strana società dove ogni giorno si parla di mancanza di lavoro e, al tempo stesso, le imprese denunciano la scarsità di personale, a riprova di una distanza che non è solo nelle competenze e professionalità richieste e offerte, ma anche e soprattutto nelle aspettative ed esigenze delle parti”. Poi risponde alle domande di partenza scrivendo che un lavoro ci vuole, non solo per necessità ma anche per virtù. “Perché il lavoro è una dimensione nella quale esprimiamo la nostra creatività e capacità realizzativa; è un’occasione di crescita, non solo professionale ma anche culturale e umana, tramite la quale valorizzare molti aspetti di noi stessi”, si legge nel testo.

Ecco perché non basta più avere un lavoro, ma serve un bel lavoro. L’autore osserva che soprattutto le generazioni più giovani vogliono non solo guadagnare bene, ma anche vivere bene. Vogliono ritrovare un senso alle azioni che svolgono e, possibilmente, vivere senza ansia in un mondo che si trasforma continuamente. Perché il lavoro non scompare, ma cambia e richiede competenze aggiornate, forme di partecipazione diverse, rinnovate modalità di distribuzione di risorse e responsabilità. “E la sfida più grande per la nostra società è dare a tutti la possibilità di avere un bel lavoro, che non solo permetta di vivere la propria vita in sicurezza e salute, ma che offra le soddisfazioni, le gratificazioni e la qualità della vita che costituiscono oggi le giuste aspirazioni di ogni essere umano”, è il suo messaggio.

Alfonso Fuggetta, Grandi dimissioni, Un bel lavoro


Elisa Marasca

Elisa Marasca

Elisa Marasca è giornalista professionista e consulente di comunicazione. Laureata in Lettere Moderne all’Università di Pisa, ha conseguito il diploma post lauream presso la Scuola di Giornalismo Massimo Baldini dell’Università Luiss e ha poi ottenuto la laurea magistrale in Storia dell’arte presso l’Università di Urbino. Nel suo percorso di giornalista si è occupata prevalentemente di temi ambientali, sociali, artistici e di innovazione tecnologica. Da sempre interessata al mondo della comunicazione digital, ha lavorato anche come addetta stampa e social media manager di organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali, soprattutto in ambito culturale.

libro_rinoceronte

Dopo i cigni neri è l’ora dei rinoceronti grigi

/
La crisi finanziaria del 2008, la pandemia da covid-19 e ...
da empoli

Per domare l’AI, serve equilibrio

/
Nel 2022 quando l’Intelligenza Artificiale (AI) stava vivendo un momento ...
Valentina Magri

Non è un mondo (del lavoro) per giovani

/
Il mondo del lavoro in Italia è caratterizzato da fenomeni ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano