Cambiare lavoro per non rinunciare allo Smart working

Cambiare (di nuovo) abitudini non è facile. Dopo il periodo iniziale di assestamento, la maggior parte dei dipendenti ha apprezzato il lavoro a distanza ereditato dai primi lockdown, tanto da considerare la diversa modalità operativa come la ‘nuova normalità’ nei rapporti di lavoro. Con l’avanzare della campagna di vaccinazione, i tentativi delle aziende di riportare le persone in ufficio si stanno perciò scontrando con i desideri di un numero crescente di persone, che vorrebbe continuare a lavorare… da casa.

Se big del calibro di Google, Ford e Citigroup hanno promesso grande flessibilità al personale, la maggior parte delle organizzazioni (e dei manager) ha preteso il rientro in sede. I sostenitori del lavoro in presenza non sono, però, riusciti a convincere del tutto i lavoratori. Almeno stando ai numeri: una ricerca condotta a maggio 2021 su circa 1.000 dipendenti statunitensi ha rivelato che il 39% prenderebbe seriamente in considerazione l’eventualità di licenziarsi se la propria azienda non si dimostrasse flessibile sul fronte del Remote working. È una questione soprattutto generazionale: tra Millennial e Generazione Z la percentuale sale al 49%, secondo il sondaggio realizzato da Morning Consultant per la testata giornalistica Bloomberg.

Quasi quattro lavoratori su 10, dunque, preferirebbero lasciare l’attuale posto di lavoro piuttosto che rinunciare al lavoro a distanza. Tra i vantaggi che i dipendenti non vogliono proprio abbandonare occupano un posto di rilievo l’assenza di spostamenti e i risparmi derivanti dal far coincidere casa e ufficio. Secondo una survey di FlexJobs, più di un terzo dei remote worker sostiene di aver messo da parte almeno 5mila dollari l’anno lavorando da remoto. Nelle considerazioni di quanti preferirebbero continuare a operare da casa rilevano anche il ridotto rischio di esposizione al Covid, la possibilità di restare vicini alla propria famiglia e le responsabilità di cura verso i figli.

Fonte: Bloomberg

Smart working, lavoro a distanza, licenziamento


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Estonia e Islanda, i paradisi (europei) degli smart worker

Estonia e Islanda, i paradisi (europei) degli smart worker

/
A bordo piscina, alle pendici di una montagna innevata o ...
Liberiamoci dalle video call con lo Zoom-free day

Liberiamoci dalle video call con lo Zoom-free day

/
Per molte aziende, alle prese con la gestione di una ...
Il volano della formula semplificata per lo Smart working

Il volano della formula semplificata per lo Smart working

/
Se è vero che lo Smart working è ormai pratica ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano