Dati, dallo sfruttamento a occasione di business per le PMI

Che cosa sta succedendo nel mondo del business dei dati? Tim Cook, CEO di Apple, ha iniziato di recente la sua ‘guerra’ contro gli altri colossi che gestiscono i dati (Google e company, per intenderci) con l’accusa di eccesso di violazione della privacy dei cittadini. Si tratta di un business che – secondo il The european data market monitoring tool, di gennaio 2021 della Commissione europea – solo in Europa vale già 325 miliardi di euro (2,6% del Prodotto interno lordo) e che si prevede varrà più di 550 miliardi nel 2025. E il contesto normativo si sta dimostrando decisamente inadeguato a regolamentarlo.

Si consideri, infatti, che tale business si basa prevalentemente sui dati personali dei cittadini, sollevando il problema della privacy e dello sfruttamento di tali informazioni senza alcun riconoscimento del valore ai legittimi proprietari. Il tema sta diventando molto caldo anche in Europa (specialmente in Germania e Regno Unito), nonostante siamo stati i primi nel mondo a tentare di regolamentare tale business.

Quali evoluzioni si possono prevedere a riguardo? Il regolamento europeo su privacy e dati – il cosiddetto General data protection regulation (Gdpr), operativo dal 25 maggio 2018 – si è già dimostrato inadeguato per gli scopi per cui era stato attivato e per le modalità previste. Infatti il Gdpr prevede che la divulgazione e l’uso dei nostri dati personali da parte delle imprese che li ottengono-detengono possa avvenire solamente attraverso l’ottenimento di liberatorie (i ben noti “consensi”). Ma l’utilizzo della logica dei consensi si è rivelata in realtà molto poco ‘tutelante’, in quanto il cittadino-cliente li concede senza essere ben consapevole delle implicazioni connesse, spesso lo è solo superficialmente, o per poter procedere nella navigazione sui siti internet oppure ancora perché proposti in modo non molto chiaro.

I dati cui tale regolamentazione si riferisce sono quelli considerati nel 2018, cioè dati di tipo statico: nome, indirizzo, targa dell’auto, ID, ecc. Si tratta di dati che sono poi utilizzati come Data Set (per esempio i dati sui consumi elettrici settimanali) per tutte le analisi utili ai fini commerciali, sanitari, sociali e altro. L’esplosione dell’uso degli smartphone, delle App e dell’Internet of Things (IoT) sta però ora producendo dati ben più interessanti per il business (ma anche per usi sociali e sanitari), cioè dati dinamici, che rappresentano informazioni su spostamenti e comportamenti. Non si tratta più di semplici Data Set, ma di flussi di dati in tempo reale (Data stream), che forniscono, per esempio, informazioni sugli spostamenti fisici, ma anche sulle nostre navigazioni in Internet (i ‘comportamenti’ in senso lato).

Per questa tipologia di dati – molto intrecciati come responsabilità tra operatori telefonici, gestori di smarthphone, App di geolocalizzazione e di tutti i tipi – occorre ora una diversa e maggiore attenzione, non contemplata dal Gdpr. Sono in corso importanti discussioni a riguardo e ogni giorno i media ne riportano qualcuna. La Commissione europea è ben conscia dell’inadeguatezza della normativa, ma è altrettanto conscia che non è possibile tenere sotto controllo gli imprevedibili sviluppi delle tecnologie digitali sviluppate per nuovi business basati sul valore dei dati. Il tutto nel contesto della diffusione in corso dell’uso delle Blockchain e delle criptovalute, che pongono ulteriori problemi e complicazioni a riguardo.

Un nuovo approccio di tutela per i cittadini-utenti

Occorre quindi trovare un modo più efficace per garantire al cittadino-utente-cliente una tutela adeguata sull’uso dei suoi dati personali da parte di terze parti. Occorre prendere atto che il concetto di ‘privacy dei dati’ è di fatto superata nella nuova realtà, in quanto concepita all’era pre-Internet’, quando i dati personali erano un insieme di informazioni statiche (dati anagrafici, ID, consumi, ecc.). Si prevedeva che questi dati sarebbero stati utilizzati per un insieme limitato di servizi e da un numero limitato di parti, come datori di lavoro, banche, assicurazioni, servizi pubblici, medici, ecc. L’obiettivo delle normative era dunque proteggere questi set di dati dall’utilizzo da parte di terze parti non autorizzate; inoltre ciò doveva avvenire principalmente garantendo che i repository di dati statici non fossero vulnerabili ad attacchi esterni e attraverso garanzie contrattuali da parte delle organizzazioni utilizzatrici.

I dispositivi connessi a Internet – smartphone, telematica automobilistica, contatori di energia intelligenti, dispositivi indossabili – stanno però ora trasformando i nostri asset e noi stessi abbiamo i nostri digital twin (i gemelli digitali) che producono flussi di dati che descrivono puntualmente il nostro stato e i nostri comportamenti. La disponibilità di questa quantità di informazioni è senza precedenti e consente alle aziende, e a ogni tipo di organizzazione, di fornirci servizi sempre più innovativi, quali per esempio il monitoraggio dei rischi per la salute e la sicurezza, proposte basate sulle tipologie di consumo, la guida autonoma, ecc.

In questo nuovo contesto dovremmo ora essere messi in grado di decidere unilateralmente quale di queste parti possono avere accesso ai flussi di dati generati dai nostri dispositivi e dovremmo essere messi in grado di cambiare idea in qualsiasi momento, per esempio concedendo l’accesso ad alcune parti e revocandolo ad altre. Ma come ben sappiamo oggi non è così. I nostri dati – praticamente tutti, compresi quelli sanitari e finanziari – sono attualmente di fatto a disposizione e usati dai big player di Internet per fini non sempre ben esplicitati al momento della sottoscrizione di un loro servizio. Di ciò siamo complici inconsapevoli noi stessi quando diamo superficialmente i nostri consensi a proposte di servizio e specialmente accettando alcuni cookies durante la nostra navigazione sul web. Stiamo purtroppo scoprendo ora che tali dati spesso vengono usati anche in modo illegale dalle aziende che li detengono o ne vengono in possesso; si pensi alle recenti sanzioni comminate a diversi operatori telefonici.

Esiste inoltre, purtroppo, anche un mercato nero, operante prevalentemente nel Dark Internet, dove i nostri dati sono venduti al miglior offerente o a chiunque. È recente la notizia di una proposta apparsa sul web di un set di oltre 1 milione di dati personali offerti alla cifra di 450 euro a chiunque li volesse. Come conseguenza dell’adozione diffusa di dispositivi connessi che generano flussi continui di dati, la tutela della privacy è diventata dunque praticamente impossibile. Il focus normativo e tecnologico è quindi costretto a spostarsi dal velleitario obiettivo di tutela della privacy attraverso la protezione del database contenente i set dei dati generati dai nostri dispositivi (contatori, black box, smartphone, ecc.) alla protezione dei dati alla fonte, cioè prima di ogni possibile intervento da parte di terzi. Ciò significa poter intervenire nel momento della generazione del dato, direttamente nel dispositivo che genera il flusso dei dati stesso.

Si tratta di passare dal concetto di privacy dei dati, cioè protezione dei set di dati dall’accesso da parte di parti non autorizzate, al concetto di proprietà dei dati, che implica la facoltà-diritto di concessioni e revoche da parte dei generatori-proprietari dei flussi di dati. Questo concetto diventa quindi centrale nel tema della portabilità dinamica dei dati, come descritto dalla Commissione Ue: “Le nuove tecnologie digitali decentralizzate come la Blockchain offrono un’ulteriore possibilità per le persone e per le aziende di gestire i flussi di dati e il loro utilizzo, sulla base della libera scelta individuale e dell’autodeterminazione. Tali tecnologie renderanno possibile la portabilità dinamica dei dati in tempo reale per privati e aziende, insieme a vari modelli di remunerazione per il loro utilizzo”.

Decentralizzare il controllo sui dati

A tal fine occorrerebbe promuovere lo sviluppo di un sistema operativo europeo di tipo open source, che possa garantire quanto descritto, e cioè che la proprietà dei dati venga assicurata sin dal punto di generazione dei flussi di dati, cioè dai nostri dispositivi connessi. Ciò significa decentralizzare il controllo dell’accesso ai dati (che oggi è invece centralizzato nei market place gestiti dai big player di Internet), rimettendolo nelle mani dei legittimi proprietari – i cittadini-utenti – che potranno personalmente concedere e revocare il consenso all’utilizzo degli stessi a terze parti. In tale configurazione l’unico ruolo del data hub centralizzato che riceve dati da dispositivi connessi dovrebbe essere quello di un broker ‘cieco’, vale a dire uno strumento che ha la sola responsabilità di distribuire dati crittografati, senza avere visibilità su di essi né la possibilità di raccoglierli.

Questi ‘mediatori ciechi’ sono gli intermediari dei dati neutri descritti dall’Ue. Gli intermediari dei dati dovrebbero essere semplici fornitori di servizi di condivisione degli stessi, essendo indipendenti sia dai titolari dei dati sia dagli utilizzatori. Hanno come obiettivo principale la creazione di un business, di una relazione giuridica, e potenzialmente anche tecnica, tra i proprietari dei dati da un lato e i potenziali utilizzatori dall’altro (eventualmente con smart contract in Blockchain). Assistono entrambe le parti in una transazione di asset di dati, con l’obiettivo di intermediare tra un numero indefinito di titolari di dati e di utilizzatori di dati.

Chiaramente non è oggi così per gli attuali sistemi operativi mobili, che consentono invece ai loro proprietari, per esempio Alphabet e Apple, di avere piena visibilità su tutti i dati generati dai sensori presenti nei nostri smartphone. I giganti tecnologici americani e cinesi stanno già monetizzando largamente i nostri dati, senza coinvolgerci nella catena del valore del dato, cioè senza riconoscerci nulla a fronte di quanto guadagnano usando e/o vendendoli. Si pensi che le aziende quotate con maggiore capitalizzazione sono attualmente le aziende che basano il loro business sui dati (Alphabet, Google, Tesla, ecc).

L’Ue, al fine di dare alle nostre imprese la possibilità di competere anche esse su questo mercato, dovrebbe quindi aggiornare le proprie politiche decentralizzando i diritti di monetizzazione dei dati, consentendo cioè ai legittimi proprietari degli stessi di cederli in cambio di servizi o cashback o token. Le imprese europee avrebbero così la possibilità di creare i propri hub di scambio di dati, in cui i loro clienti business e retail potrebbero condividere liberamente i flussi di dati generati dai dispositivi connessi con i partner commerciali della società in cambio di servizi o altro.

Le grandi società genererebbero ricavi dalla gestione di tali hub di scambio di dati – con percentuali sulle transazioni – moltiplicando così il valore dei loro investimenti IoT (per esempio nei contatori intelligenti o nella telematica automobilistica). Le Piccole e medie imprese avrebbero un accesso senza precedenti a flussi di dati in tempo reale, che sono dati di grande valore. Tali hub di scambio di dati costituirebbero infine quei “pool di dati interoperabili a livello nativo” descritti dalla Commissione europea.

Per fare quanto auspicato occorrono nuove piattaforme tecnologiche capaci di far gestire l’utilizzo dei flussi di dati, con criptazione end-to-end, direttamente da parte del proprietario-produttore degli stessi. In questo modo egli può scegliere tra gli utilizzatori a lui proposti dal broker gestore dell’hub e poi gestirli attraverso una logica dinamica di grant & revoke a fronte dei benefici che gli vengono dati in cambio. Tali piattaforme sono ancora rare, ma val la pena di notare che la più avanzata a riguardo è probabilmente quella sviluppata da una startup italiana (Ecosteer), che ha già ottenuto brillantemente e velocemente un patent negli Usa in soli due mesi. Una conferma dell’interesse mondiale a riguardo e della bontà della soluzione.

affective commitment, dati, privacy, Gdpr


Giorgio Merli

Giorgio Merli è autore di numerosi libri e articoli sul management pubblicati in Europa e negli Usa; è consulente di multinazionali e Governi, oltre che docente in diverse università in Italia e all’estero. È stato Country Leader di PWCC e di IBM Business Consulting Services

Attacchi informatici, nell’era dei Big data serve la prevenzione

Attacchi informatici, nell’era dei Big data serve la prevenzione

/
Non solo sono aumentati, ma sono pure cambiati; perfezionandosi sempre ...
Le morti sul lavoro impongono alle aziende una scelta di valore

Le morti sul lavoro impongono alle aziende una scelta di valore

/
Le recenti notizie degli operai morti sul lavoro – come ...
IT, se ci sei batti un colpo

IT, se ci sei batti un colpo

/
Il lavoro da remoto ha messo a dura prova i ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano