In Romania un’azienda su tre cerca lavoratori stranieri

A caccia di talenti dall’estero. In Romania, quasi un’azienda su quattro progetta di assumere lavoratori stranieri nel prossimo periodo. L’11% delle imprese ammette di aver già mosso i primi passi in questa direzione e il 22% non esclude questa opzione.

Secondo i dati raccolti dalla locale piattaforma di recruitment BestJobs, più del 70% delle imprese rumene si starebbe predisponendo ad assumere personale straniero a causa della mancanza di forza lavoro specializzata nel mercato interno.

Tra le ragioni della scelta di importare personale dall’estero, ci sarebbero anche la bassa produttività dei dipendenti rumeni (36% degli intervistati) e le richieste salariali considerate eccessive rispetto ai requisiti del lavoro o alle attitudini dei candidati (27%).

Eppure, i lavoratori stranieri sono particolarmente richiesti anche per mansioni poco specializzate. Le posizioni per cui le aziende sembrano più disposte ad assumere all’estero riguardano, infatti, in prevalenza lavoratori non qualificati (45%). Sono comunque molto ricercati anche ingegneri e specialisti in vari campi (41%) e lavoratori già formati (33%), così come coloro che lavorano nel mondo ICT (12%) e nel management (8%).

Per attrarre il personale di cui ha bisogno, circa il 40% delle compagnie progetta di implementare entro l’anno i sistemi che consentono di lavorare da remoto o da casa, ma solo un terzo degli intervistati rivela di averne esperienza. La maggior parte delle imprese coinvolte nella ricerca (41%) ammette, infatti, che solo il 10% del personale potrebbe beneficiare dello Smart working.

Le posizioni più adatte al lavoro da remoto, nell’opinione dei datori di lavoro, sono quelle dei settori ICT, finance, marketing e vendite. All’opposto, nessun vantaggio ne deriverebbe per chi è impiegato nella produzione, nel management o ricopre incarichi tecnici.

Fonte: Romania Insider

Smart working, Romania, BestJobs piattaforma, assunzione lavoratori stranieri


Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Lo stipendio viene prima della carriera

Lo stipendio viene prima della carriera

/
Nell’era delle incertezze, il lavoro (quando c’è) va preservato. Anche ...
Che fine fanno candidati e recruiter che spariscono all’improvviso?

Che fine fanno candidati e recruiter che spariscono all’improvviso?

/
Al tempo delle relazioni nate sui social o su un’App ...
La formazione a distanza non ha età

La formazione a distanza non ha età

/
La vera sfida per il futuro del lavoro è di ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano