Convivio_Caracciolo

La competenza dei nuovi manager tra formazione e informazione

Viviamo un momento in cui si parla sempre di gestione dell’emergenza attuale, ma è necessario anche guardare a scenari futuri. Per farlo, però, serve una visione globale e strutturata. L’Italia, invece, ha esclusivamente una visione economicistica delle relazioni internazionali. Manca una guida strategica. Cioè manca una classe dirigente formata e informata, in grado di presentarsi sulla scena internazionale in modo attivo, senza dover subire le decisioni delle altre potenze, anche quelle che – sulla carta – hanno un impatto minore del nostro. È dunque necessaria una formazione che infonda nozioni fondamentali per chi deve guidare un Paese o un’azienda; che fornisca strumenti in grado di leggere il presente e interpretarlo nel modo corretto.

Si può riassumere così il lungo dialogo fra Lucio Caracciolo, Direttore e fondatore di Limes, rivista di geopolitica che di recente ha lanciato una scuola per formare la nuova classe dirigente, e Francesco Varanini, manager, formatore, consulente, scrittore, docente e Direttore Responsabile della rivista Persone&Conoscenze, nonché Direttore Scientifico di Assoetica. Il confronto è avvenuto durante Il Convivio di Persone&Conoscenze, evento tenutosi l’11 marzo 2021, promosso dalla casa editrice ESTE e di cui Parole di Management è stato Media Partner.

La nostra classe dirigente è vittima di un sistema di formazione pieno di lacune, soprattutto nella proiezione internazionale, ha sostenuto Caracciolo. Scuole e università tendono a creare algoritmi universali, chiavi in grado di gestire ogni situazione e confrontarsi con ogni Paese. Serve, invece, una cognizione di fondo su culture e tecniche negoziali dei Paesi con cui ci si deve interfacciare, sui rischi e le opportunità (condizionati anche dalla geopolitica) di relazionarsi con una determinata cultura.

Il manager più efficiente è quello che ha dimenticato ciò che ha imparato”, ha continuato Caracciolo. “In una fase dinamica e di grandi cambiamenti, come quella che stiamo vivendo, è importante avere flessibilità: non si può pensare di essere efficienti con strumenti, metodi e concetti obsoleti”.

Compito della formazione manageriale, dunque, è insegnare a valutare la stabilità della controparte, per analizzare – per esempio – la possibilità investire o stipulare contratti di lungo periodo. Per farlo è fondamentale conoscere cultura, storia e geografia del Paese di riferimento. Ogni territorio, infatti, ha codici specifici – a partire da quello linguistico – che hanno analogie, ma anche profonde differenze rispetto ai nostri, serve capacità di differenziare e approfondire, confrontandosi costantemente con colleghi esteri.

formazione manageriale, convivio, classe dirigente, caracciolo

Attitudini e competenze IT per gestire le crisi

Attitudini e competenze IT per gestire le crisi

/
Le behavioural skill sono un insieme di competenze di natura ...
Una roadmap digitale per le Piccole e medie imprese

Una roadmap digitale per le Piccole e medie imprese

/
La digitalizzazione è una tappa (quasi) obbligata per le aziende, ...
Il lavoro in pandemia si trova con Stem e problem solving

Il lavoro in pandemia si trova con Stem e problem solving

/
Il 2020 è stato un anno di svolta per il ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano