corsa_ameba

La corsa dell’ameba

Il ricordo è riaffiorato durante il lungo domenicale. Era nascosto in un cassetto della memoria, che aspettava solo di essere rispolverato. Improvvisamente m’è tornato alla mente quando mi stavo apprestando a fermarmi al secondo ‘ristoro’ improvvisato, trovandolo – drammaticamente – non funzionante. E così nel mio costante (ri)adattamento dell’allenamento mi sono ricordato dell’ameba concept.

Sono convinto di averne letto qualcosa in un articolo scientifico di Sviluppo&Organizzazione almeno una decina d’anni fa e da allora l’ho spesso adottato come stile di vita. L’ameba è un essere vivente dalla straordinaria capacità di adattarsi in continuazione all’ambiente circostante. Più che una persona priva di volontà – è questa la declinazione popolare indicata anche dai dizionari – preferisco focalizzare l’attenzione sull’adattamento, caratteristica da cui, ammetto, ho preso più volte ispirazione. E ai più scettici, dico che Kazuo Inamori, attuale presidente onorario di Kyocera, lo ha elevato declinandolo nell’Amoeba management.

Per esempio, in occasione dell’ultimo allenamento, ho dovuto riadattare in continuazione vari aspetti della corsa. Non che fosse una novità, perché l’adattamento è tipico del runner: da sempre si esce con ogni tipo di clima e ogni temperatura. Mi capita spesso di rispondere a parenti e amici che mi chiedono se si corra anche con la pioggia: esistono pochi ‘nemici’ del runner, ma di certo tra questi non c’è la pioggia. Sì, si corre sotto l’acqua (non si corre con il temporale!). Perché? Perché a distanza di mesi dall’inizio della preparazione, non si potrà mai avere la certezza delle condizioni meteo della gara. E dunque bisogna prepararsi ad affrontare ogni condizione. Il mondo Vuca (volatile, incerto, complesso e ambiguo) è perfettamente rappresentato nella corsa.

Ma torno allo spirito di adattamento che mi ha fatto ricordare l’ameba. Come spesso mi accade ultimamente, ho ignorato ben due sveglie, alzandomi dal letto ben 30 minuti dopo rispetto al programma che avevo ideato la sera precedente. E così durante la preparazione per l’uscita ho riadattato l’allenamento al nuovo tempo a disposizione nella ‘finestra’ temporale faticosamente concordata con la famiglia. Niente lungo di 32 chilometri, ma nuovo obiettivo di 25-28 chilometri, con ristori al sesto, 12esimo e 20esimo chilometro.

Arrivato sulla mia ‘pista’ di allenamento, faccio avanti e indietro nel primo tratto di naviglio, e tutto fila liscio, finché arrivo al secondo tratto dove mi aspetta la casetta dell’acqua (quella struttura dove si possono ricaricare le bottiglie) e scopro che è fuori servizio. A questo punto riprendo a correre, valutando il da farsi. C’è una fontanella a circa altri quattro chilometri sul mio percorso, che avevo però considerato come ristoro nel tratto di ritorno, per avere lo spunto nella parte finale. Meglio proseguire con il piano originale, allungando la seconda frazione a ben 14 chilometri oppure inventarsi una fermata al 16esimo chilometro e stringere i denti fino alla fine?

La prima opzione mi ricorda tanto il ‘si è sempre fatto così’ tipico di chi non ha la voglia di mettersi in gioco; la seconda, invece, la considero una scommessa: di certo mi consentirà di ricaricare subito le batterie, ma non è detto che poi ne avrò per arrivare fino in fondo. Ma, si sa, è fuori dalla zona di comfort che ci sono gli obiettivi da raggiungere… Facile intuire come siano andate le cose.

Quando qualcuno scopre la mia passione per il running e per la maratona, non di rado affronto lo stupore dell’interlocutore. A parte che, ricordo, esistono le ultra maratone (le distanze oltre la maratona), ciò che stupisce me, invece, è che tutti si interessano a come sia possibile correre per 42 chilometri. Il 42esimo chilometro è il più facile da percorrere, perché i veri ‘problemi’ arrivano ben prima. Dunque, è inutile pensare al rush finale; meglio concentrarsi su ogni singolo chilometro e a come correre quello successivo. Perché ogni maratona inizia dal primo passo. E dalla capacità di adattarsi agli innumerevoli imprevisti. Un po’ come nella vita. Ecco perché essere ameba, ogni tanto, può essere utile.

maratona, corsa, running, ameba management, spirito adattamento


Avatar

Dario Colombo

Articolo a cura di

Giornalista professionista e specialista della comunicazione, da novembre 2015 Dario Colombo è Caporedattore della casa editrice ESTE ed è responsabile dei contenuti delle testate giornalistiche del gruppo. Da luglio 2020 è Direttore Responsabile di Parole di Management, quotidiano di cultura d'impresa. Ha maturato importanti esperienze in diversi ambiti, legati in particolare ai temi della digitalizzazione, welfare aziendale e benessere organizzativo. Su questi temi ha all’attivo la moderazione di numerosi eventi – tavole rotonde e convegni – nei quali ha gestito la partecipazione di accademici, manager d’azienda e player di mercato. Ha iniziato a lavorare come giornalista durante gli ultimi anni di università presso un service editoriale che a tutt’oggi considera la sua ‘palestra giornalistica’. Dopo il praticantato giornalistico svolto nei quotidiani di Rcs, è stato redattore centrale presso il quotidiano online Lettera43.it. Tra le esperienze più recenti, ha lavorato nell’Ufficio stampa delle Ferrovie dello Stato italiane, collaborando per la rivista Le Frecce. È laureato in Scienze Sociali e Scienze della Comunicazione con Master in Marketing e Comunicazione digitale e dal 2011 è Giornalista professionista.

Dario Colombo


Organizzazione_network

Il management sussidiario come via per l’organizzazione creativa e sostenibile

/
La cultura del business è sempre più la cultura della ...
Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

Gummy Industries e il modello organizzativo senza capi

/
Da una tradizionale organizzazione gerarchica, alla costruzione di business unit ...
Il cambiamento come risposta alle crisi

Il cambiamento come risposta alle crisi

/
Viviamo nell’epoca a maggiore intensità di cambiamento della storia. Solo ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano