competenze_digitali

Competenze digitali e divari regionali nelle PMI italiane. Le Appendici online

A integrazione dell’articolo “Competenze digitali e divari regionali nelle PMI italiane” scritto da Davide Arcidiacono, Ivana Pais, Samuele Poy e Alessandro Rosina, sul numero di novembre-dicembre 2020 di Sviluppo&Organizzazione, pubblichiamo di seguito le Appendici online 1 e 2  a corredo del pezzo.

 

Appendice online 1

La scelta del collettivo di studio

Le imprese coinvolte con le azioni di Eid (edizione 2017) tra il maggio e il luglio 2017 sono complessivamente 1.586. Per 1.347 di esse sono disponibili in modo completo informazioni d’impresa e sulle caratteristiche socio-anagrafiche del rispondente: la localizzazione geografica (la provincia dove la PMI opera), il numero di dipendenti per classi (se impresa individuale, 2-4 dipendenti, 5-9 dipendenti, oppure 10 dipendenti e più), il settore d’attività economica (riconducibile in almeno tre classi: commercio, industria, servizi); il genere, l’età, il ruolo in impresa (se proprietario o dirigente, oppure altro ruolo) del rispondente.

Nell’ambito del primo questionario (pre partecipazione) ai partecipanti è stata chiesta la disponibilità a essere ricontattati ad alcuni mesi di distanza per una ulteriore indagine di follow-up (novembre 2017). Tra le 1.347 imprese, 952 hanno fornito il proprio assenso e una email valida per essere ricontattate. L’indagine di follow-up è stata realizzata nel mese di novembre 2017 e ha avuto un tasso di risposta del 35% circa, raggiungendo con l’indagine post partecipazione 346 imprese, cioè quelle che formano il campione di stima utilizzato nel presente studio. Il campione di rispondenti è risultato, dunque, auto-selezionato nelle diverse fasi di raccolta dei dati. Di seguito si presenta una serie di prove realizzate per testare la rappresentatività del campione (le 346 imprese) in relazione alla popolazione di imprese di partenza.

Per valutare lungo quale dimensione il processo di auto-selezione abbia comportato ripercussioni sulla rappresentatività della popolazione di imprese coinvolte, è possibile utilizzare alcune informazioni sulle caratteristiche osservabili (d’impresa e del rispondente al questionario) per valutarne la relazione statistica con la probabilità, in primis, di fornire l’assenso a essere ricontattati nell’ambito dell’indagine post partecipazione. Per quanto non sia possibile tenere conto di fattori non osservati (per esempio altre variabili non rilevate) e/o non osservabili (propensioni individuali), tale valutazione permette una prima stima sulla rappresentatività del campione di rispondenti rispetto alla popolazione di riferimento. Viene quindi utilizzata una regressione logit dove la variabile dipendente è una dummy 1/0 (assenso-dissenso a essere ricontattati per indagine post partecipazione) e le variabili indipendenti sono le caratteristiche sopraelencate.

Viene inclusa anche una variabile utile a controllare per la dimensione del mercato del lavoro locale (la popolazione provinciale). I risultati di stima del modello statistico, espressi in odds ratio, sono presentati in Tabella A1, Panel A. Non si rilevano per la maggior parte delle caratteristiche osservabili considerate una relazione statisticamente significativa con la probabilità che i rispondenti abbiano fornito il consenso a essere ricontattati per l’indagine post partecipazione rispetto alla probabilità stimata del caso contrario. Infatti, tra le diverse variabili, risultano in relazione statistica significativa solo il genere del rispondente (odds ratio più basso per le donne rispetto agli uomini), la localizzazione d’impresa presso il Centro Italia (odds più basso rispetto al Nord Italia) e l’età (seppur per una dimensione limitata). Non si rilevano, in questa prima fase di auto-selezione dei rispondenti (rispetto alla popolazione di imprese di partenza), caratteristiche associate in modo sistematico all’aver prestato o meno il consenso a essere ricontatti per l’indagine post partecipazione.

Utilizzando la stessa logica è possibile verificare la relazione tra i diversi indicatori d’impresa e le caratteristiche socio-anagrafiche del rispondente con la propensione alla compilazione effettiva del questionario post partecipazione. Infatti, a fronte di 952 imprese che hanno dato il consenso a essere ricontattate, 346 hanno effettuato la compilazione del questionario post partecipazione. I risultati sono in Tabella A1, Panel B. In questo caso, si rilevano invece una più ampia lista di coefficienti odds statisticamente significativi, che riguardano l’area territoriale (Centro), il numero di dipendenti dell’impresa (con maggior probabilità stimata di compilazione nelle imprese con 2-4 dipendenti e in quelle con 10 dipendenti e più rispetto alle imprese individuali) e il settore economico (nei servizi, rispetto al commercio, in proporzione minore). Anche l’età appare in relazione statisticamente significativa seppur la dimensione della relazione è ancora limitata.

In considerazione dei risultati al Panel A., Tabella 1, si è quindi scelto di operare una strategia di pesatura per ricalibrare le 346 osservazioni (imprese che hanno compilato il questionario post partecipazione) in relazione alle principali caratteristiche d’impresa (area territoriale, numero di dipendenti, settore d’attività economica) come da proporzioni osservate nella popolazione di partenza (1.347 imprese). A tal fine si è utilizzato il comando ipfweight del software statistico Stata. Il calcolo dei pesi, applicato alle osservazioni e utilizzato infine nelle stime presentate, consente di pesare le 346 osservazioni riproducendo le quote osservate nella popolazione di partenza (per le variabili di pesatura utilizzate) con una approssimazione massima pari a 0,03 punti percentuali (l’elaborazione dei dati senza pesatura delle osservazioni non modifica, in ogni caso, sostanzialmente le stime di correlazione e la cornice di senso discussa nel testo. I risultati sono disponibili presso gli autori).

Nota: significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

 

In Tabella A2 è mostrata, a fini descrittivi, la distribuzione di alcune caratteristiche del collettivo in esame. Il 47,1% delle imprese è localizzato nel Nord Italia, il 26,3% nel Centro e il 26,6% nel Sud. La dimensione media è ridotta proprio per il motivo che il programma Eid 2017 era indirizzato a PMI. In dettaglio, il 31,6% sono imprese individuali; mentre, il 32,3% ha 2-4 dipendenti. Per quanto concerne il settore d’attività economica, fanno parte del campione soprattutto imprese operanti nell’ambito dei servizi (circa la metà del totale) e nell’industria (30,8%). Meno del 40% delle aziende ha partecipato in precedenza a percorsi di formazione sul digitale.

Passando alle principali caratteristiche socio-anagrafiche del rispondente, in media l’età è pari a 43,6 anni (l’età mediana è 44 anni), e la presenza di uomini e donne è bilanciata. Nel 53,3% dei casi il rispondente è il proprietario d’impresa oppure un dirigente apicale, nella rimanente quota il rispondente al questionario è un collaboratore informato (impiegato, operaio, altro).

Appendice online 2

I risultati dei modelli statistici

Il focus principale dell’articolo è il rapporto tra digitalizzazione e divari territoriali, per questo i coefficienti di stima presentati sono esclusivamente quelli relativi alle dummy territoriali.

 

Nota: la domanda del questionario (pre partecipazione) è la seguente: “Come giudica il livello di digitalizzazione complessivo della sua azienda? Lo valuti in relazione agli obiettivi che essa si prefigge”. Possibilità di risposta per valori di scala tra 1 (minimo) e 5 (massimo). Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato. Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

 

Nota: la domanda del questionario (pre partecipazione) è la seguente: “Lei e/o il personale della sua azienda possiede competenze digitali applicabili nei seguenti ambiti…”. Possibilità di risposta per valori di scala tra 1 (per nulla) e 5 (moltissimo). Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato. Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

Nota: la domanda del questionario (pre partecipazione) è la seguente: “L’azienda possiede…”. Possibilità di risposta sì/no. Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato. Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

Nota: la domanda del questionario (pre e post partecipazione) è la seguente: “Lei e/o il personale della sua azienda possiede competenze digitali applicabili nei seguenti ambiti…”. Possibilità di risposta per valori di scala tra 1 (per nulla) e 5 (moltissimo). La rilevazione avviene pre e post, ed è ricodificata in una nuova variabile che assume valore 1 se si registra per l’impresa un punteggio di scala più alto dopo, rispetto a prima della partecipazione; altrimenti è 0. Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato, il numero di seminari di Eid 2017 seguiti.  Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%.  Standard error in parentesi.

 

 

Nota: la domanda del questionario (post partecipazione) è la seguente: “A seguito della partecipazione a Eid 2017 la sua impresa ha già modificato, o intende modificare, le modalità con cui svolge le seguenti attività in azienda?”. Le possibilità di risposta sono sì/no. Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato. Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

Nota: la domanda del questionario (post partecipazione) è la seguente “Crede che, grazie alle nuove competenze acquisite, dopo la partecipazione a Eid 2017 (entro i 12 mesi seguenti), la sua azienda riuscirà a centrare i seguiti obiettivi?”. Possibilità di risposta per valori di scala tra 1 (per nulla) e 5 (moltissimo). Le variabili di controllo utilizzate sono: area territoriale, numero di dipendenti, settore economico, genere, età e ruolo del rispondente, la partecipazione dell’impresa a programmi sul digitale in passato. Significatività statistica dei coefficienti: *10%, **5%, ***1%. Standard error in parentesi.

 

 

 

L’articolo integrale è pubblicato sul numero di novembre-dicembre 2020 di Sviluppo&Organizzazione. Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

 

digitalizzazione PMI, digital divide, competenze digitali

Il Premio Mauro Meroni sostiene studi e ricerche sulla montagna

Il Premio Mauro Meroni sostiene studi e ricerche sulla montagna

/
È intitolato alla memoria di Mauro Meroni, giovane manager con ...
Fare serve più di sapere

Fare serve più di sapere

/
Qualifiche tecniche piuttosto che generici diplomi universitari. Anche la Cina ...
Formazione continua come la scuola: a distanza non funziona

Formazione continua come la scuola: a distanza non funziona

/
Il fondo For.te ha lanciato il grido d'allarme, denunciando la ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano