Disoccupazione e bassi compensi, il Covid penalizza i giovani

È la generazione che ha affrontato in soli 12 anni ben due crisi economiche globali: la crisi finanziaria nel 2008 e ora la pandemia. Il coronavirus, dicono gli osservatori, sta oscurando le prospettive lavorative di centinaia di migliaia di giovani.

In Spagna la metà di tutti i posti di lavoro persi dall’inizio della crisi da Covid-19 – circa 460mila –appartenevano a Under 35. Ad aprile 2020, la disoccupazione tra gli spagnoli di età compresa tra i 25 e i 29 anni è aumentata del 13,1%. Nel primo trimestre dell’anno ha raggiunto quota 33% tra i lavoratori sotto i 25 anni, due punti percentuali e mezzo in più rispetto all’ultimo trimestre del 2019.

I più penalizzati sembrano proprio coloro che nel 2008 avevano tra i 20 e i 29 anni e oggi hanno tra i 32 e i 41 anni, una generazione che in Spagna rappresenta il 14,2% della popolazione secondo l’Istituto di statistica Ine. I giovani entrati nel mondo del lavoro nel pieno della crisi finanziaria, tra il 2008 e il 2013, devono ora fronteggiare un nuovo colpo nel momento in cui stavamo cominciando a rimettersi in piedi e camminare sulle proprie gambe.

“L’impatto sarà enorme perché i giovani sono partiti in una situazione già vulnerabile, caratterizzata da grande precarietà, e non hanno ancora finito di pagare il conto della crisi precedente”, ha detto a El País María Angeles Davia Rodríguez, professoressa all’Università di Castilla-La Mancha.

Entrare nel mondo del lavoro in tempi di recessione, infatti, ha conseguenze negative e persistenti sull’andamento della retribuzione negli anni successivi. Secondo una ricerca di CaixaBank, tra il 2008 e il 2016 il salario medio dei lavoratori tra i 20 e i 24 anni è sceso del 15%, mentre le persone tra i 25 e i 29 anni hanno perso in media il 9% delle loro entrate. Con l’effetto di mettere da parte progetti di vita familiare e riducendo ancora il numero delle nascite.

Fonte: El País

giovani, Spagna, disoccupazione, Covid


Giorgia Pacino

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Giulio Giorello, maestro di libertà e tolleranza

Giulio Giorello, maestro di libertà e tolleranza

/
L’occasione di incontro e di scambio con Giulio Giorello, recentemente ...
mentorship

Formazione e upskilling, cresce il bisogno di una guida

/
La transizione verso il lavoro da remoto sta avendo un ...
bullismo_lavoro

Aiuto, il mio collega è un bullo

/
Il benessere sul posto di lavoro passa anche dal rapporto ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano