Il remote working e i limiti della tecnologia

Da quando la diffusione dell’epidemia da Covid-19 ha cambiato ritmi e modalità di lavoro, le video-conference hanno preso il posto delle riunioni live. Non sempre con i risultati sperati.

Secondo un sondaggio condotto dal think tank Parliament Street, il 31% delle compagnie inglesi, quasi un terzo, ha riscontrato problemi di connessione e crash del sistema durante un meeting cruciale. Più di un quarto dei manager (27%) non è riuscito a rivolgersi direttamente al proprio staff attraverso una video-call per aggiornare i propri collaboratori sulle implicazioni della crisi coronavirus. Due aziende su 10 hanno avuto difficoltà a gestire da remoto il payroll: per questo mese il 21% delle società britanniche si aspetta ritardi nel pagamento degli stipendi.

Il sondaggio ha coinvolto 200 decision maker di Piccole e medie imprese del Regno Unito, alle prese con le difficoltà di adattamento alle nuove modalità di lavoro in tempi di emergenza sanitaria. Sul fronte IT, la maggior parte delle aziende si è attivata per ordinare nuovi computer, laptop e smartphone per gestire il lavoro da remoto. Tuttavia, un terzo delle imprese non ha ritenuto di provvedere a un upgrade dei sistemi di sicurezza.

Per far fronte alla crescita del personale che opera a distanza, il 34% ha assunto supporto IT esterno e il 38% ha investito su video-training per allenare le digital skill dei suoi dipendenti. Alcune compagnie (42%) hanno introdotto quiz e attività di team online per sollevare il morale dei gruppi di lavoro.

Fonte: Facilities Management Journal

sicurezza, it, remote working, video-conference, limiti tecnologie


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

occupazione eurozona

L’Europa si rimette al lavoro

/
La disoccupazione nell’Eurozona è ai minimi storici e, a differenza ...
fringe benefit

Il fringe benefit è un bonus solo per le grandi aziende?

/
Una legge in Germania consente alle aziende di erogare al ...
capo_robot

In Cina comandano già i robot

/
È lunedì mattina e sei a Hong Kong a prendere ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano