Tutti contro Amazon… ma poi ci vogliono lavorare

Il Diavolo, ultimamente, non veste Prada. Anzi, per qualcuno… consegna pacchi. Ma, a quanto pare, a voler lavorare per lui sono sempre più persone. Da una survey di Semrush, piattaforma di Software as a Service (Saas) per la gestione della visibilità e del content marketing che ha analizzato le ricerche degli utenti sui motori online, risulta infatti che nel 2020 a voler lavorare per Amazon è il 236% in più di persone rispetto agli anni scorsi. Un numero non da poco e che fa riflettere, visto che in tanti non lesinano le critiche al gigante dell’ecommerce (sono note le posizioni per le quali c’è chi lo considera il ‘killer’ della piccola distribuzione, se non addirittura lo accusa di contribuire al pessimo stato di salute del Pianeta).

Mentre negli Usa Amazon deve far fronte alla volontà dei suoi lavoratori che stanno formando sindacati in seno al colosso della grande distribuzione e con la benedizione del nuovo Presidente Joe Biden, in Italia la partita è ancora tutta da giocare, in particolare rispetto agli operatori incaricati delle consegne. Proprio questi ultimi, secondo l’ultima notizia in termini di tempo, stanno organizzando uno sciopero generale su tutta la filiera il 22 marzo 2021, con i lavoratori che rivendicano l’indennità per il Covid, come concessa ad altre categorie (anche meno esposte).

Tuttavia, Amazon nel nostro Paese ha creato solo nel 2020 ben 2.600 nuovi posti di lavoro: un numero che in qualche modo permette di capire il motivo dietro alle ricerche degli utenti che sperano di trovare una posizione professionale all’interno dell’azienda, soprattutto in un anno nel quale i posti di lavoro in Italia sono drasticamente diminuiti a causa del Covid (con la perdita, secondo i dati dell’Inps, di 662mila posizioni). Amazon ha insomma rappresentato una certezza, dal momento che durante la pandemia le vendite sulla piattaforma hanno subìto un’esplosione epocale, e con esse le nuove posizioni, i nuovi hub e le nuove affiliazioni da parte delle piccole e medie imprese.

Mismatch tra disoccupazione e posti vacanti

Accanto a “lavorare con Amazon”, da quanto è emerso dalla survey di Semrush, i termini di ricerca più digitati sono risultati: “bonus per disoccupati” (+2.198% rispetto al 2019), “lavoro agile” (+800%), “lavoro a distanza” (+303%) e “Bartolini lavora con noi” (+71%). Tra i numeri e le righe si legge la volontà di lavorare secondo le nuove modalità, con il lavoro agile e a distanza che fanno capolino in un Paese che quasi non lo considerava e con le aziende della Logistica e della Distribuzione che sembrano ispirare fiducia in chi cerca un lavoro, vista la loro presenza massiccia sul territorio durante la pandemia.

I trend sono quindi ben visibili e ben delineati e il tema della ricerca di lavoro è quanto mai fondamentale. Un tema che viene affrontato anche durante l’evento (online) dal titolo Cacciatori di storie – Nuovi scenari per l’head hunting: l’intelligenza umana e l’algoritmo alla ricerca del profilo giustoUn incontro online organizzato dalla casa editrice ESTE (editore anche del nostro quotidiano) di cui Parole di Management è Media Partner, in programma il 31 marzo, dalle 9 alle 13. Focus dell’evento è il punto di incontro tra le aziende e i potenziali dipendenti, cercando di trovare una soluzione al gap tra la necessità di assunzioni e la difficoltà di trovare le persone adatte.

Spesso, infatti, la causa del mismatch tra la disoccupazione che sale e la difficoltà delle aziende di trovare le giuste risorse non è l’assenza di posti di lavoro o la scarsità di competenze, ma la mancanza di una giusta narrazione che, al di là del curriculum, possa mostrare ai potenziali datori di lavoro il reale bagaglio personale di chi si presenta come papabile dipendente. Cacciatori di storie vuole dunque favorire l’incontro tra le Direzioni del Personale e le persone, tra le HR e le aziende di recruiting, riflettendo sullo storytelling e sull’efficacia della narrazione laterale.

lavoro, occupazione, logistica, Amazon, Distribuzione


Sara Polotti

Sara Polotti è giornalista pubblicista dal 2016, ma scrive dal 2010, quando durante gli anni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (facoltà di Lettere e Filosofia) recensiva mostre ed eventi artistici per piccole testate online. Negli anni si è dedicata alla critica teatrale e fotografica, arrivando poi a occuparsi di contenuti differenti per testate online e cartacee. Legge moltissimo, ama le serie tivù ed è fervente sostenitrice dei diritti civili, dell’uguaglianza e della rappresentazione inclusiva, oltre che dell’ecosostenibilità.

Per tutti, ovunque, comunque: l’accesso al web come diritto

Per tutti, ovunque, comunque: l’accesso al web come diritto

/
La sfera dei diritti individuali non è più fatta solamente ...
Macchine e umani pari non sono

Macchine e umani pari non sono

/
Il dibattito sulla tecnologia coinvolge tutti, ma è caratterizzato da ...
supply_chain

Reagire ai fermi di produzione per la scarsità di materie prime

/
L’incertezza che con la pandemia ha colpito la gran parte ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano