virtual_onboarding

Vivere l’azienda lavorando a distanza

Durante il lockdown, l’interesse per il lavoro da remoto è aumentato a livelli vertiginosi. Dal 1 marzo al 26 maggio 2020, per esempio, LinkedIn ha registrato una crescita del 60% di ricerche degli utenti specificamente rivolte alle opportunità offerte a distanza. InfoJobs ha creato una nuova sezione dedicata, raccogliendo tutte le offerte di lavoro da remoto. E, nell’ultimo periodo, molti sono entrati a far parte di team di lavoro con persone che non hanno mai incontrato dal vivo.

La tendenza si riflette anche sulle attitudini di lavoratori e aziende. Tra i primi cresce il favore per forme di remotizzazione delle attività e le seconde si mostrano più aperte alla nuova modalità di lavoro. A oggi appena il 26% dei Chief Financial Officer (CFO) si dice preoccupato per l’eventuale perdita di produttività causata dall’home working, percentuale che raggiungeva il 63% allo scoppio della pandemia.

In realtà, il maggior timore adesso riguarda la capacità delle organizzazioni di riuscire a comunicare al meglio regole e valori aziendali ai nuovi assunti, che stanno vivendo la fase di onboarding soprattutto da casa. Il Financial Times ha raccolto alcune storie di imprese che si stanno relazionando con persone assunte da remoto attraverso il virtual recruitment. C’è chi sostituisce il tradizionale tour della sede con meeting su Zoom per raccontare storia ed evoluzione dell’impresa e chi organizza meet and greet lunch a distanza con servizi di delivery per il pranzo e videocall con il capo.

Anche inviare oggetti brandizzati, come la semplice tazza con il logo dell’azienda, aiuta i nuovi arrivati a sentirsi parte del gruppo. È importante, infatti, creare spazi informali per i dipendenti, come canali di comunicazione dedicati a hobby e interessi personali o programmi di affiancamento e tutorato per i nuovi assunti. Venendo meno la spontaneità tipica delle relazioni di ufficio, tocca all’azienda e ai colleghi creare momenti di incontro per aiutare l’inserimento dei nuovi assunti.

Fonte: Financial Times 

Smart working, remote working, onboarding


Giorgia Pacino

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

Pensione, no grazie: meglio lavorare

Pensione, no grazie: meglio lavorare

/
Le ragioni non sono solo economiche: al primo posto c'è ...
Le bugie hanno le gambe corte (non sul lavoro)

Le bugie hanno le gambe corte (non sul lavoro)

/
La metà dei dipendenti mente sul lavoro. E spesso lo ...
Remote working, la comunicazione si fa smart

Remote working, la comunicazione si fa smart

/
Il lavoro agile porta un cambiamento culturale nelle imprese, la ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

2019 © ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano