Olanda_segnalazione.jpg

Segnalazione obbligatoria per i lavoratori distaccati in Olanda

Da marzo 2020 sono diventate più rigide le regole sul lavoro in Olanda. Qualsiasi datore di lavoro europeo che intenda inviare un dipendente nei Paesi Bassi è tenuto a notificarlo alle autorità olandesi.

Allo stesso obbligo sono tenuti tutti i lavoratori autonomi non olandesi, che dovranno notificare lo svolgimento delle proprie attività tramite un portale online dedicato.

Con queste novità l’Olanda dà applicazione a una direttiva europea del 2014, adottata per garantire una migliore protezione dei diritti dei lavoratori distaccati e per evitare che le compagnie aggirassero termini e condizioni contrattuali.

In concreto, dal mese di marzo, il governo olandese richiederà a tutti gli stranieri lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi di determinati settori (costruzioni, pulizie, salute), provenienti da un Paese dell’Unione Europea o dalla Svizzera, di notificare incarichi temporanei o attività distaccate sul suolo olandese. Ciò include l’obbligo di comunicare la tipologia di lavoro e il periodo durante il quale verrà realizzato.

La notifica è richiesta alle compagnie che si recano temporaneamente nel Paese con il proprio personale per portare a termine un lavoro, a quelle che inviano in distacco temporaneo propri dipendenti della multinazionale per operare nella filiale olandese e alle agenzie di impiego temporaneo straniere che rendano disponibili i propri lavoratori per un determinato periodo di tempo. In aggiunta, i datori di lavoro stranieri dovranno segnalare l’arrivo di ogni dipendente distaccato sul territorio olandese.

Fonte: Global Compliance News

Olanda, lavoratori distaccati, segnalazione obbligatoria


Avatar

Giorgia Pacino

Articolo a cura di

Giornalista professionista dal 2018, da 10 anni collabora con testate locali e nazionali, tra carta stampata, online e tivù. Ha scritto per il Giornale di Sicilia e la tivù locale Tgs, per Mediaset, CorCom - Corriere delle Comunicazioni e La Repubblica. Da marzo 2019 collabora con la casa editrice ESTE. Negli anni si è occupata di cronaca, cultura, economia, digitale e innovazione. Nata a Palermo, è laureata in Giurisprudenza. Ha frequentato il Master in Giornalismo politico-economico e informazione multimediale alla Business School de Il Sole 24 Ore e la Scuola superiore di Giornalismo “Massimo Baldini” all’Università Luiss Guido Carli.

burnout

Burnout, chi rischia di più è l’HR

/
Sempre più Responsabili delle Risorse Umane sono a rischio burnout ...
Chi spegne la telecamera non fa carriera

Chi spegne la telecamera non fa carriera

/
Quando comunichiamo siamo ormai abituati a interpretare in maniera automatica, ...
Organizzazione_network

Il management sussidiario come via per l’organizzazione creativa e sostenibile

/
La cultura del business è sempre più la cultura della ...

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
TEL: 02 91 43 44 00 - FAX: 02 91 43 44 24
EMAIL: redazione.pdm@este.it - P.I. 00729910158

© ESTE Srl - Via Cagliero, 23 - 20125 Milano